Contenuto sponsorizzato

Le Dolomiti in un documentario: l'Alto Adige visto dall'alto

Montanile e Cobianchi presentano il progetto che racconta la natura, con colonne sonore originali

Pubblicato il - 29 dicembre 2018 - 18:04

TRENTO. La passione per la montagna, la musica e la fotografia. Sono gli ingredienti del progetto, un documentario fotografico, che è nato dalla collaborazione tra il fotografo bolognese Giulio Cobianchi e il musicista e compositore bolzanino Francesco Montanile.

 

Una Via Lattea. "Una delle notti più belle passate in cima. Dopo una lunga camminata iniziata nel pomeriggio, siamo finalmente arrivati verso le 3.30 di notte. La luna era ancora abbastanza alta e ci illuminava mentre montavamo la tenda. C'erano circa 40 minuti tra il tramonto lunare e il sorgere del sole. In questo breve lasso di tempo si è alzata una timida Via Lattea di fine marzo, a destra le prime luci dell'alba". Questo il racconto del fotografo e dell'esperienza che ha fatto sulle Dolomiti, in alta quota.

 

Cobianchi vive e lavora in Norvegia, ma spesso segue la sua passione e si reca in Alto Adige per cercare nuovi scatti nella natura. Proprio da queste immagini nasce la collaborazione foto-musicale con Montanile. E il progetto "Documentary photography Alto Adige Südtirol", un fotodocumentario che raggruppa una sequenza di venti scatti provenienti da diversi luoghi dell'Alto Adige. Ad accompagnare il tutto le musiche originali del chitarrista Montanile, una colonna sonora ambient appropriata al contesto, dal titolo "Alto Adige Südtirol".

 

Il video è disponibile (qui) su Youtube.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato