Contenuto sponsorizzato

Nell'isola degli esiliati la pace e la nostra libertà presero il volo

Giovedì 9 in piazza Fiera la "prima" di Fenicotteri a Ventotene, il reading teatrale che Maura Pettorruso e Stefano Detassis dedicano all'Europa per invitare ad una riflessione sulla storia e sul presente senza gli strumentali e autolesionistici veleni di un sovranismo d'accatto. Il progetto "Cosa sono i fenicotteri?" di Trento Spettacoli prevede repliche e dibattiti dal 15 al 22 maggio allo Spazio Off e in altri luoghi. Alla fine di ogni spettacolo gli incontri con ospiti chiamati a stimolare lo scambio di idee e di opinioni

Di Carmine Ragozzino - 07 maggio 2019 - 20:50

TRENTO. Dell'Europa si parla poco. Dell'Europa si straparla. Troppo. Si blatera, cicaleggiando slogan tanto strumentali quanto autolesionistici per raccattare un voto "sovranista" in più e scavare ogni volta un centimetro di fossa in più all'Italia che da sola - in Europa e nel mondo - conterebbe meno di un tubo.

 

  L'Europa è la foglia di fico che non nasconde le miserie di governi sciuponi, spreconi, anche non poco coglioni, che hanno speso quello che non avevano e adesso pretendono, ululando, di non pagare debito. L'Europa - nel senso dell'istituzione - non è la perfezione. Senza l'Europa sarebbe comunque distruzione dei portafogli italici già magri e, di più, di ideali che ci hanno garantito pace, progresso, conoscenza reciproca, apertura mentale.  E scusate se è poco. 

 

 Per parlare d'Europa sarebbe il caso di conoscerla, l'Europa. Sarebbe il caso di sapere come è nata, come si è sviluppata, dove si è sbagliato e dove si può rimediare senza farsi del male.

 

 Un'occasione, una bella occasione, la regala l'arte. Un'artistica e poetica parola. Un reading, una lettura ispirata, che è nata nelle intime suggestioni di un viaggio per crescere nella voglia di comunicare emozione, riflessione, messaggio. Ecco "Fenicotteri a Ventotene", il lavoro che Maura Pettorruso e Stefano Detassis proporranno in anteprima giovedì 9 maggio alle 20.30 in piazza Fiera nel festival "Siamo Europa" promosso dal servizio Europa della Provincia. Sperando civiltà che con "questa Provincia" che sembra legarsi mani e piedi al credo leghista del "vade retro civiltà" l'Europa non diventi una bestemmia.

 

 L'appuntamento con Pettorruso e Detassis è la prima si una serie di repliche che lo spettacolo metterà in campo nelle vitali ristrettezze dello Spazio Off di via Venezia dal 15 al 22 maggio. L'iniziativa, il progetto, si chiama "Cosa sono i fenicotteri?" e si articola in un coraggioso calendario di appuntamenti che coinvolgeranno altre sedi di incontro e di confronto.

 "Fenicotteri a Ventotene" - il progetto che accompagna la performance - è la coerente continuazione di un'esperienza importante ed inedita che Spazio Off/Trento Spettacoli, (l'anima è Daniele Filosi), ha avviatolo scorso anno con la piccola grande saga del mese di repliche di "Alla conquista della felicità", la prosa con la quale si è fatto scoprire o riscoprire la lungimiranza e l'attualità di Bertrand Russel.

 

 "Fenicotteri" è un reading teatrale sulla nascita dell’Europa Unita. Ventotene è una piccola isola dell’arcipelago pontino, a pochi chilometri dalle coste del Lazio. Nel corso dei vent’anni di regime fascista, diventa il confino politico per molti dissidenti del regime. Tra i tanti, vi vengono ‘ospitati’ personaggi come Sandro Pertini, Luigi Longo, Umberto Terracini, Giorgio Amendola, Eugenio Colorni, Giovanni Roveda, Camilla Ravera, Giuseppe Di Vittorio, Altiero Spinelli, Ernesto Rossi. Gli esiliati – costretti a seguire le regole ferree del carcere di regime – riescono però ad organizzarsi segretamente: si incontrano, discutono, progettano. In particolare, Altiero Spinelli, Ernesto Rossi e Eugenio Colorni arrivano sull’isola tra il 1936 e il 1940.

 

 Pur provenendo da diverse esperienze politiche, i tre confinati si ritrovano in un’idea comune e condivisa, che si concretizza in un manifesto politico di grandissima importanza, il Manifesto di Ventotene ‘Per un’Europa libera e unita’. Nel 1941, alcune donne, tra cui la moglie di Colorni e Ursula Hirschmann, si trasformano in staffette clandestine: ecco i “Fenicotteri di Ventotene”, fondamentali per portare e diffondere il manifesto dalla piccola isola pontina a tutti i circoli antifascisti in lotta contro la dittatura nazi-fascista.

 

 Finita la guerra e caduto il fascismo, il “sogno” di Spinelli, Rossi e Colorni può trovare finalmente lo spazio adeguato per cercare una traduzione nella realtà. In particolare, nel documento una federazione degli Stati d’Europa, basata sul modello statunitense, viene indicata come l’unica soluzione per la salvezza della civiltà europea e per evitare il ritorno nel baratro che due guerre mondiali l’hanno gettata nella prima metà del Novecento.

 

 "Fenicotteri a Ventotene" nasce dopo un viaggio-studio di Maura Pettorruso e Stefano Pietro Detassis sull’isola, effettuato nell’estate del 2018. Ventotene, oggi, è un piccolo borgo di pescatori, dove si respira, ancora forte e viva, l’aria del grande sogno che da qui è partito e che ha attraversato la seconda metà del Novecento arrivando alla creazione di un’Europa unita.

 

 Da questo viaggio Maura Pettorruso e Stefano Detassis sono partiti per costruire il loro reading teatrale, la loro “orazione civile”: un viaggio tra presente e passato, per guardare al futuro, e per riflettere su cosa rappresenta oggi l’Europa. Alla fine di ogni serata, è previsto un momento di confronto,dibattito e incontro con e tra il pubblico, per stimolare il più possibile la partecipazione attiva delle persone che assisteranno allo spettacolo e suscitare uno scambio concreto e reale di impressioni, opinioni e idee, davanti a un bicchiere di vino.

 

IL PROGRAMMA

 

Venerdì 10 maggio, h 20,30 – Libreria Due Punti – Via San Martino, Trento. NOSTRA ITALIA DEL MIRACOLO. testo e regia di Giulio Costa con Maura Pettorruso
Le parole di Camilla Cederna, voce del giornalismo femminile del Novecento italiano, raccontano di una società che cambia a velocità impressionante: dalla Liberazione al dopoguerra, dal boom economico agli anni di piombo, dalle televisioni commerciali alle piogge acide. Camilla è una giornalista senza mezzi termini. Giornalista per passione, per amore, per professione.

 

Da mercoledì 15 a sabato 18 maggio – Spazio Off Trento, Mer e gio h 18,30 – Ven e sab h 21: FENICOTTERI A VENTOTENE, testo di Maura Pettorruso
con Stefano Pietro Detassis e Maura Pettorruso. Da mercoledì 22 a sabato 25 maggio – Spazio Off Trento, Mer e gio h 18,30 – Ven e sab h 21, FENICOTTERI A VENTOTENE
testo di Maura Pettorruso
con Annalisa Morsella e Giulio Federico Janni

 

GLI INCONTRI E LE ALTRE INIZIATIVE. Mercoledì 15 maggio, ore 21 Proiezione del dibattito tra gli “Spitzenkandidaten” in collaborazione con Europe Direct Trentino

Giovedì 16 maggio, a partire dalla fine dello spettacolo ‘Fenicotteri a Ventotene’ Incontro-dibattito con Marco Odorizzi, direttore della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi. Venerdì 17 maggio, a partire dalla fine dello spettacolo ‘Fenicotteri a Ventotene’ Presentazione de ‘La macchina del vento’ (Einaudi, 2019) con Wu Ming 1 in collegamento telefonico. Mercoledì 22 maggio, a partire dalla fine dello spettacolo ‘Fenicotteri a Ventotene’ Incontro con Fabio Masi, editore e titolare della libreria ‘L’Ultima Spiaggia’ di Ventotene. Giovedì 23 maggio, a partire dalla fine dello spettacolo ‘Fenicotteri a Ventotene’
Presentazione de ‘La parabola d’Europa’ (Donzelli, 2019) con l’autore Marco Piantini

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 luglio - 19:16

Gli obiettivi sono organizzati in sette aree strategiche, che hanno l’ambizione di voler alimentare un confronto permanente tra tutti i protagonisti della vita collettiva: la politica, le istituzioni, le espressioni più rappresentative della cultura, della società, dell’economia, del territorio, della cittadinanza delle aree urbane e delle valli 

19 luglio - 16:57

La diga e il lago di Santa Giustina, oltre a produrre energia elettrica, saranno al centro del progetto di valorizzazione turistica che porterà alla realizzazione di una skywalk. Gli interventi avranno un costo di circa 1,80 milioni di euro e saranno sostenuti da Dolomiti Edison Energy, società titolare della concessione della centrale idroelettrica

19 luglio - 18:26

Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero, senza freni quest'oggi a La Zanzara su Radio 24. A tener banco e ancora M49-Papillon l'orso Trentino catturato e poi fuggito dal Casteller ad inizio settimana

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato