Contenuto sponsorizzato

Torna "chef a teatro", il piatto forte è l'inclusione

Il progetto della Fondazione Aida e dell'associazione Atti che lo scorso anno partì da Vezzano ora è on the road e giovedì tocca Mezzolombardo. Con i cuochi rinomati i diversamente abili che già erano stati impegnati nei servizi di sala e di ristorazione in valle dei laghi. Prodotti doc, cucina di lusso ma anche spettacolo per una serata non solo gustosa

Pubblicato il - 14 November 2017 - 13:05

TRENTO. Show cooking. Sinceramente, vista l’invasione di cuochi nella tv pubblica o a pagamento, si rischia l’indigestione. Ma ci può essere un’altra via rispetto alle gare – spesso finte gare – dove si spadellano  più che altro antipatie e simpatie.

 

E’ la strada scelta lo scorso anno da Fondazione Aida e  associazione Atti con “Chef a teatro”, uno spettacolo della buona cucina e della buona inclusione.  Insomma, una cucina dei diritti se è vero che con “Chef a teatro” lavorano – e sono protagonisti – un gruppo di ragazzi diversamente abili.

 

Quei ragazzi con difficoltà sui quali Aida aveva da tempo investito- e con successo – anche nella gestione del teatro di Vezzano. Lì i disabili venivano occupati nelle attività legate allo spettacolo con un riscontro crescente. Ora il Teatro di Vezzano – il luogo dove è nata l’iniziativa di “Chef a teatro” è tristemente chiuso per scempiaggine amministrativa e la Fondazione Aida non s’è persa d’animo nel cercare di allargare il suo raggio d’azione oltre la valle dei Laghi. “Chef a Teatro” è diventata una proposta itinerante. In provincia.

 

“Lo dovevamo – dicono i rappresentanti del sodalizio culturale che da Verona ha messo da anni radici anche in Trentino – proprio a quei ragazzi”. La proposta di “Chef a Teatro” porta la firma dell’associazione Atti che ne segue l’organizzazione.  La promuovono Aida e Coordinamento Teatrale Trentino.

 

A novembre lo spettacolo si articola su tre date e tre piazze. La prima tappa si è già tenuta con soddisfazione a Tesero. Il 16, giovedì, toccherà a Mezzolombardo ed il 22 a Pergolese.  Lo slogan?  Unire in una serata  l’eccellenza della cucina trentina con la cultura teatrale offrendo a tutti gli ospiti un’esperienza unica di gusto, teatro e solidarietà.

Nei palchi di queste strutture, completi di angolo cottura e allestiti come eleganti sale da pranzo, gli chef Paolo Donei di Malga Panna, Alfredo Chiocchetti e Federico Parolari de l’Osteria a Le Due Spade, supportati da Leopoldo, Mirko, Paola, Andrea, Arianna e Ornella, i ragazzi diversamente abili di The Staff, prepareranno dal vivo, davanti al pubblico, raffinati piatti che verranno subito assaggiati dagli ospiti comodamente seduti ai loro tavoli.

 

Durante la cena gli attori Andrea Avanzi e Teresa Turola di Fondazione Aida intratterranno gli invitati con la performance teatrale “Psicogalateo di coppia”. Allestito con il contributo artistico di Raffaele Latagliata lo spettacolo è un viaggio ironico e divertente che condurrà gli ospiti a conoscere il galateo del terzo millennio, aiutando a ripassare (o scoprire per la prima volta) le regole del perfetto invitato e dell’ottimo padrone di casa. Biglietto unico: cena + spettacolo 28 euro.

Informazioni e prenotazioni al numero 348/2875130 oppure scrivendo a  info@associazioneatti.it.

 

Ecco i menù delle due tappe di "Chef a Teatro". Giovedì 16 Novembre 2017, ore 20.00

Al Teatro San Pietro di Mezzolombardo, lo Chef Alfredo Chiocchetti assieme ai ragazzi di The Staff, proporrà i seguenti piatti: Uovo nel Nido croccante con Sapori di Bosco; Trancio di Salmerino alpino confit dell'azienda Trota Or, Neve di Capra, Spinacini novelli e Profumo di Lamponi; Pan di Spagna con Crema Chantilly e Cioccolato bianco. Il Vino è offerto dalla Cantina Rotaliana di Mezzolombardo

 

Mercoledì 22 Novembre 2017, ore 20.00.  Al teatro Parrocchiale di Pergolese di Lasino (TN), lo Chef  Federico Parolari dell'Osteria a Le Due Spade, assieme  ai ragazzi di The Staff proporrà i seguenti piatti: Zuppa di Cipolle con Crostini alla Trentingrana; Petto di Fagiano lardellato su Purè di Sedan, Rapa con Salsa all'Uva “Merzemina”; Strudel. Il Vino è offerto dalla Cantina Endrizzi di San Michele all'Adige

 

A.T.T.I., Associazione Teatrale Trentina Interculturale, nasce nel 2012 in Valle dei Laghi con il principale obiettivo della promozione e diffusione dello spettacolo dal vivo.

Grazie a un finanziamento della Fondazione Umana Mente di Milano, A.T.T.I da vita ad un progetto che unisce teatro e solidarietà: nasce nel 2013 Diversamente a Teatro.

Diversamente a teatro coinvolge i giovani con disabilità cognitive del territorio della Valle dei Laghi nel mondo teatrale.

 

Ai ragazzi viene insegnato un vero e proprio mestiere, senza distinzione contrattuale rispetto agli altri lavoratori, sentendosi così parte del team.

Nel primo anno gli allievi, dopo un corso di formazione, hanno imparato a ricoprire le funzioni di addetti bar, biglietteria, guardaroba e maschere e anche pulizie.

Nell’anno successivo, grazie a un finanziamento della Fondazione Cattolica di Verona, è stato inaugurato il Caffè Culturale The staff (all’interno del Teatro Valle dei Laghi) per offrire un’opportunità di lavoro continuativa e indipendente dalla programmazione teatrale.

 

In questa esperienza i ragazzi hanno imparato non solo un lavoro ma hanno anche intrecciato relazioni con i frequentatori del teatro sentendosi parte della comunità.

Per tutti questi motivi il progetto The Staff ha vinto il Premio Speciale per la Valorizzazione delle Diversità, nell’ambito del Sodalidas Social Award 2015.

In questi mesi hanno avuto un grande successo con Chef a Teatro e, grazie alla collaborazione di numerose istituzioni pubbliche e private,  lo hanno reso itinerante portandolo ON THE ROAD nei migliori teatri trentini, creandosi un’altra opportunità di lavoro.

L’Associazione A.T.T.I è sempre impegnata nella produzione di attività culturali, innovative, sociali e di integrazione che possono contribuire a migliorare la qualità della vita degli abitanti del suo territorio.

 

Ecco come i protagonisti parlano del progetto di inclusione.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 February - 05:01

Il Cibio è stato tra i primissimi centri di ricerca in Italia a ipotizzare di sviluppare un vaccino per contrastare Covid-19. I laboratori coordinati da Pizzato e Grandi erano arrivati, anche piuttosto velocemente, a chiudere la fase pre-clinica. Poi a luglio ci si è fermati per l'impossibilità di raccogliere un finanziamento di un paio di milioni: "Ci sarebbe un modo anche per comprendere nel prodotto l’efficacia contro specifiche varianti del virus"

26 February - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 February - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato