Contenuto sponsorizzato

Pubblico impiego, i sindacati alla Pat: ''Tempo scaduto. Ci mobilitiamo, non è possibile non avere mai risposte''

I sindacati lanciano l'allarme per l'assenza di risorse in materia pubblica amministrazione: "Per i quasi 15 mila dipendenti del comparto delle Autonomie locali, quali Pat e Enti strumentali, Comuni e Comunità di valle, Apsp, e i quasi 8 mila del comparto sanità non c’è un euro, nell’assestamento di bilancio licenziato dal consiglio provinciale e ora non hanno piani per la prossima finanziaria"

Pubblicato il - 17 ottobre 2019 - 16:03

TRENTO. "E' grave che il presidente Fugatti non si sia presentato all'incontro. Questo è significativo dell'attenzione e della sensibilità nei confronti dei dipendenti pubblici". Così Luigi Diaspro (Cgil Fp), Giuseppe Pallanch (Cisl Fp) e Marcella Tomasi (Uil Fpl), che aggiungono: "Nell'assestamento di bilancio non è stato inserito un euro per il pubblico impiego e ad oggi non si riescono a pianificare gli interventi in vista della finanziaria".

 

I sindacati lanciano l'allarme per l'assenza di risorse in materia pubblica amministrazione. "Per i quasi 15 mila dipendenti del comparto delle Autonomie locali, quali Pat e Enti strumentali, Comuni e Comunità di valle, Apsp, e i quasi 8 mila del comparto sanità non c’è un euro, nell’assestamento di bilancio licenziato dal consiglio provinciale, per il rinnovo del contratto collettivo. Ci è stato riferito che si attendono le decisioni a livello nazionale, ma qui c'è l'autonomia e non si possono aspettare eventuali provvedimenti da Roma. Un atteggiamento gravissimo, la giunta provinciale naviga a vista ma senza bussola".

 

La richiesta di Cgil, Cisl e Uil è quella di avere risorse certe e immediate per dare continuità e coerenza al contratto 2016/18 che ha dato una prima risposta dopo otto anni di blocchi di retribuzioni, carriere e assunzioni, e rimettere al centro un sistema dei servizi pubblici che va profondamente riorganizzato, innovato e implementato, vero volano economico e sociale per cittadini e imprese del territorio. "Anche perché il Trentino va in controtendenza rispetto a quanto avviene proprio a livello nazionale. Ricordiamo poi che in Alto Adige sono già state previste delle risorse sul prossimo bilancio, per dare risposte in materia pubblico impiego: un +4,8% delle risorse contro i zero euro qui in provincia, rischiamo di essere i peggiori in Italia".

 

Un altro nodo è la necessaria e immediata attivazione del tavolo paritetico per la revisione dell’Ordinamento professionale, "previsto - evidenziano i sindacati - dall’articolo 168 del contratto, questo per l’adeguamento del sistema classificatorio e la valorizzazione delle competenze professionali rispetto alle declaratorie di quasi 20 anni fa, con il giusto riconoscimento e incentivo al valore e alla qualità del lavoro".

 

Le parti sociali prendono atto dei 2,9 milioni per la chiusura delle cosiddette "code contrattuali" del triennio 2016/2018. "Non è però chiaro - aggiungono Diaspro, Pallanch e Tomasi - neppure a livello di tavolo in Apran, in che modo e con che tempi s’intende procedere: riteniamo in ogni caso necessario un avanzamento generale e sistematico dei vari settori e professionalità, in grado di cogliere appieno la complessità del sistema pubblico".

 

Un tema riguarda anche i pensionamenti. "Sull’aumento al 3% del budget per le assunzioni di personale provinciale - commentano Cgil, Cisl e Uil - quantificabile in circa 20 milioni nel prossimo triennio e che giudichiamo un segnale di avvio, attendiamo di conoscere con urgenza il piano assunzionale e la calendarizzazione dei relativi bandi che dovrebbe compensare le oltre 500 uscite previste tra uscite ordinarie e quota 100 solo in Provincia".

 

Sempre sul versante assunzioni, diverse le questioni che permangono invece nei Comuni e nelle Apsp, i sindacati sono ancora in attesa di conoscere le ricadute del protocollo sulle stabilizzazioni del personale precario e la tanto acclarata controriforma, che toglie il vincolo delle gestioni associate nei comuni.

 

"Il tempo però - concludono Diaspro, Pallanch e Tomasi - è scaduto. A breve partiranno gli incontri con i lavoratori per delineare le azioni da intraprendere e le necessarie mobilitazioni per sbloccare questa situazione di criticità che oltre a colpire direttamente i lavoratori e le lavoratrici del pubblico impiego trentino, incidono negativamente sui servizi erogati dagli Enti”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato