Contenuto sponsorizzato

Negozi sfitti e rischio degrado, vicolo del Vò, a Trento, si sta spegnendo

In pochi metri ci sono cinque locali sfitti. I negozianti "Non c'è più il passaggio di una volta". La storica erboristeria Terra di Hara: "C'è degrado anche qui. La droga viene nascosta sopra le finestre del vicolo"

Di G. F. - 10 novembre 2016 - 12:19

TRENTO. Pittoresco e testimonianza di una Trento medievale, usato fino alla metà del 1800 per raggiungere la riva sinistra del fiume Adige, il vicolo del Vo' sembra ora attraversare un momento non proprio positivo.

 

Oggi funge da collegamento, assieme al vicolo dell'Adige, tra via Torre Vanga e via Manci. Con il passare degli anni, però, l'attrattività di uno dei luoghi storici caratteristici della città sembra essere diminuita.

Basta attraversarlo per accorgersi immediatamente di come gran parte dei locali siano rimasti sfitti e sulle vetrine a comparire sono solamente i cartelli con la scritta “Affittasi” o “Vendesi”.

 

Le attività commerciali, ovviamente, non mancano anche se risulta essere sempre più difficile guardare al futuro con occhi positivi. Segni dei tempi e dei tanti cambiamenti che la città e l'intera comunità hanno subito.

 

“In questo vicolo non c'è più il passaggio di una volta – ha spiegato Francesco Antoniolli, titolare dell'antica trattoria al Vò – e anche le attività commerciali sono diminuite ma è una situazione che si ripresenta in diverse zone della città. Sicuramente non è certo un periodo positivo ma detto questo, si riesce ancora ad andare avanti”.

 

Lungo il vicolo, nello spazio di pochi metri, ci sono ben cinque locali che espongono all'esterno l'insegna “vendesi” e “affittasi”. A conoscere bene la zona sono i titolari dell'erboristeria “Terra di Hara” presente da ben 28 anni.

 

“La zona – hanno spiegato – con il passare degli anni ha visto sempre un maggior degrado purtroppo. In alcune ore della giornata lo spaccio arriva anche qui. La droga viene nascosta sopra le finestre del vicolo e più di una volta ci siamo trovati davanti a situazioni che qualche anno fa nemmeno pensavamo”.

A creare problemi sono anche gli affitti dei locali in continuo aumento. “Arrivano delle nuove attività – ci spiegano i negozianti del vicolo – ma la durata media è di sei mesi, un anno e poi chiudono”.

 

A poca distanza a parlare delle difficoltà nel portare avanti un'attività è anche il personale del punto vendita Targotimbri. “La concorrenza dei grandi centri commerciali e delle catene – spiegano – sta facendo morire le piccole attività”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato