Contenuto sponsorizzato

Piovani, a fine anno ogni nota è da Oscar

Il grande compositore chiuderà a Trento l'anno di proposte del Centro Santa Chiara con il suo spettacolo dal titolo "La musica è pericolosa". Gli strumenti raccontano una storia che sintetizza il lungo lavoro accanto a personaggi del calibro di DE Andrè, Fellini, Magni, Benigni e altri. Nella video intervista spiega il senso del lavoro che andrà in scena al teatro Sociale

Pubblicato il - 05 dicembre 2017 - 16:25

TRENTO. Sarà il Premio Oscar Nicola Piovani a porre la propria firma prestigiosa, domenica 31 dicembre, in calce al calendario 2017 del Centro Servizi Culturali S. Chiara. L’ultimo spettacolo dell’anno lo vedrà, infatti, protagonista a Trento sul palcoscenico del Teatro “Sociale” con LA MUSICA È PERICOLOSA, un racconto musicale, narrato dagli strumenti che agiscono in scena: pianoforte, contrabbasso, percussioni, sassofono, clarinetto, chitarra, violoncello e fisarmonica.

   

A scandire le stazioni  di questo viaggio musicale in libertà, Nicola Piovani racconta al pubblico il senso di questi frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di Fabrizio De André, di Federico Fellini e Luigi Magni; di registi spagnoli, francesi e olandesi per il teatro, il cinema e la televisione; di cantanti e strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione.

 

Nel racconto teatrale la parola arriva dove la musica non può arrivare, ma, soprattutto, la musica la fa da padrona là dove la parola non sa e non può arrivare. I video di scena integrano il racconto con immagini di film e di spettacoli nei quali appaiono i “grandi” del cinema e della musica (Federico Fellini, Marcello Mastroianni, Mario Monicelli, Roberto Benigni, Fabrizio De Andrè). Non mancano le immagini che artisti come Lele Luzzati e Milo Manara hanno dedicato all’opera musicale di Piovani.

 

            Accanto al Maestro Nicola Piovani, al pianoforte, saranno Marina Cesari (sax e clarinetto), Pasquale Filastò (violoncello e chitarra), Ivan Gambini (batteria e percussioni), Marco Loddo (contrabbasso) e Rossano Baldini (tastiere). Biglietti : da € 20 a € 30.

 Ecco Piovani che in un'intervista racconta "La musica è pericolosa"

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato