Contenuto sponsorizzato

La danza raddoppia movimenti ed emozioni

Venerdì 12 la rassegna del Centro Santa Chiara propone al Melotti le performance di Anticorpo Xl, network nazionale dei giovani talenti. Sul palco "The pink Elephant"  con Siro Guglielmi e "Non ricordo" con Simone Zambelli. La ricerca e il suo desiderio e il richiamo al cuore nelle coreografie ad alto tasso di sentimento

 

Pubblicato il - 10 gennaio 2018 - 16:03

ROVERETO. Il terzo spettacolo della stagione InDanza 2017/2018 programmata a Rovereto dal Centro Servizi Culturali S. Chiara, porterà venerdì 12 gennaio all’Auditorium “Melotti” , alle 21, un nuovo appuntamento con le proposte della rete «Anticorpi XL – Network per la giovane danza d'autore» alla quale aderiscono anche l'Associazione Incontri Internazionali di Rovereto – Oriente Occidente e Bolzano Danza.

 

 Si tratta di un progetto che intende favorire il ricambio generazionale sulla scena coreutica nazionale e che punta punta a riconoscerne l’innovazione artistica e a far emergere la vitalità della danza e dei nuovi autori. Fra questi i due giovani coreografi selezionati in occasione dell’edizione 2017 del «Festival Ammutinamenti», che presenteranno a Rovereto le loro creazioni.

 

 Il primo a proporsi venerdì sul palcoscenico del “Melotti” sarà Siro Guglielmi con una performance coreografica intitolata «P!NK ELEPHANT».    E' la danza compiuta attorno all’oggetto amato , al fine della sua ricerca e del suo desiderio. Desiderare è ciò che unifica l’individuo, che lo orienta, lo attrae e ne determina lo sguardo. Sapere ciò che si desidera traccia la direzione da seguire, è energia che spinge l’uomo ad un cammino, è il motore del nostro movimento. Occorre ricostituire un tempo del/per il desiderio? Un tempo per mettersi in gioco, progettare e sperimentarsi, accamparsi e viaggiare, esporsi ed imporsi? Quanto siamo potenti?»

 

 La coreografia è costruita su musiche di Alessio Zini e Cristiano de Palo e nello spettacolo è utilizzato materiale video realizzato da Roberto Cinconze. Formatosi nella compagnia giovanile “Junior Balletto di Toscana” diretta da Cristina Bozzolini, Siro Guglielmi ha lavorato con Eugenio Scigliano, Eugenio Buratti, Arianna Benedetti, Francesco Nappa e Fabrizio Monteverde. Ha partecipato al progetto Magda per MaggioDanza diretto da Davide Bombana e a una produzione di Margarita Makridou per DanceCyprus. Danza con la compagnia “Balletto di Roma” diretta da Roberto Casarotto, lavorando con i coreografi Alessandro Sciarroni, Itamar Serussi, Chris Haring. Lavora come freelancer per il coreografo Itamar Serussi.

 

   La seconda coreografia in programma si intitola «NON RICORDO» e ha per protagonista Simone Zambelli che l’ha costruita partendo dall’etimologia latina del termine “ricordo” (re-indietro + cor-cuore) e da una citazione di Woody Allen: «E mi chiesi se un ricordo sia qualcosa che hai o qualcosa che hai perduto».

 

 Richiamare in cuore, riportare al cuore, vera sede della conoscenza profonda per gli antichi. Il ricordo richiama nel presente del cuore e del sentimento qualcosa che non è più qui o non è più adesso. Non nella sua forma originale. E che però, per il solo tornare in cuore, rivive: non sogno fatuo o fantasticheria, ma sentimento concreto, esperienza diretta. Non è molto chiaro se si tratti di qualcosa che ci appartiene o di qualcosa che è svanito. «Quanto ha di reale – si chiede il coreografo – e quanto di immaginazione? Bisogna considerarlo positivo per essere accaduto o negativo per esser finito? Si tratta del miglior regalo che un momento indimenticabile può lasciare? È triste ricordarsi che qualcosa non accadrà di nuovo?» Lo spettacolo è stato costruito sulla musiche dell’Ave Maria di Schubert e di “Dusty Road” di Fanfare Ciocarlia.  

  Diplomato all’Accademia Nazionale di Danza di Roma, indirizzo contemporaneo, Simone Zambelli attualmente collabora con Jason Mabana Dance Company, Balletto Civile di Michela Lucenti e Muxarte. Ha danzato per la Cie Zerogrammi, Cie Taiwan e Lopa Dance Company. Nel 2016 ha ottenuto il premio alla coreografia nella Rassegna “Solocoreografico” e nel 2017 è risultato vincitore del Bando “Assoli e Duetti” del Teatro Villa Pamphilj. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 19:15

Continuano a salire i contagi e i ricoveri tra le persone che hanno oltre i 70 anni. L'allarme arriva dai dati e dalle analisi fatte dall'azienda sanitaria trentina che mostrano un picco di contagi proprio nei prossimi giorni. Ferro: "Dei 686 morti avuti ne abbiamo più di 600 che sono collegati ad età superiori a 70 anni"

29 ottobre - 18:14

Sono stati analizzati 3.132 tamponi, 173 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,5%. In totale ci sono 118 pazienti in ospedale. Tra i nuovi positivi, 59 hanno più di 70 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato