Contenuto sponsorizzato

Peterson alla consolle, musica a 360 giri

Arriva questa sera al teatro Sanbapolis un dee jay, produttore musicale e creativo che ha inventato negli anni 90 la Talking' Loud londinese, l'etichetta che lancià band culto come Incognito e Young Disciples. La rassegna del Santa Chiara, Jazz' About al penultimo appuntamento con con un set di gemme sonore. Oggi Peterson dirige la Brownswood e si porta sul palco la voce splendida di Yasmine Lacey e il talento di Alfa Mist

Pubblicato il - 23 marzo 2018 - 07:20

TRENTO. Penultimo appuntamento con Jazz’About - rassegna promossa dal Centro Servizi Culturali S. Chiara - all’insegna di un’esperienza totale. Questo è quanto si vivrà questa sera, 23 marzo, al Teatro SanbàPolis di Trento, a partire dalle ore 21. Un’esperienza totale affidata a un nome ormai leggendario: Gilles Peterson. L’artista anglosassone è, in campo musicale, molto semplicemente uno dei “tastemaker” più influenti degli ultimi venticinque anni.

 

 Discografico, produttore, da tempo dj e voce radiofonica sulla BBC, bulimico collezionista di dischi, è uno dei primi responsabili del matrimonio tra jazz da un lato e la club culture più sofisticata dall’altro: lui a dare vita nei primi anni ‘90 alla Talkin’ Loud, l’etichetta che rivelò al mondo il talento e la classe di band come Incognito, Galliano, Young Disciples.

 

Ma dalla sua come si accennava ha anche una immensa reputazione come riscopritore di gemme dimenticate soul, funk, latin, afro: un vero e proprio archeologo musicale, il più famoso ed influente a livello mondiale almeno per quanto riguarda queste sfere sonore. Quando è all’opera nelle vesti da dj, come accadrà a Trento, questo si traduce in set che sono delle autentiche gemme dove la musica diventa esperienza culturale a trecentosessanta gradi e dove le radici più autentiche del dancefloor, quelle precedenti alle rivoluzioni techno e house, si intrecciano coi “futuri possibili” più visionari e sofisticati della musica elettronica contemporanea.

        Ma appunto: la figura di Peterson va oltre il mero ruolo di dj. Con questo appuntamento la rassegna Jazz’About ha voluto fortemente evidenziare questo aspetto, affidandogli una vera e propria “direzione artistica” per l’intera serata del 23 marzo, rendendo così l’appuntamento davvero unico – e strettamente gemellato con Worldwide, la sigla con cui l’artista inglese presenta gli appuntamenti culturalmente più alti della sua attività.

 

 Per completare la line up, Peterson ha voluto portare con sé uno dei talenti che più sta coltivando per la Brownswood, la sua personale etichetta discografica: la giovanissima londinese Yazmin Lacey, voce di alta classe innamorata del soul più contemporaneo (che sa interpretare con un equilibrio e una maturità davvero rari). Convocato da lui anche Alfa Mist: londinese anch’egli, producer in grado di unire jazz e narratività concettuale con il battito sonoro più crudo e “di strada” delle metropoli contemporanee.
        
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato