Contenuto sponsorizzato

Il trentino Alex Scarpa in concorso al Social World Film Festival: aiutiamolo a vincere

Il 30enne regista ha realizzato "Stakhanov" un'opera che ha strappato applausi in tutto il mondo e che potrebbe vincere al concorso che ha Claudia Cardinale come presidente di giuria. Per farcela servono le visualizzazioni sul sito della Rai

Pubblicato il - 16 luglio 2018 - 16:46

TRENTO. Dopo aver superato varie selezioni e step ora è in concorso al prestigioso Social World Film Festival di Vico Equense, rassegna che ha come presidente onorario di giuria Claudia Cardinale. Riuscirà ad essere premiato se il suo cortometraggio sarà quello che riceverà più visualizzazioni sul sito della Rai entro il 24 luglio e quindi a voi non resta che guardarlo per aiutarlo (QUI IL LINK) e condividere l'articolo il più possibile.

 

Stiamo parlando del cortometraggio realizzato dal regista trentino Alex Scarpa intitolato “Stakhanov”. Un'opera metaforica che ha portato il regista a riflettere su quanto l’alienazione e la paura dell’ignoto possano limitare sogni, aspirazioni e interessi di un essere umano e che mostra un mondo asettico fatto di regole imposte che troncano ogni empatia e ogni possibilità di dialogo tra i protagonisti. Una sorta di solitudine sociale molto simile a quella che si può vivere, oggigiorno, su un qualsiasi autobus o luogo pubblico dove anche stando in mezzo alla gente siamo tutti isolati in noi stessi tra smartphone e cuffiette. Non aggiungiamo altro per evitare spoiler sgradevoli ma vi lasciamo alle immagini.

 

Il corto di Alex Scarpa (che ha già riscosso grandi consensi in molte kermesse internazionali come l'Italian Contemporary Film Festival in Canada e che è stato selezionato per moltissime rassegne anche italiane) partecipa al Social World Film Festival di Vico Equense la Mostra Internazionale del Cinema Sociale: un festival che coniuga la passione per il cinema dei giovani con importanti temi sociali, nella splendida cornice della Costiera Sorrentina. E Scarpa è a tutti gli effetti un giovane regista.

 

Nato a Trento nel 1988 ha sempre avuto la passione per il cinema ma la sua vita è cambiata attraverso l'incontro con i due registi afghani rifugiati politici in Italia e residenti a Villazzano: Razi e Soheila Mohebi. Nel 2014 ha realizzato con il loro supporto il suo primo cortometraggio "Luce Spenta", diventando, poi, aiuto regista nel film "Cittadini del Nulla" di Razi Mohebi che ha vinto il premio Mutti alla 71esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2016 ha quindi ottenuto un altro ruolo come aiuto regista per "Una Casa Sulle Nuvole" di Soheila Mohebi. Nel 2017 gira il suo secondo cortometraggio: la favola triste "Stakhanov". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato