Contenuto sponsorizzato

In 5 ore sradicati 14 milioni di alberi: Arte Sella ricorda la tempesta con un'opera sonora, ''L'urlo di Vaia''

Iniziativa curata da Officinadidue. L'appuntamento è per domenica alle 15 a Malga Costa: ''Per condividere il trauma e trasformarlo in memoria collettiva''

Pubblicato il - 01 giugno 2019 - 13:59

TRENTO. Il maltempo dello scorso ottobre ha sradicato in 5 ore 14 milioni di alberi. Un avvenimento difficile da dimenticare per i boschi (e non solo), che ha colpito anche Arte Sella. E proprio quest'associazione culturale domenica 2 giugno ricorderà con l'arte quel momento così triste per la natura e la storia trentina.

 

L'appuntamento è con un'opera temporanea (come tutte quelle di Malga Costa) realizzata ricordando il rumore del vento durante la notte della tempesta. Si tratta in particolare di "L'urlo di Vaia - Vaia's scream" (qui), un'opera sonora creata dagli artisti Vera Bonaventura e Roberto Mainardi di Officinadidue.

 

"È la testimonianza - si legge sulla presentazione - della forza della tempesta. Riviverla in uno spazio comune e protetto consente di condividere un trauma e poterlo comunicare, esternare trasformandolo in memoria collettiva. L'operato artistico di Officinadidue ha come scopo un risveglio etico delle coscienze a livello sociale e ambientale".

 

Per domenica in val di Sella sono in programma un incontro con gli artisti e la presentazione dell’opera. L'appuntamento è a Malga Costa alle 15. L'ingresso al giardino di Villa Strobele e all'area di Malga Costa e per la Cattedrale Vegetale costa 8 euro a persona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 16:02

A Roma si consuma la crisi di governo aperta dal leader della Lega e vice premier Matteo Salvini. Conte entra durissimo: "E' contraddittorio il comportamento di una forza politica, che presenta una mozione di sfiducia e non ritira i ministri. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano. Pericoloso e preoccupante chiedere pieni poteri e invocare le piazze"

20 agosto - 17:09

Dopo Giuseppe Conte e Matteo Salvini arriva l'intervento di Matteo Renzi. "Il vice premier non conosce il diritto e la costituzione dopo 26 anni pagato dai contribuenti per incarichi pubblici. E' andato al governo con il 17%, un governo che ha fallito anche per sua responsabilità"

20 agosto - 16:35

Dopo il discorso del presidente del consiglio la replica del ministro degli interni è stata fiacca e sentita più e più volte. Ancora una volta i riferimenti alla Madonna, alla fede e la citazione di Papa Giovanni Paolo II

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato