Contenuto sponsorizzato

Trovata anche in Trentino la zanzara anofele, "Ma non ci sono evidenze scientifiche che sia in grado di trasmettere la malaria"

Il dato esce dai risultati del progetto Lexem che nel quadriennio 2014-2017 ha compiuto 49 campionamenti in 18 comuni trentini. I casi di contagio in Trentino negli ultimi 5 anni sono stati 51, due con esito infausto

Pubblicato il - 13 settembre 2017 - 10:20

TRENTO. Le zanzare catturate in tutto il Trentino per il campionamento eseguito dalla Fondazione Mach sono state 28.375. Di queste, 87 sono risultate della famiglia delle anofele. "Si tratta dello 0.34%", spiega l'assessore alla Salute Luca Zeni.

 

Il dato esce dai risultati del progetto Lexem, finanziato dalla Giunta provinciale all'interno del bando Grandi progetti 2012, che nel quadriennio 2014-2017 ha compiuto 49 campionamenti in 18 comuni trentini.

 

"La loro presenza è considerata sporadica - afferma Zeni in risposta all'interrogazione del consigliere Claudio Cia - ma sulla loro capacità di essere il vettore della malaria la letteratura scientifica non fornisce alcuna evidenza".

 

Zeni ha risposto anche sul numero di persone infettate dalla malaria negli ultimi 5 anni: "Sono 51 i casi - ha spiegato l'assessore - otto all'anno, due con esito infausto compreso quello della piccola Sofia. Dei 51 casi - ha sottolineato Zeni - 18 sono di cittadini trentini".

 

Sul caso della piccola Sofia, morta di malaria nei giorni scorsi, Zeni ammette che "ad oggi non siamo in gradi di indicare quale sia stato il motivo del contagio". Spiega che nei prossimi giorni "dopo maggiori approfondimenti a carico dell'Istituto Superiore di Sanità", si avrà qualche risultato in più. 

 

Torna poi sulla diffusione delle zanzare in trentino per alcune precisazioni: "Le zanzare vengono classificate per specie (circa 3.500), per genere (circa 30). Tra questi - spiega Zeni - c'è la anofele che però è suddivisa in tante specie diverse che in base alle loro caratteristiche biologiche sono più o meno in grado di trasmettere la malaria". 

 

In Italia le specie della famiglia anofele sono 16, alcune trovate anche in Trentino ma in numero definito "sporadico" e senza l'evidenza della capacità di trasmettere il protozoo parassita che causa la malaria. 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 05:01

Piazza Dante tergiversa, approfondisce in attesa di chissà quale illuminazione. La legge è stata licenziata a luglio, il Tar ha accolto i ricorsi di diversi esercizi commerciali a inizio settembre, ma ancora si decide di non decidere

26 settembre - 20:28

La vetta della classifica resta saldamente in mano al Nordest con Bolzano che si conferma prima e Trento al terzo posto. Belluno, invece, si piazza al 32esimo posto, penalizzato quasi in tutte categorie. Brilla, però, con 5 punti su 5, nella categoria Sicurezza e Legalità: un risultato migliore anche rispetto ai due capoluoghi del Trentino - Alto Adige

26 settembre - 21:01
La via sterrata è molto stretta e il conducente della vettura ha accostato per cercare di far passare il furgone. Nella manovra però l'auto è finita nella scarpata. In azione vigili del fuoco di zona e carabinieri 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato