Contenuto sponsorizzato

Oltre 15 mila visitatori e la mostra "La Collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell’Arca a Francesco Hayez" viene prorogata fino all'Epifania

La chiusura della mostra era, infatti, prevista per il 3 novembre, ma è stata ufficialmente prorogata fino al 6 gennaio 2020. Luciano Rizzi, presidente dell'Apt val di Sole: "Intendiamo dare una grande opportunità anche ai turisti della stagione invernale considerando i tanti ritorni positivi che abbiamo avuto in termini di apprezzamento dai numerosi visitatori che abbiamo incontrato"

Pubblicato il - 06 novembre 2019 - 15:49

CALDES. "Ci fa immenso piacere che la mostra sia stata gradita da moltissimi ospiti della val di Sole che quest'estate sono accorsi a castel Caldes", queste le parole di Luciano Rizzi, presidente dell'Apt Val di Sole nel lanciare la proroga de "La Collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell’Arca a Francesco Hayez".

 

La chiusura della mostra era, infatti, prevista per il 3 novembre, ma è stata ufficialmente prorogata fino al 6 gennaio 2020. "Intendiamo dare una grande opportunità anche ai turisti della stagione invernale - prosegue il numero uno dell'Apt - considerando i tanti ritorni positivi che abbiamo avuto in termini di apprezzamento dai numerosi visitatori che abbiamo incontrato".

 

La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Cavallini Sgarbi, la Fondazione Elisabetta Sgarbi e la direzione artistica di Contemplazioni, è organizzata dall’Azienda per il turismo Val di Sole e promossa dalla Provincia di Trento, dal Castello del Buonconsiglio, dal Comune di Caldes, da Trentino Marketing e dalla Comunità della Val di Sole

 

L’esposizione intende illustrare attraverso 80 capolavori, tra dipinti e sculture dal XV al XIX secolo, l’identità di una collezione idealmente senza confini, aperta a molte curiosità coincidenti con temi di studio sperimentati e altri del tutto nuovi.  A oggi, infatti, sono oltre 15 mila i visitatori che si sono recati a vedere le opere esposte nelle sale del castello

 

"Siamo molto felici di poter annunciare la notizia della proroga della mostra fino all'Epifania - commenta Laura Dal Pr, direttore del castello del buonconsiglio - sarà sicuramente motivo di grande interesse per i numerosi turisti che nella stagione invernale affollano il nostro territorio. Nella stagione invernale il Trentino, oltre al fascino della neve e dei mercatini di Natale, può contare su di una offerta culturale d'eccellenza e quest'anno sarà arricchita anche dalla mostra che ospitiamo a Castel Caldes. Il mio vivo ringraziamento va alla famiglia Cavallini Sgarbi, così come a tutti i soggetti istituzionali che hanno creduto in questo progetto".

 

Elisabetta e Vittorio Sgarbi, insieme agli organizzatori, hanno deciso, pertanto, di prolungare l’apertura per dare la possibilità anche al pubblico internazionale che affollerà la Val di Sole durante le festività natalizie: dal 4 novembre al 20 dicembre la mostra sarà visitabile solo il sabato e la domenica con orario continuato dalle 9.30 alle 17.

 

Dal 21 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020 la mostra sarà visitabile tutti i giorni. Chiusura il 25 dicembre e il 1 gennaio. “E’ orgoglio di tutta la comunità - conclude il sindaco di Caldes Antonio Maini – che vede in Castel Caldes un luogo sempre più vivo, poter ospitare la mostra anche durante le festività natalizie, portando quindi nuovi stimoli, in un rapporto culturale che sempre mantiene un dialogo vivace tra l’anima artistica locale e le forme d’arte di più ampio respiro".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

09 dicembre - 13:08

L'Ente Nazionale Protezione Animali chiede ai primi cittadini delle ordinanze. Già il Consiglio comunale di Rovereto ha scelto di mettere dine ai fuochi d'artificio

09 dicembre - 05:01

C'è anche nel masterplan di sviluppo del Bondone ''Necessario tenere in considerazione gli importanti cambiamenti climatici in atto e valutare quindi con attenzione la necessità di anticipare un cambio di prospettiva dell’offerta turistica", ma la discussione politica non sembra ancora cominciata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato