Contenuto sponsorizzato

Una domenica a lezione da Carlo Missidenti fonico vincitore del David di Donatello con "L'Uomo che Verrà"

Organizzato da Destinazione Cinema di Trento sarà un workshop pratico finalizzato a dare conoscenze pratiche e teoriche per avere un sonoro professionale negli audiovisivi. Il docente sarà il trentino vincitore nel 2010 del David di Donatello, del Nastro D'Argento e del Ciak D'Oro

Pubblicato il - 17 gennaio 2017 - 18:25

TRENTO. Ha vinto il David di Donatello nel 2010 con il film "L'uomo che verrà" e domenica 22 gennaio sarà nella sua Trento nelle vesti di docente in un workshop pratico finalizzato a dare conoscenze pratiche e teoriche per avere un sonoro professionale negli audiovisivi. Sarà il fonico Carlo Missidenti, il "professore" del corso "Il Suono per il Video" promosso da Destinazione Cinema di Trento, un movimento di appassionati e professionisti nato nel 2012 per divulgare in Trentino la cultura cinematografica e, per usare una frase dello stesso Missidenti, per "trasformare una passione in una professione".

 

Carlo Missidenti, infatti, proprio quindici anni fa inizia il suo percorso nel mondo del sonoro applicato al cinema, facendo, come lui stesso racconta, "di una passione una professione".  "Ho iniziato - spiega il fonico - durante il periodo universitario. In quegli anni, infatti, la passione mi ha portato a frequentare la scuola di cinema di Olmi a Bologna. E' stata un'esperienza molto importante perché mi ha permesso di perfezionare il lavoro e di trasformare la mia più grande passione in una professione. Poi sono entrato in contatto con Giorgio Diritti con il quale ho fatto i primi tre film. All'inizio ho lavorato per la televisione, magari poco gratificante, ma fondamentale perché ho imparato due cose importanti: la professione e il relazionarsi con le persone".

 

Missidenti ha all'attivo molti lavori fra i quali "In fondo al bosco" regia di Stefano Lodovichi e alcuni documentari di Olmi. Ha collaborato con Giorgio Diritti con il quale gira tre importanti film "Il Vento fa il Suo Giro" e "Un Giorno devi Andare" entrambi candidati al suono ai Nastri D'Argento. Con il film "L'Uomo che Verrà" Missidenti vince nel 2010 il David di Donatello, il Nastro D'Argento e il Ciak D'Oro per il miglior sonoro. Recentemente ha lavorato con il regista Renzo Carbonera in un film ambientato a Luserna dal titolo "Resina" e con il regista Emanuele Caruso per il film, girato in Piemonte, "La terra buona".

 

"Quello girato da Caruso - spiega lo stesso Missidenti - è un film che parla di medicina alternativa, di come cambiare vita trovando una situazione più idonea a contatto con la natura. Parla di punti di vista e di interpretazioni diverse. La cosa interessante è che è sostenuto in gran parte con il crowdfunding: secondo la piattaforma 'produzioni dal basso', è il film che ha ricevuto nel corso dell'anno più fondi in assoluto per un totale di 70mila euro. Al momento sto preparando un film che inizia a febbraio. Sarà girato in Alto Adige e parla dell'amicizia di un bambino con un essere sopranaturale. Si tratta di un film per bambini".

 

Il sonoro nelle opere audiovisive ha molta importanza e può fare la differenza tra un prodotto amatoriale ed un prodotto professionale. Documentari, film, cortometraggi, spot pubblicitari, videoclip, telepromozioni, filmati aziendali, reportage, programmi televisivi, videoblog, presentazioni, provini hanno tutti bisogno di un sonoro di alta qualità per non rendere vano tutto il lavoro fatto. "Nel cinema - spiega Missidenti - il suono è tutto: è quello che fa la differenza e che quindi determina la qualità del lavoro. In quindici anni sono cambiate molte cose. E' aumentato, e continua ad aumentare, l'interesse verso l'utilizzo e lo sviluppo dei nuovi media. Si è passati dalla pellicola, con costi molto più elevati, a mezzi molto più leggeri ed economici. Però quello che la differenza, ripeto, è la qualità del sonoro".

 

Ecco il Programma Workshop "Il Suono per il Video" che si terrà domenica 22 gennaio 2017, a Trento "Destinazione Cinema" via 4 Novembre, 93/B

 

Mattina 4 ore di teoria

• Concetti base: registrazione (ingressi di linea e microfonici, gain e volume, decibel e livelli corretti...) e sincronizzazione (ciak, timecode, forma d'onda)

• Figure professionali: Fonico, microfonista, sound designer, montatore, mixatore. Affinità e divergenze con il mondo della musica

• I microfoni: tipologie e come sceglierli

 

Pomeriggio 4 ore di pratica

• Prova degli strumenti, registratori, mixer, microfoni con tutti gli accessori, i radiomicrofoni come usarli e trucchi per nasconderli, come impugnare l'asta microfonica

• Prove pratiche a gruppi di 3 o 4 persone. Dalle interviste alla messa in scena, come rapportarsi con le luci e con l'inquadratura

 

Questo il materiale che sarà messo a disposizione dei partecipanti: due casse acustiche, due registratori, vari tipi di microfoni, aste e accessori, cavi etc, due radiomicrofoni, una videocamera con uscita HDMI o SDI, Mmonitor HDMI o SDI, un faro proiettore.

 

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 marzo - 19:01

Non è solo una questione di prezzo, la filosofia dell'accoglienza è simile a quelle delle strutture extralberghiere, cioè la famigliarità di un agriturismo oppure di un bed and breakfast. Questaè una forma di ospitalità turistica pensata per i centri storici. Una soluzione che crea un 'senso di vicinato', risparmia l'ambiente e valorizza gli edifici già esistenti

20 marzo - 13:55

Era successo a Catania nel 2016. I due cani avevano aggredito il bimbo davanti alla madre ed erano poi stati affidati all'Arcadia Onlus di Rovereto

20 marzo - 17:13

La correlazione evidenziata nello studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della National university of Singapore. Bastano 300 grammi, appena due porzioni a settimana, per dimezzare il rischio di sviluppare un disturbo cognitivo minore dopo i 60 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato