Contenuto sponsorizzato

Sit in di protesta della Cisl Fp davanti all'Azienda sanitaria: ''Sblocchiamo i contratti del comparto''

Il segretario Pallanch: ''Questo comportamento della giunta e del sindacato corporativo danneggia le lavoratrici e i lavoratori della sanità. E' necessario chiudere invece un accordo dignitoso e non lasciare i dipendenti ostaggi di nessuno. Se non chiudiamo, il rischio concreto è quello di dover ricominciare"

Pubblicato il - 10 settembre 2018 - 20:07

TRENTO. Hanno protestato davanti all'azienda sanitaria "perché siamo fermi da due anni, ormai, e da Zeni non si hanno risposte''. La Cisl Funzione Pubblica si è trovata quest'oggi a manifestare con alcuni lavoratori del comparto in via Degasperi per sbloccare il contratto e al contempo sensibilizzare la Giunta per avere più risorse da distribuire subito a tutti i lavoratori della comparto sanitario.

 

"E' ora e tempo di chiudere il contratto sanità - spiega il segretario Giuseppe Pallanch -. Stiamo registrando in questi ultimi tempi forti pressioni di altri sindacati per bloccare la trattativa perché vogliono lasciare sul tavolo tutte le risorse strutturali di oltre 4 milioni recuperati per merito anche della nostra azione. La proposta della Cisl è di erogare equamente oltre le risorse in questione anche i 5 milioni di euro una tantum a tutte le lavoratrici e lavoratori della sanità. Non possiamo scherzare e dobbiamo concludere una trattativa che si sta allungando da troppo tempo".

 

La situazione di stallo, infatti, sta assumendo contorni davvero preoccupanti soprattutto per quanto riguarda l'incertezza che ormai grava sul comparto e per questo oggi la protesta è stata prolungata per quasi un'ora e mezza. "Questo comportamento danneggia le lavoratrici e i lavoratori della sanità - prosegue Pallanch -. E' necessario chiudere invece un accordo dignitoso e non lasciare i dipendenti ostaggi di nessuno. Se non chiudiamo, il rischio concreto è quello di dover ricominciare".

 

E il presidio era teso proprio a questo: accelerare la firma del contratto e realizzare le iniziative messe in campo dal sindacato. Su tutte quella di erogare le risorse in campo per tutte le professioni sanitarie e non, oltre a rilanciare una proposta per affrontare la tornata 2019/2021.

 

E poi ci sarebbero la valorizzazione di tutte le professioni e l’aggiornamento delle indennità di turno, il riconoscimento delle competenze dell'operatore socio-sanitario e l'omogenizzazione con le Autonomie locali del personale tecnico amministrativo e operaio, così come l'erogazione in armonia con la Provincia del trattamento di fine servizio e la riqualificazione di tutto il personale in turno.

 

"Serve un intervento incisivo e risorse adeguate - conclude Pallanch -. E' importante un accordo, che sia trasversale, che possa garantire a tutti i lavoratori il riconoscimento delle professionalità che a diverso titolo operano in un’Azienda da oltre 8 mila dipendenti, ogni giorno al servizio dei cittadini. Chiediamo, per questo, maggiore consapevolezza e responsabilità anche agli altri sindacati seduti intorno al tavolo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato