Contenuto sponsorizzato

Bandabardò, irresistibilmente folk

La band toscana chiude domani, 4 maggio, al teatro Sanbapolis la rassegna SanbaClub nata in collaborazione con Centro Santa Chiara e Fiabamusic. Un gruppo che trascina dalla prima all'ultima nota facendo del ritmo un vangelo. Più che un concerto una festa dove il pubblico diventa subito protagonista

Pubblicato il - 03 maggio 2018 - 17:27

 TRENTO.  Una chiusura in grande stile per il SanbaClub, all’insegna della musica folk. Grazie ad una collaborazione tra il Centro Servizi Culturali S. Chiara e Fiabamusic, domani venerdì 4 maggio il palco del Teatro SanbàPolis ospiterà la BANDABARDÓ, a Trento per festeggiare i suoi primi venticinque anni di musica con il “Club Tour”. Dopo i successi di pubblico ottenuti con Coez e i Ministri, toccherà al gruppo fiorentino chiudere questo trittico dedicato alla scena musicale indipendente italiana.

 

  Con i suoi oltre 1500 concerti, distribuiti in venticinque anni di attività, la Bandabardò può ritenersi a buon diritto una delle live band più vitali in Italia. I suoi concerti sono feste straripanti d’affetto: il pubblico vi partecipa numerosissimo, cantando infaticabile ogni canzone, duettando continuamente con gli artisti sul palco, senza perdersi un solo verso, in uno scambio d’intesa che non smette mai di sorprendere la Banda stessa. Un affetto che si traduce in grandi numeri non più solo ai live, ma negli stessi dati di vendita con inattese scalate in vetta alle classifiche.

    Partita dalla Toscana nel 1993, in venticinque anni di attività la Bandabardò ha saputo farsi apprezzare per il suo stile e per energici live che hanno calcato numerosi palchi, in Italia e all’estero, raccogliendo ottimi riscontri di critica e di pubblico: dodici album all’attivo (dieci in studio e due live) ed un lungo elenco di collaborazioni importanti, sia in studio che sul palco. Da Daniele Silvestri a Max Gazzè, da Paola Turci a Stefano Bollani, passando per Patty Pravo, i Litfiba, i Modena City Ramblers, Sergio Cammariere, e molti altri.

   Sul palco del Teatro SanbàPolis, Enrico “Erriquez” Greppi (cantante, chitarrista, fondatore ed ideologo della band) sarà accompagnato dalla virtuosa chitarra di Alessandro M. “Finaz” Finazzo, dalla seconda chitarra di Andrea “Orla” Orlandini, dal contrabbasso di Marco “Don” Bachi, dalla batteria di Alessandro Nutini – “il giovane Nuto” – dalla fisarmonica e dalle tastiere di Federico “Pacio” Pacini, dalle percussioni di Ramon Jose Caraballos, e dal fonico Carlo “Cantax” Cantini.

    Il concerto di domani avrà inizio alle ore 21.00. Biglietti disponibili su www.ticketone.it o www.primiallaprima.it (fino alle ore 19.00 del giorno dell’evento) al costo di euro 13,50 (posto unico). E’ inoltre possibile acquistare il biglietto la sera stessa dell’evento, presso la cassa del Teatro SanbàPolis, al costo di euro 14,00.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato