Contenuto sponsorizzato

Amore in fuga, il road movie sardo

Sabato 23 marzo si conclude al Melotti di Rovereto la rassegna Cinema Presente promossa dal Centro Santa Chiara. Verrà proiettato il film "Ovunque proteggimi" di Bonifacio Angius che alle 18.30 incontrerà il pubblico nella prima proiezione che sarà replicata alle 21. Il lavoro è stato celebrato come uno dei migliori prodotti della cinematografia nazionale

Pubblicato il - 21 marzo 2019 - 10:10

ROVERETO. Sabato 23 marzo ultimo appuntamento della stagione 2018-2019 con la rassegna Cinema Presente del Centro Servizi Culturali Santa Chiara, all’Auditorium Fausto Melotti di Rovereto. Ospite dell’incontro alle 18.30, moderato da Sergio Fant, e della proiezione alle 21.00 il regista Bonifacio Angius, in occasione della prima regionale del suo "Ovunque proteggimi".

 Il secondo lungometraggio di Angius è un appassionante road movie e storia d’amore in fuga tra i paesaggi della sua Sardegna, un film dal respiro e toni inediti per il cinema italiano. Presentato in anteprima al Torino Film Festival 2019 e successivamente in altri eventi internazionali, è diventato un caso nel panorama della distribuzione italiana, sostenuto da tante sale indipendenti e accolto da un pubblico in costante crescita, ma non era ancora arrivato in Trentino.

 Protagonista di Ovunque proteggimi è Alessandro, cantante di provincia che non sente i suoi cinquant’anni. Dopo essersi esibito per un pubblico poco riconoscente, come tutti i sabato notte fa mattina in discoteca. Quando all'alba si vede rifiutare da sua madre i soldi necessari per fare il gradasso con delle ragazzine, perde la testa. Ma dopo una vita sprecata a sperare nella fortuna di un gratta e vinci, non avrebbe mai immaginato che l'amore potesse tornare a fargli visita... in una corsia d'ospedale: è qui che incontra Francesca. Ad agosto la Sardegna è un'esplosione di luce bianca, di cemento rovente, di campagne dorate, di mare che luccica in lontananza, e Alessandro e Francesca escono finalmente dall'ospedale, per mettersi in viaggio verso un'ultima occasione.

 Comingsoon.it ha definito il film “sincero e spiazzante”, per Marco Giusti su Dagospia “Ovunque proteggimi è uno dei migliori film italiani dell’anno”, mentre per Badtaste.it “C’è una voglia di rivincita così forte e smaccata in Ovunque proteggimi che non appartiene alla nostra tradizione e manifesta la lotta contro tutto un mondo intero!”

 

 Bonifacio Angius è nato a Sassari nel 1982. Regista, sceneggiatore, direttore della fotografia e produttore, ha frequentato corsi in Italia e all'estero. I suoi cortometraggi hanno ricevuto riconoscimenti in numerosi festival internazionali. Nel 2011 realizza Sa Grascia, mediometraggio completamente auto-prodotto, che riceve giudizi lusinghieri da parte di critica e pubblico. Nel 2014 è la volta di Perfidia, unico film italiano in concorso alla 67. edizione del Festival Internazionale del Film di Locarno, dove si aggiudica il premio della giuria dei giovani ed ottiene un grande successo di stampa e pubblico. Il suo secondo lungometraggio Ovunque proteggimi è stato prodotto da Matteo Rovere e Andrea Paris per Ascent film e RAI cinema. L'appuntamento delle 18.30 è gratuito.Alla sera ingresso a 5 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato