Contenuto sponsorizzato

Torna Settenovecento per quattro giorni di concerti, oltre 130 artisti e 20 appuntamenti tra Rovereto e la Vallagarina. Un modello di collaborazione unico nel suo genere

La musica come ponte tra culture, senza dimenticare i grandi anniversari di quest’anno dedicati a Tartini e Beethoven, ma anche un omaggio al compositore roveretano Riccardo Zandonai. Tra gli ospiti della quarta edizione l’Orchestra di piazza Vittorio, l’Astrée, il pianista Calogero di Liberto, il progetto giovanile dell’Orchestra Filarmonica Settenovecento diretta da Marco Alibrando

Pubblicato il - 07 agosto 2020 - 20:02

ROVERETO. Quattro giorni a base di musica in giardini e palazzi aperti al pubblico per l’occasione, oltre 130 artisti, tra solisti, ensemble, cori e orchestre, e venti appuntamenti. Questo il cartellone di alto profilo in programma dal 20 al 23 agosto a Rovereto e in Vallagarina per Settenovecento.

 

La musica come ponte tra culture, senza dimenticare i grandi anniversari di quest’anno dedicati a Tartini e Beethoven, ma anche un omaggio al compositore roveretano Riccardo Zandonai. Tra gli ospiti della quarta edizione l’Orchestra di piazza Vittorio, l’Astrée, il pianista Calogero di Liberto, il progetto giovanile dell’Orchestra Filarmonica Settenovecento diretta da Marco Alibrando

 

Il festival trentino Settenovecento si caratterizza sempre più come iniziativa che congiunge le più significative realtà musicali del territorio: debutta nel ruolo di capofila l’Associazione Filarmonica di Rovereto, che si affianca ai partner “storici” Wam festival internazionale Mozart a Rovereto e Centro internazionale di studi Riccardo Zandonai. Entrano nella rete anche Coro Sant’Ilario e Rovereto Wind Orchestra.

 

La direzione artistica, condivisa da Federica Fortunato (Centro Studi Zandonai), Klaus Manfrini (Associazione Filarmonica di Rovereto) e Angela Romagnoli (Wam Festival Mozart), nonostante l’emergenza sanitaria Covid-19, ha ideato quest’anno un denso cartellone di concerti, composto da oltre venti appuntamenti che coinvolgono più di 130 artisti tra solisti, ensemble, cori e orchestre.

 

Un occhio di riguardo è stato riservato ai giovani esecutori, protagonisti del progetto a loro dedicato dell’Orchestra Filarmonica Settenovecento e della fascia “Musica al Centro” realizzata in collaborazione con il Conservatorio “F.A. Bonporti” di Trento e Riva del Garda.

Il festival inaugura la sera di giovedì 20 agosto all’interno del Teatro Zandonai, che riapre le sue porte per l’occasione anche se a capienza ridotta, con l’Orchestra di Piazza Vittorio. In perfetta aderenza con il tema dell’edizione (Universalis), l’ensemble multietnico famoso in tutto il mondo propone Credo. Concerto sul dialogo interreligioso. 

 

La giornata di venerdì 21 agosto è particolarmente densa di appuntamenti: alle 11.30 a Villa Lagarina, L’Astrée ci conduce nelle suggestive atmosfere della barocca “Scuola delle Nazioni”, un omaggio al grande compositore Giuseppe Tartini di cui quest’anno cade l'anniversario numero 250 della morte.

 

Alle 16.30 è il turno del Trio Zandonai, che propone il Trio op. 8 di Johannes Brahms. Il Cortile di Palazzo Betta Grillo, sede del concerto, è tra i luoghi “nascosti” di Rovereto che aprono appositamente per il festival. Alle 18.30 un’altra sfumatura dell’universo barocco: l’ensemble La Girometta presenta un affascinante spettacolo di danze dell’epoca, con musica dal vivo, nel Cortile di Palazzo Alberti.

 

La sera alle 20.45 gran concerto sinfonico a teatro, protagonista l’Orchestra Filarmonica Settenovecento: composta interamente da giovani strumentisti guidati da prime parti di grande esperienza e professionalità, è diretta in questo programma da Marco Alibrando. Il programma proposto omaggia Giuseppe Tartini e Riccardo Zandonai, con l’esecuzione del “Trillo del Diavolo” nell’orchestrazione del compositore roveretano. Protagonista è la giovane e promettente violinista roveretana Francesca Temporin

 

Non poteva mancare il concerto della buonanotte: la Terrazza delle sculture del Mart è scenario ideale per la Piccola Orchestra Lumière che musicherà dal vivo “One Week”, il cortometraggio capolavoro di Buster Keaton del 1917, un appuntamento divertente e originale.

 

La mattina di sabato 22 agosto, doppio incontro: a Rovereto, alle 11.00, il concerto del pianista Calogero Di Liberto nella preziosa cornice del Giardino Bridi de Probizer, luogo raro dedicato al compositore Mozart, amico dell’allora proprietario della tenuta. Parallelamente, alle 11.30, Christine Busch al violino e Stefania Neonato al fortepiano proporranno due celeberrime sonate di Beethoven nello splendido Cortile di Palazzo Taddei a Ala.

 

Alle 16.30 il Cortile di Palazzo Betta Grillo ospita un nuovo spettacolo di danze barocche con l’ensemble La Girometta. Alle 18.30 è la volta dell’Ex Novo Ensemble, formazione veneziana che propone musiche del Novecento nel magico Giardino storico di Villa Todeschi.

 

Alle 20.45 l’Ensemble vocale Continuum, diretto da Luigi Azzolini e affiancato da Roberta Gottardi al clarinetto, ci invita nella Chiesa di San Marco ad ascoltare la prima esecuzione europea della Missa Universalis V per coro e clarinetto di Davidson. La buonanotte ci viene di nuovo augurata dalla Piccola Orchestra Lumière, questa volta impegnata a musicare un altro capolavoro del primo Novecento, “The Immigrant” di Charlie Chaplin.

 

L’ultima giornata del festival, domenica 23 agosto, si apre alle 11.00 a Rovereto con l’umorismo del pianoforte di Calogero Di Liberto al Cortile di Palazzo Alberti. Contemporaneamente, a Brentonico, un affascinante viaggio nel mondo dell’organo, con Massimiliano Guido allo strumento. L’organaro Marco Fratti illustrerà il delicato processo di restauro.

 

Pomeriggio di nuovo a Rovereto, dove alle 16.30 ci attende l’ascolto del Trio Dumky di Dvořák proposto dal Trio Zandonai nel Giardino storico di Villa Todeschi. Ultima chicca: apre per l’occasione il Giardino di San Marco dietro le mura di via delle Fosse, ospitando la musica del Novecento con l’Ex Novo Ensemble. 

 

Gran finale al Teatro Zandonai con l’Orchestra Filarmonica Settenovecento e Marco Alibrando, questa volta affiancati dal giovane talento roveretano Daniele Lasta al pianoforte. Il concerto è interamente dedicato a Beethoven nel 250 anniversario della nascita, e propone due capolavori: il Concerto per pianoforte e orchestra “L’Imperatore” e la Quinta Sinfonia.

 

Inoltre, durante le tre giornate del festival, la grande musica invade il centro storico: il Cortile Urbano di via Roma ospita Musica al Centro, dedicata ai giovani talenti del Conservatorio “F.A. Bonporti” di Trento e Riva del Garda che proporranno ininterrottamente brani di epoche, stili e strumentazioni differenti, dal pomeriggio alla tarda sera. Ospiti d’onore saranno il Coro Sant’Ilario diretto da Federico Mozzi, che si esibirà in due concerti venerdì 21 e sabato 22 alle ore 19.00, e la Rovereto Wind Orchestra con Andrea Loss, domenica 23 agosto sempre alle 19.00.

 

Il festival è anche occasione di esperienze, all’interno della cornice “Settenovecento off”: in collaborazione con Apt Rovereto e Vallagarina, i concerti di Villa Lagarina (21.08), Ala (22.08) e Brentonico (23.08) diventano occasione di scoperta di percorsi, approfondimenti musicali, visite in costume e degustazione delle prelibatezze enogastronomiche del nostro territorio. 

 

Cembalo, violino e violoncello con i nobili Lodron” è il tema scelto per la giornata dedicata a Villa Lagarina tra arte barocca, palazzi e fontane. Con gli educatori del Museo Diocesano Tridentino si andrà alla scoperta di uno dei più notevoli monumenti barocchi del Trentino, l’antica chiesa di Santa Maria Assunta, prima di godersi il concerto nel giardino di Palazzo Libera. 

 

Le sonate di Beethoven tra i palazzi barocchi” è il fil rouge della giornata dedicata ad Ala: una visita alla città Bandiera Arancione del Touring Club Italiano con la straordinaria guida di figuranti in costume d’epoca farà da “ouverture” al concerto sulle note di Beethoven, ambientato nella meravigliosa scenografia dei palazzi barocchi del centro storico. 

 

L’organo e la montagna” è il tema al centro della giornata dedicata a Brentonico per capire come si costruisce un violino assieme al liutaio Luca Baratto, e subito dopo tuffarsi alla scoperta del prezioso organo della chiesa tardo-medievale dei SS. Pietro e Paolo per un viaggio a tutto tondo nell’universo degli strumenti musicali. 

 

L’Apt Rovereto e Vallagarina in collaborazione con i ristoratori della valle ha predisposto dei menu dedicati al pubblico di Settenovecento: si va dal menu tipico al piatto unico e dal Trentinsushi fino alle “Sinfonie trentine”. 

 

L’edizione 2020 di Settenovecento è realizzata da Associazione Filarmonica di Rovereto, Centro Internazionale di Studi “Riccardo Zandonai”, Wam Festival Internazionale Mozart a Rovereto, Coro Sant’Ilario, Rovereto Wind Orchestra con il supporto di Regione Trentino Alto Adige, Provincia di Trento, Comunità Vallagarina, Comune di Rovereto, Comune di Ala, Comune di Brentonico, Comune di Villa Lagarina, Dolomiti Energia, Apt Rovereto e Vallagarina, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto

 

Le partnership sono con Università di Pavia – Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali, Museo Diocesano Tridentino, Oriente Occidente Dance Festival, Palestra d’OrchestraIiriti

 

BIGLIETTERIA E PRENOTAZIONI

Tutti i concerti sono ad ingresso libero (tranne le esperienze Settenovecento off) fino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

Come prenotare:

I concerti

via email a info@settenovecento.it o via telefono al numero 0464.435255

presso la sede dell’Associazione Filarmonica di Rovereto in piazza S. Marco 7 (al primo piano) dal 10 al 14 agosto dalle 9.30 alle 12.30

presso la casetta Punto Info in piazza Rosmini (a lato della Fondazione Caritro) a partire dal 15 agosto dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 

 

Le esperienze Settenovecento off

online su visitrovereto.it

via email a info@visitrovereto.it o al numero 0464 430363

presso gli uffici informazioni Apt in Corso Rosmini, 21 a Rovereto o in Via Filzi, 37 a Brentonico

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato