Contenuto sponsorizzato

Viticoltura, premiata la ricercatrice trentina Savoi dalla Società italiana di viticoltura ed enologia

La Sive ha scelto la ricercatrice trentina Stefania Savoi della Fondazione Mach per la migliore tesi di dottorato. La giovane ha studiato gli effetti di un moderato stress idrico sulla fisiologia dello sviluppo e maturazione dell'acino d'uva

Pubblicato il - 12 gennaio 2017 - 12:24

SAN MICHELE. E' arrivato un nuovo riconoscimento per la Fondazione Edmund Mach di San Michele.

 

La Società italiana di viticoltura ed enologia (Sive) ha premiato la ricercatrice trentina Stefania Savoi per la migliore tesi di dottorato nel campo della viticoltura per l'anno 2016.
 

 

La ricercatrice nel suo lavoro di tesi ha analizzato gli effetti di un moderato stress idrico sulla fisiologia dello sviluppo e maturazione dell'acino d'uva in varietà a bacca bianca e rossa, usando un approccio multidisciplinare che ha incluso due anni di sperimentazione in campo, l'analisi dei trascritti mediante la tecnica dell'RNA sequencing e l'analisi dei metaboliti su larga scala. Questo lavoro, che sarà presentato nel mese di maggio a Enoforum di Vicenza, è stato svolto presso la Fondazione Edmund Mach, l'Università degli Studi di Udine, e il Wine Research Centre of the University of British Columbia (Vancouver, Canada) sotto la supervisione di Fulvio Mattivi, Enrico Peterlunger e Simone Diego Castellarin.

 

Stefania Savoi, oggi, sta svolgendo il suo post-dottorato a Vienna, presso l'University of Natural Resources and Life Sciences, nel gruppo di Viticoltura e Pomologia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 09:39

Attorno alle 9 una densa colonna di fumo si è alzata da una casa. Le fiamme hanno avvolto il tetto di un'abitazione a Verla di Giovo, in Val di Cembra. Sul luogo diversi corpi dei vigili del fuoco per domare l'incendio

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

20 ottobre - 08:35

Intervento notturno per il recupero di un escursionista: individuato grazie ai visori notturni e alla luce del cellulare. L’uomo aveva perso il sentiero per colpa delle neve

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato