Contenuto sponsorizzato

"Gli orsi delle Alpi", alla libreria Arcadia di Rovereto il naturalista Filippo Zibordi presenta il suo libro

Martedì 8 agosto alle 19. "Gli avvenimenti che lo riguardano vengono enfatizzati dai media, causando una 'ipersensibilizzazione' dell’opinione pubblica"

Pubblicato il - 07 agosto 2017 - 12:03

ROVERETO. Dopo l'ultima aggressione subita da un pensionato nei pressi del lago di Terlago, l'orso è tornato sotto i riflettori della cronaca, accusato di essere una minaccia all'incolumità di chi vorrebbe passeggiare per i boschi trentini in santa pace.

 

L'isteria si è diffusa, a volte con picchi surreali. I giornali e le tv hanno raccontato la 'storia dell'orso' in lungo e in largo. La politica e le istituzioni hanno detto la loro, spesso strumentalizzando la vicenda. E' partita la diatriba tra animalisti e cacciatori, tra chi vuole che gli orsi 'tornino a casa loro' (anche loro) e chi afferma che la loro casa è proprio il bosco.

 

L’orso non è un animale come gli altri perché è grande e grosso. Inoltre sa stare 'in piedi' e fare altre cose in una maniera che ci appare simile alla nostra. Insomma ci assomiglia, e al contempo ci spaventa. E ci emoziona e ci diverte quando, guardando il video di un cucciolo che rotola sulla neve, ci troviamo istintivamente a sorridere.

 

Di questa ambivalenza, dell'approccio dell'uomo all'orso, ne parlerà l'8 agosto, alla libreria Arcadia di Rovereto, il naturalista Filippo Zibordi che svolge da quasi vent’anni attività di ricerca, conservazione e comunicazione sulla fauna alpina, con particolare riferimento ai grandi carnivori.

 

Presenterà il suo libro “Gli orsi delle Alpi” (Blu Edizioni). "Gli avvenimenti che lo riguardano vengono enfatizzati dai media, causando una 'ipersensibilizzazione' dell’opinione pubblica. Il risultato - spiega Zibordi -  è che con la disinformazione, il bracconaggio finisce per essere la risposta forte ai problemi di una parte dell’opinione pubblica, ormai convinta che l’orso sia il capro espiatorio di tutte le difficoltà legate alla vita nelle 'terre alte'".

 

"In un contesto del genere - conclude il naturalista -  far conoscere chi è davvero l’orso, dove vive e quali sono le sue abitudini, è un primo passo per contrastare le strumentalizzazioni, e approcciare la questione in modo completo e trasparente".

 

Quindi, se qualcuno fosse interessato a una sorta di 'contro-storia dell'orso', che di sicuro non annoierà, l'appuntamento è per martedì 8 agosto alla libreria Arcadia di Rovereto


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato