Contenuto sponsorizzato

Nudi alla mèta dell'umana regressione

Mercoledì 28 la rassegna "Altre tendenze" del Centro Santa Chiara porta al Sociale "Bestie di scena" di Emma Dante che al Teatro Strehler di Milano ha fatto l'esaurito per un mese. Un folto gruppo di attori e attrici recitano le sorti di una comunità in fuga che arriva su di un palcoscenico pieno di insidie e di tentazioni che rappresenta il luogo del peccato, il mondo terreno. E' arte: puritani, benpensanti e bigotti se ne facciano una ragione

Pubblicato il - 26 marzo 2018 - 16:55

TRENTO - Per il suo nuovo appuntamento la rassegna Altre Tendenze del Centro Servizi Culturali S. Chiara porta sul palco del “Sociale” il teatro di Emma Dante. La celebre regista siciliana torna a Trento mercoledì 28 marzo con il suo ultimo lavoro “BESTIE DI SCENA” - di cui cura anche la regia – uno spettacolo con un nutrito gruppo di attori che agiscono e si muovono sul palco completamente nudi, prodotto da Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale, Teatro Biondo di Palermo e Festival d’Avignon.

 

 Dopo essere stata ospite della Stagione di Grande Prosa nel 2016 con “Le sorelle Macaluso”, la regista siciliana presenta al pubblico trentino il suo ultimo lavoro - da lei ideato e diretto - all’interno della rassegna Altre Tendenze. Una messa in scena che, come ha spiegato la stessa Emma Dante in un’intervista rilasciata a Natalia Aspesi, lascia poco spazio all’immaginazione. «In Bestie di scena non c’è niente, non un ruolo, non una storia, non la parola, non la scena, non il suono che non sia quello umano, dei passi, delle corse, di ogni movimento, di qualche lamento o grido. Per me era importante che, nel buio vuoto di questa nuova condizione, emergesse un arretramento, una privazione, soprattutto la rinuncia alla maschera. Si depositasse tutto ciò che per i personaggi avevano, cioè gli abiti: scarpe, tute, magliette, mutande, sino alla nudità completa».

 Uno spettacolo senza trama che mette in scena un gruppo di attori che affrontano la propria nudità, con una genesi particolare. Come precisa la regista siciliana nelle note di regia. «Bestie di scena ha assunto il suo vero significato nel momento in cui ho rinunciato al tema che avrei voluto trattare – ammette Emma Dante – Volevo raccontare il lavoro dell’attore, la sua fatica, la sua necessità, il suo abbandono totale fino alla perdita della vergogna e alla fine mi sono ritrovata di fronte a una piccola comunità di esseri primitivi, spaesati, fragili, un gruppo di imbecilli che come gesto estremo consegnano agli spettatori i loro vestiti sudati, rinunciando a tutto. Da questa rinuncia è cominciato tutto, si è creata una atmosfera che non ci ha più lasciati e lo spettacolo si è generato da solo».


 In “BESTIE DI SCENA” viene rappresentata una comunità in fuga. Come Adamo ed Eva cacciati dal Paradiso, infatti, le bestie arrivano su un palcoscenico pieno di insidie e di tentazioni, che rappresenta il luogo del peccato, il mondo terreno. Lì trovano tutto ciò di cui hanno bisogno: la casa, la stanza dei giochi, l’odio, l’amore, il sentiero, il rifugio dove trovar riparo, la paura, il mare, il naufragio, la trincea, la tomba dove piangere i morti, i resti di una catastrofe… Le bestie di scena non fanno altro che immaginare.

 

 Regrediscono allo stato primitivo e si illudono di vivere, tenendo tra le mani oggetti in prestito, nutrendosi di poltiglie, farfugliando brandelli di storie. Ballano, cantano, urlano, litigano nei dialetti del sud, seducono, impazziscono, amano, ridono, combattono.

 Lo spettacolo arriva a Trento dopo essere stato in calendario lo scorso anno per quasi un mese al Teatro Strehler di Milano, registrando costantemente il tutto esaurito. “BESTIE DI SCENA” è l’ultimo lavoro di colei che viene ritenuta come la regista italiana più famosa nel mondo. Emma Dante, infatti, oltre ad essere autrice di spettacoli sempre accolti dalla critica con grande favore, si è affermata anche come scrittrice e regista di opere liriche.
        “BESTIE DI SCENA” è prodotto da Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale, Teatro Biondo di Palermo e Festival d’Avignon. Sul palco saliranno: Elena Borgogni, Sandro Maria Campagna, Viola Carinci, Italia Carroccio, Davide Celona, Sabino Civilleri, Roberto Galbo, Gabriele Gugliara, Carmine Maringola, Daniela Macaluso, Ivano Picciallo, Leonarda Saffi, Daniele Savarino, Steph

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato