Contenuto sponsorizzato

Il primo treno nel tunnel del Brennero nel 2028, dall'Europa in arrivo altri 441 milioni

Annuncio di Bergmeister: l'opera sarà completata tra 8 anni, ne seguirà uno di collauro. Dei 230 chilometri di gallerie e cunicoli, 102 già realizzati

Pubblicato il - 06 giugno 2019 - 10:55

BOLZANO. Nove anni e poi il primo treno passerà nel tunnel del Brennero: la previsione, che vuole che a fine 2028 il primo convoglio transiti nel Bbt, è di Konrad Bergmeister, amministratore delegato di Bbt Se

 

La sua dichiarazione è riportata sul Tiroler Tageszeitung: i lavori dovrebbero terminare nel 2027, poi seguirà un periodo di un anno di collaudo e rodaggio.

 

I costi ("stabili" dice Bergmeister) della realizzazione dell'opera ammonteranno a 9,3 miliardi di euro. Dall'Unione europea ad oggi sono arrivati 1,7 miliardi e previsti per l'anno prossimo, ma non ancora assegnati, ci sono altri 411 milioni.

 

Dei 230 chilometri di gallerie principali e cunicoli d'esplorazione e di servizio ne sono già stati realizzati 102.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:44

L'approfondimento tecnico si è concluso, forse proprio quando è arrivato anche il ricorso del Codacons. L'associazione per la difesa dell'ambiente e tutela dei diritti di utenti e consumatori ha presentato al Tar di Trento, tramite l'avvocato Zero Perinelli, un ricorso contro la norma provinciale. La Pat: "Evitare disparità di trattamento tra gli esercizi commerciali"

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicare la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato