Contenuto sponsorizzato

Raccolta della frutta, mancano i lavoratori stagionali, Coldiretti: ''Reintegriamo i disoccupati trentini"

Sono quindicimila i lavoratori stagionali che negli scorsi anni arrivavano in Trentino. L'80% prevenivano dall'Est Europa. Quest'anno, invece, mancano. Barbacovi: "Negli ultimi anni la raccolta della frutta non è andata bene. In tanti non sono stati chiamati e hanno quindi trovato altri lavori" 

Pubblicato il - 12 giugno 2019 - 06:01

TRENTO. E' partita da qualche settimana la raccolta di frutta in Trentino ed è già allarme per la mancanza di manodopera. I tanti lavoratori stagionali che in passato arrivavano sul nostro territorio, quest'anno sembrano mancare.

 

Ne servirebbero, secondo le stime della Coldiretti, in totale 15 mila, che sarebbero impegnati a raccoglie i piccoli frutti, ad occuparsi nei prossimi mesi della vendemmia ma anche a sistemare i frutteti e tanto altro.

 

La maggior parte di quelli negli scorsi anni che sono arrivati in Trentino per la stagione della raccolta provenivano dall'Est Europa.

 

A confermare la preoccupazione e anche il presidente della Coldiretti Trentino, Gianluca Barbacovi. “C'è una certa preoccupazione – ha spiegato a ildolomiti.it – rispetto all'assunzione di dipendenti per la raccolta della frutta e la vendemmia. Una problematica che deriva anche dalla situazione negativa che è venuta a crearsi gli scorsi anni  e che ora crediamo possa riproporsi in maniera più amplificata”.

 

Due le motivazioni principali secondo la Coldiretti. “L'80% dei lavoratori stagionali in Trentino provenivano dall'Est Europa – spiega Barbacovi – e crediamo che la situazione economica di questi Paesi sia migliorata. Per questo in molti preferiscono non tornare ma rimanere a casa per lavorare vicino alla famiglia”.

 

La seconda motivazione deriva da come sono andate le cose nel 2017, un anno decisamente nero per l'agricoltura. “Nel 2017 – continua Barbacovi - abbiamo raccolto poco e nulla, siamo arrivati ad appena 1/3 della produzione normale. In molti, non essendo stati chiamati, potrebbero aver trovato un altro lavoro”.

 

La Coldiretti, assieme alle sigle sindacali agricole e del lavoro stanno ora cercando insieme una soluzione. “Si potrebbe puntare a reintegrare i disoccupati trentini" spiega il presidente della Coldiretti. "Su questo tema - conclude - stiamo vedendo un'alta attenzione da parte della Provincia. Sarebbe un'occasione per dare lavoro a chi al momento non ne trova" .

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 agosto - 06:01

Sono 15.614,29 gli ettari di superficie complessiva notificata bio e in conversione nel 2018 per 1.309 operatori, quasi un raddoppio in termini di ettari rispetto ai dati del 2017. Numeri che si trovano nella risposta dell'assessora Giulia Zanotelli all'interrogazione di Lucia Coppola (Futura). L'ex assessore: "Stanziati solo 5 milioni contro i 21 della volta precedente. Bocciato un emendamento del Patt che chiedeva più soldi per il comparto"

24 agosto - 11:39

L'inizio del concerto è previsto alle 14. Pur essendo stati previsti dei servizi di trasporto speciali, ci sono già code e rallentamenti in A22 all'uscita di Bressanone

24 agosto - 09:59

I tecnici sono al lavoro per scoprire le cause che hanno portato alla diminuzione dell’afflusso d’acqua: alla base potrebbe infatti esserci una perdita nell’acquedotto, oppure l’eccessivo consumo dovuto alle numerose presenze, ma anche le piogge scarse che potrebbero aver intaccato le riserve della sorgente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato