Contenuto sponsorizzato

Vandali a Trento nord, in frantumi i vetri di alcune auto

Moranduzzo: "Se il sindaco e il presidente della circoscrizione non sanno fronteggiare la situazione, facciano un passo indietro".  Campestrini "Alcune zone vanno controllate di più"

Pubblicato il - 27 dicembre 2016 - 13:23

TRENTO. Nuovi atti vandalici a nord di Trento. Questa mattina a Canova di Gardolo alcuni cittadini si sono svegliati con una brutta sorpresa. Auto e furgoni, parcheggiati accanto la bocciofila e al parco giochi di Canova,  sono stati presi di mira da alcuni malviventi che ne hanno frantumato i vetri.

 

Immediata la reazione del consigliere comunale della Lega Nord, Devid Moranduzzo (che ha pubblicato le foto dei mezzi colpiti sul proprio profilo Facebook). “Per l'amministrazione comunale – ha affermato - la situazione nei sobborghi della città di Trento è tranquilla. Il Sindaco, il presidente della circoscrizione di Gardolo e tutti gli amministratori di centro sinistra della nostra città non vedono, non sentono e non parlano e questa è una vergogna. Da parte delle minoranze in circoscrizione erano stati sollevati alcuni problemi, tra i quali anche gli atti vandalici a danno delle macchine, ma sono stati giudicati problemi passati ed invece non è così".

Per il consigliere “i cittadini sono stufi del solito buonismo e del solito menefreghismo del sindaco e del presidente della circoscrizione di Gardolo. Se non sono capaci a fronteggiare il degrado, la microcriminalità e gli atti vandalici con delle azioni concrete sarebbe meglio facessero un passo indietro, la popolazione ne sarebbe grata”.

 

Ad apprendere degli episodi di vandalismo avvenuti nella notte a Canova anche Ottavio Camprestrini, presidente della circoscrizione di Gardolo.

 

“Dalla fine dell'estate – ha affermato – la situazione sembrava essere migliorata e per questo alle domande poste dalla minoranza in circoscrizione avevo riposto che il problema al momento non sussisteva. Occorre considerare che quello della sicurezza è un problema generalizzato in tutta la città per il quale l'Amministrazione e le Forze dell'ordine si sono già attivate. Ora vedremo cosa fare dopo quello che è successo questa notte. Ci sono le telecamere che verranno analizzate”. Per il presidente “sono episodi da condannare e alcune zone, però, andrebbero monitorate di più e  diversamente da parte delle Forze dell'ordine”.

 

Uno dei problemi già sollevati dalla cittadinanza a nord di Trento riguarda l'apertura di alcuni locali fino a tarda notte. “E' stato segnalato alle Forze dell'ordine – ha spiegato Campestrini – che alcuni locali tengono aperto fino alle 4 di mattina e dentro non si sa cosa accade e creano problemi e disturbo agli abitanti. C'è un certo giro di persone che preoccupa soprattutto per i comportamenti che tengono all'uscita da questi posti”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 10:04

I dati sono stati forniti dall'azienda sanitaria altoatesina che ha analizzato 1479 tamponi. Sono 26 le persone ricoverati in ospedale 

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

25 settembre - 19:17

Nel 2015 era stata la più giovane consigliera eletta in Regione. Ora la sua riconferma con Europa Verde che si è presentata per la prima volta. "Il centrodestra in questa campagna elettorale non ha raccontato un progetto di Veneto. Per batterli bisogna allacciare rapporti, bisogna partire dalle zone abbandonate e lasciate a loro stesse, scendere in strada". 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato