Contenuto sponsorizzato

"Scena trentina": quattro teatri e 18 spettacoli per due mesi di scoperte

I teatri di Pergine, Meano, Villazzano e Portland ospiteranno in settembre e ottobre - in un periodo atipico e pre-stagioni - la prima rassegna che vedrà protagoniste molte delle più attrezzate compagnie professionali con allestimenti già apprezzati o inediti. Un notevole sforzo organizzativo per le tre realtà promotrici che rafforzano la loro rete e puntano a stimolare nuove sinergie, collaborazioni e coproduzioni testimoniando crescita e qualità del "movimento" culturale e artistico locale ma non localistico

Di Carmine Ragozzino - 16 luglio 2018 - 19:57

TRENTO. Andrea Brunello, Denis Fontanari e  Mirko Corradini. Abbreviandoli: “Brufoncor”. E cioè, scherzando con i cognomi, una medicina. La medicina del teatro: di chi fa teatro, forma teatranti e gestisce teatri. La medicina in questione, (calmante, eccitante, a scelta)  ha un bugiardino fatto di parole, espressioni, movimenti. “Brufoncor” ha una posologia atipica. Più ne prendi, più fa bene. Stimola i neuroni, facilita la socialità, eccetera. Insomma, apre la mente. E trasmette energia. Se poi capitasse di assuefarsi al “Bruconfor”, niente paura. Vorrrà solo dire che Corradini, Fontanari e Brunello avranno vinto. Azzardardando.

 

 Sì, perché è un azzardo – certamente meditato ma pur sempre un azzardo – la proposta presentata da Aria Teatro, da TeatroE/Estroteatro e da Portland. E’ la proposta battezzata “Scena trentina”: diciotto – dicasi diciotto – spettacoli che riempiranno i palcoscenici dei teatri di Villazzano, Meano, Pergine e Portland a passo di maratona dal 13 settembre fino al 31 ottobre.

 

 “Scena trentina” ma senza trentinismi - dimenticate le "filo" - perché le compagnie chiamate ad animare la rassegna di trentino hanno sì l’indirizzo ma si domiciliano in un universo tematico e culturale certamente meno angusto di quello di una piccola provincia.

 

 “Scena trentina” non è solo una vetrina di quanto – (ed è indubitabilmente tanto) – le realtà professionali e produttive locali hanno saputo elaborare negli ultimi anni in un crescendo di qualità, passione, idealità  e capacità di “esportazione” delle loro proposte.

 

  La rassegna – così come i responsabili di Pergine, Villazzano, Meano e Portland l’hanno illustrata – è l’affermazione di una rete dalle maglie sempre più strette. Aria Teatro, TeatroE/Estroteatro e Portland hanno iniziato a tesserla da parecchio tempo con la filosofia del fare di necessità virtù. Una necessità di sinergia, scambio, collaborazioni non solo tecniche ma di sostanza. Ma occhio. Non si è trattato solo di unire forze in un panorama per troppi anni disunito e masochisticamente autoreferenziale nella propria gelosia. La rete dei quattro teatri, (e delle tre realtà che li gestiscono bilanciando entusiasmo e fatica), è  filosofica. E per qualche verso anche politica.

 

 Si trattava e di tratta oggi più di ieri di far valere la convinzione che il teatro professionale in Trentino ha ormai raggiunto una dimensione non più ignorabile. Non è ignorabile per numeri vista la quantità di allievi che frequentano corsi non solo per attori ma anche per figure legate alle professioni di palcoscenico. Non è ignorabile per fertilità di produzioni ed anche, forse soprattutto, per il coraggio di affrontare gli argomenti – anche i più scomodi – della contemporaneità.

 

 Non è ignorabile per lo sforzo di collegare il Trentino al resto d’Italia con l’incrocio delle residenze e delle ospitalità reciproche tra compagnie. Con “Scena Trentina” – questo è l’obiettivo – i promotori provano ad alzare un po’ di più l’asticella sinergica.

 

 Offrire per due mesi quattro palcoscenici ad un numero rilevante di compagnie selezionate “a chiamata”, con il probabile criterio della stima reciproca, vuol dire organizzare un “fuori stagione” inedito. Generalmente il teatro di settembre è un teatro sporadico, con gli organizzatori impegnati ad allestire i propri cartelloni per l’autunno e per l’inverno. Con “Scena Trentina” settembre ed ottobre saranno invece mesi intensi, mesi di prosa e di danza in un’alternanza di spettacoli in qualche caso già visti, (e già apprezzati), e di primizie.

 Eppure non è solo il calendario – davvero ricco e vario – ad attizzare i tessitori della rete tra quattro teatri “diversamente uniti” tra loro. Con “Scena Trentina” l’offerta principale alle compagnie trentine è quella del dialogo, della conoscenza, del rafforzamento di rapporti e della contaminazione artistica tra una realtà e l’altra. Non c’è altro modo per far crescere ancor più di quanto già non accada collaborazioni e coproduzioni.

 

 Non c’è altro modo per farsi forti delle idee e della caparbietà nel seguire i propri percorsi culturali quando non si è forti di finanziamenti pubblici. “Scena trentina” non è una passeggiata. Non lo è dal punto di vista organizzativo per la frequenza ravvicinata degli spettacoli e l’impegno collegato. Non lo è per la scommessa di intrigare e coinvolgere un pubblico che non troverà sui palchi “nomi famosi” ma nomi affamati di giovane e meno giovane coraggio artistico.

 

 Questa volontà di imboccare anche le strade impervie dello spettacolo appare il segno distintivo della rassegna. Non si sa se davvero l’occasione fa l’uomo ladro. Si sa che l’occasione di un palcoscenico trasforma l’attore – acerbo o rodato poco importa – in un ladro gentiluomo (e gentildonna). Ladri che rubano suggestioni (autori classici o moderni, didascalico o sperimentale, ingorghi scenici o vie ben delineate) per darle subito indietro e per rendere tutti più ricchi di spirito critico. Di attitudine a non farsi dettare il pensiero dai venditori di un nulla condito da urla e di balle. I titoli, i protagonisti, gli argomenti, gli allestimenti di “Scena Trentina”  sono un’occasione. Una bella occasione.

 

Il calendario

 

13 settembre 2018 – Teatro di Pergine

GIUDIZI UNIVERSALI

Produzione TrentoSpettacoli in collaborazione con Evoè!Teatro

 

16 settembre 2018 – Teatro di Pergine

OPERETTA IMMORALE

Produzione La Burrasca, Associazione Culturale Lavisana

 

20 settembre 2018 – Teatro di Pergine

AIACE

Produzione Carro di Dioniso

 

21 settembre 2018  –  Teatro di Meano

CUORE

Produzione Teatri Soffiati

 

27 settembre 2018 – Teatro di Villazzano

TEMPO ORFANO

Produzione ariaTeatro

 

28 settembre 2018 – Teatro di Pergine

EMILIA E LE ALTRE

Produzione LuHa

 

29 settembre 2018 – Teatro Portland

IL SENTIERO

Produzione Aporia

 

05 ottobre 2018 – Teatro di Villazzano

TATAMI

Produzione La Burrasca, Associazione Culturale Lavisana

 

06 ottobre 2018 – Teatro di Meano

DOV'È SPARITA BETTY?

Produzione Alla Ribalta

 

09 ottobre 2018 – Teatro di Villazzano

TRE QUARTI

Produzione Veronique Ensemble

 

11 OTTOBRE 2018 – Teatro di Pergine

CON VOCE NUOVA_ L'INFERNO DI DANTE

Produzione EmitFlesti

 

12 ottobre 2018 - Teatro di Pergine

LA CONQUISTA DELLA FELICITÀ

Produzione TrentoSpettacoli

 

13 e 14 ottobre 2018 – Teatro Portland

DUE

Produzione Rifiuti Speciali

 

18 ottobre 2018 – Teatro di Meano

MASTER SHAKESPEARE

Produzione raumTraum

 

30 ottobre 2018 – Teatro di Pergine

DEOS

Produzione Controra

 

31 ottobre 2018 – Teatro di Villazzano

A VOLTE SEMBRA CHE LO SPIRITO ASPETTI

Produzione Silvia Dezulian

AVIDA DOLLARS

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 18:29

L'uomo ha lasciato la sua casa di Quero Vas nel primo pomeriggio di ieri e da quel momento non si sono più avute notizie

18 novembre - 12:04

Il problema è più diffuso di quel che si potrebbe pensare infatti sono molti i senza fissa dimora che pur di non separarsi dall’amico animale scelgono di non accedere alle strutture residenziali, sfidando la rigidità dell’inverno e talvolta mettendo in pericolo la propria vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato