Contenuto sponsorizzato

"E - vento", un castello d'arte operaia

Verrà inaugurata sabato 4 la mostra che la nuova Fondazione popolare che gestisce il maniero di Pergine ha affidato alla motosega e allo scortecciatore dell'artista professore Giuliano Orsingher. Gli alberi caduti come birilli di un drammatico strike della natura sono diventati opere e installazioni di grande impatto che invitano alla riflessione all'urgenza di ritrovare finchè è ancora possibile un equilibrio salvifico tra uomo e ambiente

Di Carmine Ragozzino - 02 maggio 2019 - 12:42

PERGINE. Mai come questa volta la forma informa. Mai questa volta la forma – artistica – è sostanza: una sostanza culturale, una sostanza sociale. E, ancora, è amore. E, ancora, è rispetto. E, ancora, è difesa di una natura che dell’uomo sarebbe meno nemica se l’uomo l’avesse trattata come merita se non una filosofia almeno un istinto di sopravvivenza migliore.

 

 Natura come fonte di vita, di pensiero e – per dirla come va detta – di pace. Della natura Giuliano Orsingher è felicemente prigioniero. Un felice ergastolano dei colori e degli odori, del grande e del piccolo di un contesto alpino che tuttavia non è né giusto né utile cristallizzare nell’egoistico isolamento montanaro.

 

 Orsingher e la natura: da sempre. Probabilmente, per sempre. La natura che respira, (anche se oggi lo fa purtroppo in progressivo affanno). La natura che ispira. All’artista professore, (e viceversa), i boschi del suo Vanoi devono aver dato lezioni intime da provare a far diventare caparbiamente collettive. Rumori e silenzi, fruscii e suoni che improvvisamente, meravigliosamente, si amplificano.

 Sono elementi che per secoli hanno fatto concerto ma che oggi sono sconcerto per come e per quanto l’insipienza umana se ne infischia del futuro obbligando la natura ad uno sconvolgimento sempre più vicino al punto di non ritorno. Come in un immenso campo di bowling pochi mesi fa un vento che non è più anomalo  ha fatto strike, giocando con  la storia e la geografia di una terra - il Trentino -  da est ad ovest del Trentino.

 

 Gli alberi? Birilli. O fragili pezzi del shangai. Un’immensità di birilli ridotti a terrificante groviglio. Simbolo di un mondo a testa in giù. Con le radici  drammaticamente all’insù. Che deve fare un artista di fronte allo scempio? Piangere no. Creare, ricreare: quello sì, quello si può fare. Ed è ciò che Giuliano Orsingher ha cercato di fare accettando la proposta della Fondazione Castel Pergine. Lavorando duro fin  dall’ottobre scorso con l'obiettivo diper vestire gli spazi propri ed impropri di un maniero di segni. Piccoli e grandi segni. Di segni capaci di dare un messaggio crudo (ma anche poetico).  Un messaggio forte e chiaro.

 

 Ferita, maltrattata, ignorata eppure resistente: eccola la natura che chiama l’uomo ad interrogarsi, a cambiare finchè si è ancora in tempo, a ristabilire almeno un minimo di salvifico equilibrio. La mostra di Orsingher che sabato verrà inaugurata alle 17.30 al Castello di Pergine per essere aperta al pubblico dall’11 aprile si chiama “E-vento”. È un titolo azzeccato, davvero azzeccato, per una proposta che sintetizza almeno tre decenni di impegno di Orsingher nel cavare dalla natura – il legno, i sassi – suggestioni e visioni che stuzzicano immaginazione e riflessione.

 

 Dell’arte intesa come rapporto da riorganizzare tra uomo e natura Orsingher è indiscutibilmente uno schivo ma convinto pioniere fin dagli esordi – ad esempio – di Arte Sella. Fin da prima che la “land art” si trasformasse da scommessa culturale a businnes e furbata turistica. Oggi come all’inizio l’artista professore – Orsingher insegna al liceo delle arti Vittoria con largo apprezzamento dei suoi studenti – scarpina. L'artista operaio arrampica per ogni salita delle sue zone d'origine e di altre montagne. Motosega, scalpello, scortecciatore, lacci, chiodi e olio di gomito: ecco gli strumenti del suo atelier da asporto.

 Gli alberi, le piante, le pietre eccetera sono materia artistica e materiale per ettolitri di sudore e quintalate di calli. Ma la natura – anche dopo la devastazione – è un’occasione irrinunciabile di indagine.  Orsingher – lo scrive nel brevissimo testo a sua firma del catalogo – offre l’opportunità di scoprire la sua essenza anche quando lascia tracce violente.

 

 Questa dunque la sfida di Orsingher: cogliere questa essenza, allenare la capacità di riconoscere le proprietà delle forme esistenti in natura anche quando sono snaturate riproponendo – attraverso l’arte – una virtuosa relazione con l’ambiente. Negli allestimenti che Orsingher ha ideato e costruito per il Castello di Pergine questa relazione attraversa e unisce momenti di grande semplicità a momenti di forte complessità e finanche di coraggio. Ci vuole coraggio, ci vuole visione, nel collocare nel modo più consono il materiale raccolto e “lavorato” nei boschi.

 

 “Un albero in piedi è così bello e perfetto che non ci lascia andare al di là della sua bellezza – spiegava Orsingher in un’intervista – mentre quando è abbattuto e stravolto dal vento, riusciamo ad entrarci un po’ dentro”. Per Orsingher, per “E Vento”, questo “entrarci un po’ dentro” ha voluto dire entrare dentro il triste e radicale cambiamento dell’aspetto dei boschi dopo la tempesta del 29 ottobre dello scorso anno per provare a dare dignità non certo solo artistica a forme naturali che difficilmente si possono leggere.

 Occhio, non si tratta di dire che c’è del buono anche nella distruzione. Si tratta, semmai, di evidenziare come la natura abbia anche da moribonda qualcosa di grande da insegnare, un monito da dare. “E Vento” è quindi più un discorso, (forse più profondamente filosofico che oggettivamente ecologico) articolato attraverso pezzi di alberi caduti che Orsingher ha trattato con la premura della ricerca di diverse, libere, interpretazioni. Ha reinterpretato la natura nel ripulire, trasportare, posizionare, ricontestualizzare, eccetera. 

 

 “Quel che fo-resta”, “Ancora di salvezza”, “Sassibridi” “Colpo di S-grazia” “Pandemia bancale”: i titoli delle installazioni di “E vento” non sembrano identificare solo la sequenza delle opere. Sono spunti per una istruttiva lezione senza cattedra, senza paroloni e senza presunzione. Una lezione intensa e onesta quella di Orsingher (da artista e da professore): e per questo efficace. Sarà importante  nella mostra “E - vento” soffermarsi e ragionare oltre le opere “finite” di Orsingher per rapportarle alla fatica e all’ingegnosità delle fasi di lavoro nel bosco - tra sole e pioggia - a quelle del trasporto dei materiali dal Vanoi a Pergine, all’impegno per fissarle a torri, merli e quant’altro può aumentare la medioevale forza comunicativa degli spazi.

 

 “E - Vento” è la ventiseiesima esposizione annuale che continua una fervida  tradizione culturale del Castello di Pergine a gestione svizzera e privata. Ma da quest’anno il castello ha una nuova vita. E' una vita affidata ad una proprietà collettiva, popolare e sociale: si tratta di una delle più belle scommesse sia per la comunità perginese  che per il Trentino. Proporre l'avvio di questa nuova fase con una mostra open air che recupera vita di forme e di speranza dalla forzata morte di un bosco è davvero un “signor inizio”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 08:44

La candidata dell'Alleanza Democratica Autonomista, Cristina Donei, si è fermata al 35,99%.  Sarà quindi Sutto per il centrodestra a sostituire Maurizio Fugatti nel seggio alla Camera dei Deputati 

27 maggio - 08:22

Nel collegio che aveva eletto l'assessora Giulia Zanotelli sono state scrutinate 121 sezioni su 226 e la consigliera comunale della Lega è avanti: 54,15% per 23.972 voti

27 maggio - 08:03

L'eurodeputato della Svp verso le 100 mila preferenze. A livello regionale la Svp è riuscita ad ottenere quasi 130 mila voti raggiungendo il 26,18%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato