Contenuto sponsorizzato

Possesso di documenti falsi, arrestato

Un bulgaro di 40 anni denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale

Pubblicato il - 09 agosto 2016 - 10:27

TRENTO. Un 40enne originario della Bulgaria è stato arrestato ieri sera dai carabinieri di Trento per possesso di documenti falsi. Si trovava in piazza Venezia e armeggiava vicino ad un albero, cosa che ha insospettito i militari dell’Arma che credevano stesse nascondendo sostanze stupefacenti.

 

Procedendo con il controllo, l’uomo è stato trovato in possesso di eroina e di documenti palesemente falsi. Accortosi di essere nei guai, il 40enne ha cercato di fuggire, ma i carabinieri sono riusciti a trattenerlo, procedendo con l’arresto.

 

Dovrà rispondere davanti al giudice di possesso e uso di documenti falsi e di resistenza a pubblico ufficiale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato