Contenuto sponsorizzato

Sciopero ai caselli A22, Montani: ''Comportamento antisindacale per far profitto, prima volta in 50 anni. Politica e governance dicano se la mission è cambiata''

I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl hanno, infatti, proclamato 4 ore di sciopero a singhiozzo tra domenica 4 e lunedì 5 agosto per il rinnovo del contratto di lavoro del personale delle autostrade e dei trafori, che in provincia di Trento riguarda circa un migliaio di addetti impiegati in A22

Pubblicato il - 05 agosto 2019 - 13:01

TRENTO. "Ci riserviamo di verificare un comportamento antisindacale di Autobrennero", così Stefano Montani, segretario della Filt Cgil del Trentino, dopo la domenica e il lunedì di sciopero a singhiozzo degli addetti ai caselli lungo l'A22, che aggiunge: "L'adesione è stata altissima, nonostante la società sia ricorsa a contratti stagionali per coprire le assenze del personale che ha incrociato le braccia".

 

I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl hanno, infatti, proclamato 4 ore di sciopero a singhiozzo tra domenica 4 e lunedì 5 agosto per il rinnovo del contratto di lavoro del personale delle autostrade e dei trafori, che in provincia di Trento riguarda circa un migliaio di addetti impiegati in A22.

 

Non solo, nel mirino anche la mission di A22. "I precedenti vertici di Autobrennero e la scorsa giunta provinciale - evidenziano Montani - hanno sempre confermato che la società è pubblica e che tra gli scopi c'è quello di perseguire il benessere dei territori attraversati. Impegni che si concretizzano tra investimenti in occupazione, infrastrutture, sicurezza e opere, che sono un volano per l'economia provinciale. Ora improvvisamente pare che la logica sia cambiata: si segue il profitto. E' la prima volta in 50 anni di storia dell'A22 che si cerca di vanificare lo sciopero dei lavoratori avendo come unico obiettivo il profitto. E' opportuno che la politica del governo provinciale e la nuova governance ci informino se qualcosa è cambiato rispetto agli obiettivi aziendali e la mission originaria". 

 

"Le ragioni della protesta - proseguono Montani - riguardano il fatto che non sono stati ancora sciolti alcuni nodi della parte normativa del contratto e le anticipazioni sulla parte economica, così come proposte dalle controparti datoriali risultano irricevibili. Vorrebbero imporre una linea di discontinuità rispetto ai precedenti rinnovi in termini di durata del contratto nazionale, incremento complessivo, limitazione degli effetti di trascinamento degli istituti contrattuali e allocazione delle risorse".

 

I sindacati mettono però in luce che Autobrennero sarebbe ricorsa all'utilizzo di contratti determinati e stagionali per coprire quel personale che ha aderito allo sciopero. "Ravvisiamo la copertura ai caselli con figure stagionali - conclude la Filt Cgil - un comportamento analogo nella gestione della mobilità remota ai monitor delle casse automatiche, tenendole aperte nonostante lo sciopero nel tentativo di vanificare la manifestazione: un'azione che dimostra ancora una volta la volontà di far profitto, un possibile comportamento che riteniamo antisindacale che intendiamo verificare".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato