Contenuto sponsorizzato

La famiglia Togn e i vini di Gaierhof ospiti di Peter Brunel per il menù 'stellato' dedicato alla cucina dei monasteri del '500

Pochi giorni fa l'azienda Gaierhof è stata protagonista della cena “Le famiglie trentine del vino”, progetto ideato dal genio creativo dello chef stellato Peter Brunel, nel suo omonimo ristorante gourmet a Linfano di Arco. Una serata di pura creatività condivisa dalle famiglie Togn e Dorigati, entrambe testimoni della storia viticola della Piana Rotaliana e del nobile autoctono Teroldego

Pubblicato il - 16 luglio 2021 - 11:01

ARCO. “Un appassionante viaggio gastronomico di otto serate alla scoperta della cucina trentina del Medioevo, rivisitando i menù in uso dai frati del '500”. Descrive così lo chef Peter Brunel (Stella Michelin dell'omonimo ristorante gourmet a Linfano di Arco) la proposta culinaria portata avanti insieme alle famiglie vitivinicole del Trentino: protagonista nell'appuntamento di martedì (13 luglio) i vini dell'azienda Gaierhof.

 

Una serata speciale, di pura creatività e ricerca dell'autenticità e raffinatezza dei sapori del territorio, condivisa dalle famiglie Togn e Dorigati, testimoni della storia viticola della Piana Rotaliana e del nobile autoctono Teroldego. L'obiettivo dello chef Brunel è di realizzare: “Piatti accompagnati dai vini delle famiglie che hanno creato nei decenni la storia enologica del nostro amato Trentino, una ricerca minuziosa degli ingredienti poveri, dalle verdure dell'orto all'olio del Garda, ai cereali antichi: la chiave del gusto abbinata alla salubrità che ha sempre ispirato la cucina dei monasteri in tutta Europa; una proposta estremamente contemporanea che insieme al sommelier Christian Rainer ho voluto abbinare alle eccellenze delle famiglie vitivinicole trentine”.

 

Protagonista della serata i vini di Gaierhof, azienda orgogliosa di appartenere al Trentino Alto Adige, ancorata alle tradizioni, attenta alle esigenze del mercato italiano e aperta a quello internazionale. Oggi è una realtà tutta al femminile, impegnata a trasmettere la propria passione per il Trentodoc Siris e il Teroldego Rotaliana Riserva Gaierhof (entrambi presenti nel menù della serata) e per i vini bianchi aromatici in tutto il mondo, in particolare negli Stati Uniti.

 

Importante la testimonianza durante l'evento di Luigi Togn, patriarca della famiglia vitivinicola che porta il suo nome e simbolo di Roverè della Luna, paese cerniera di congiunzione tra Trentino e Alto Adige e terra di grandi vini bianchi e uve base spumante Trentodoc. Luigi viene considerato oggi una delle figure cardine che ha fortemente contribuito con il suo impegno imprenditoriale e politico allo slancio internazionale del Trentino viticolo già a partire dagli anni ’70 e uno dei fautori della popolarità del metodo classico trentino, ora noto come Trentodoc.

 

“La mia famiglia è coinvolta nella nostra impresa e fortemente impegnata per la crescita del territorio Trentino – riassume Torn – Romina è delegata regionale dell’Associazione le donne del vino, Valentina è presidente regionale del Movimento Turismo del vino, Martina è presidente dei Giovani industriali del Trentino e Goffredo Pasolli, nostro enotecnico e mio genero, è presidente di Assoenologi del Trentino”

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 settembre - 20:26
Trovati 17 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 49 guarigioni. Sono 22 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Cronaca
25 settembre - 20:08
Manifestazione "No Green pass" per le vie del centro di Trento. Tra i soliti slogan, una variazione sul tema è la tappa sotto la redazione de [...]
Cronaca
25 settembre - 19:44
L'escursionista aveva raggiunto la cima della montagna, a circa 3.000 metri d'altitudine, insieme ad un amico: mentre rientravano lungo la cresta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato