Contenuto sponsorizzato

Una "taranta" per voce e suggestioni

Mercoledì 27 al teatro di Gardolo torna "Cibo per la mente" che mette in scena lo spettacolo "Veleni di famiglia" di e con Elena Marturana Tusa. Un itinerario nei meandri della psiche femminile, del suo erotismo e della sua bellezza ora  celeste, ora maledetta. Una "cuntastorie" di altri tempi e di altre tradizioni

Pubblicato il - 25 dicembre 2017 - 11:26

TRENTO. E' arrivata alla querta edizione la Rassega di Teatro Civile "CIBO PER LA MENTE". Una rassegna  capace di dare visibilità ed opportunità a quel mondo teatrale poco conosciuto in quanto fuori dai circuiti commerciali, un mondo ricco di gruppi, artisti e compagnie di grande valore sia professionale che creativo e che vengono prese in considerazione solo quando non è più possibile tenerne nascosta l’esistenza (come il caso di Pippo Delbono o di Emma Dante…) o quando al loro interno vengono coinvolti personaggi “famosi” (come è il caso di Cristicchi…). Il cammino prosegue mercoledì 27 al teatro di Gardolo con lo spettacolo "Veleni di famiglia, ovvero le femmine velenose" di e con Elena Marturana Tusa.

 

 La donna del veleno o il veleno della donna nel seno della vita e della storia dalla Sicilia al Nord Italia si consuma sulla scena per universalizzarsi nei rapporti umani, nell’amore coniugale o nell’amore segreto, nelle vendette trasversali e nei giochi di bambine. Così l’attrice Silvia Martorana ricostruisce con il suo spettacolo, un itinerario nei meandri della psiche femminile, del suo erotismo, della sua bellezza ora fedifraga, ora celeste, ora ancora maledetta.

 

 Un’attrice nella scarnificazione della scena e nell’atmosfera evanescente della musica dal vivo e del buio delle vesti e delle parole. La Martorana usa la voce per dare il via a racconti descrittivi, ricostruiti in piccoli particolari che nella mente dello spettatore divengono immagini concrete, vive nella memoria e nelle conseguenze del presente.

 

 Una sedia, un tavolo, caramelle al veleno e il canto sospeso tra la suspance e la paura delle azioni velenose. Alla base un fiorente substrato letterario: da i veleni di Palermo di Rosario La Duca a La vecchia dell’aceto di giovanna Fiume, da Lucrezia Borgia di Maria Bellonci a I Borgia di Alexandre Dumas, dalla Lucrezia Borgia di Victor Hugo a L’acqua tofana di Salomone Marino, da L’avvelenatrice di Vincenzo Linares ai Veleni intrighi e delitti nei secoli di Francesco Mari ed Elisabetta Bertol e molti altri.

 

 Cos’è il veleno in fondo? “Un sostantivo maschile dal latino venenum. Sostanza naturale o artificiale che penetrata nell’organismo produce effetti gravissimi anche letali: il veleno della vipera”.

 

 Inizia così lo spettacolo spaziando poi nei significati estesi e figurati di una sostanza che, se da un lato è generosa di morte, dall’altro decreta la libertà e la vita di un altro individuo, autore del delitto e beneficiario dei suoi effetti. In equilibrio fra il male ed il bene il veleno, nel lavoro  dell’autrice è una soluzione plausibile, immediata, quasi l’unica possibile per rinascere, come una sorta di espiazione dei peccati in vita, come una “taranta” che nel suo morso riversa i dolori di una vita, la frustrazione dei divieti e la povertà di mezzi e d’animo.

 

 Con il suo stile fresco, la leggerezza e in alcuni momenti con il distacco di un “cuntastorie” d’altri tempi al di là di ogni tradizione, l’attrice dà prova di un’abilità che coinvolge il corpo e la voce in un unicum efficace, funzionale ed organico. Lo spettacolo si frantuma in quadri indipendenti ma correlati dalla passione, dalla necessità dei cibi e delle bevande come veicolo del veleno, dallo scambio di confidenze, da paesaggi di città colte nella notte dei tempi e nella difficoltà di sbarcare il lunario.

 

 La drammaturgia, dinamica e accattivante,  è un tessuto fertile per cucire insieme ritratti di donne madri, figlie, amanti, spesso capri espiatori dei costumi e della morale del tempo. Docili e aggressive, al contempo, le sfaccettate anime femminili si fondono nelle sembianze dell’attrice che le accoglie, ora come se le appartenessero, ora come se le studiasse, ora come fossero altro da lei. Non c’è spreco, né ridondanza nello spettacolo ma l’essenzialità del racconto con il suo ritmo e i suoi colori; poche azioni e direzioni precise.

 


 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 11:55

Il manifestarsi dei sintomi da Covid-19 nella famiglia di Nicola Canestrini ha portato l'avvocato a denunciare una situazione di disorganizzazione dell'Azienda sanitaria. Da giorni, infatti, le richieste di fare un tampone finiscono nel nulla, visto anche che a Rovereto non è possibile effettuarli a pagamento. "Disorganizzazione a marzo comprensibile, ora non più''

23 ottobre - 12:35

Sono numerosi gli utenti che stanno riscontrando problemi a navigare su internet e il blocco totale delle chiamate 

23 ottobre - 11:18

Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 10% perché i test eseguiti sono stati oltre 2.800. Dato in linea con quello rilevato ieri nel vicino Trentino dove, però, si contano molti più morti (dalla seconda ondata sono già 18 contro i 3 di Bolzano)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato