Contenuto sponsorizzato

L'ospitalità diffusa in val di Non in grande crescita e vuole allargarsi. Arriva un corso di formazione gratuito per i proprietari di seconde case

Un piano avviato in Valsugana tra Caldonazzo e Calceranica, che poi ha trovato terreno fertile a Cavareno in val di Non, dove l'83% delle presenze è composta da giovani coppie per una permanenza media di 5 giorni. Il termine delle iscrizioni è fissato per il 21 febbraio, il corso è gratuito ma i posti sono limitati

Di Luca Andreazza - 17 febbraio 2020 - 13:12

TRENTO. L'ospitalità diffusa in val di Non continua a crescere, così il Comune di Cavareno ha deciso di lanciare un corso di formazione di 10 ore, gratuito e aperto a tutti i proprietari di seconde case, per sviluppare ulteriormente un progetto che diventa sempre più interessante (Qui articolo).

 

"Scopo di questa iniziativa - commenta Ruggero Zanetti, socio responsabile del progetto Ospitar - è quello di aumentare la consapevolezza relativa alle potenzialità del turismo in appartamento su questo territorio. Nei primi tre mesi del progetto, da luglio a settembre, i risultati sono stati ottimi . Si sono registrate più di 300 presenze: 21% stranieri e il 79 % italiani".

 

Un piano avviato in Valsugana tra Caldonazzo e Calceranica (Qui articolo), che poi ha trovato terreno fertile a Cavareno in val di Non (Qui articolo), dove l'83% delle presenze è composta da giovani coppie per una permanenza media di 5 giorni.

 

Ora arriva l'opportunità di partecipare al corso di formazione per entrare nel mondo del turismo in appartamento. Dal 27 febbraio al 19 marzo per quattro giovedì sera al centro sportivo Tennis Halle di Cavareno, si affronteranno diversi argomenti: dalla conoscenza dell'offerta turistica in Val di Non per poter offrire al turista tutte le informazioni necessarie al suo arrivo, per poi parlare di come si struttura un Business plan (obiettivi, target e costi). E ancora marketing e comunicazione (dai social al sito vetrina) fino alla parte più operativa degli adempimenti burocratici (web alloggiati e tassa di soggiorno) e la messa online delle strutture tramite le Ota, quali booking, airbnb e feratel.

 

"L’obiettivo di Ospitar - evidenzia Tania Giovanniniresponsabile dell’azienda di consulenza Cbs-Community building solutions che segue il progetto - è anche quello di capire se c’è la possibilità di organizzare un sistema di ospitalità diffusa pronto a soddisfare la domanda crescente di un modo diverso di vivere e godere del territorio. Da questa idea si possono sviluppare opportunità lavorative, senza dimenticare le potenzialità di ristrutturazione e messa a norma degli immobilila fornitura di servizi condivisi e la gestione flessibile del sistema: si può scegliere di gestire l'edificio in autonomia oppure in condivisione, come i servizi di pulizia, cambio biancheria, custodia, consegna chiavi, accoglienza ospiti e gestione portale".

 

Il termine delle iscrizioni è fissato per il 21 febbraio (info: info@cbs.tn.it), il corso è gratuito ma i posti sono limitati. Questa iniziativa è inserita all'interno del progetto Ospitar Cavareno. La Provincia  di Trento è l’ente finanziatore, mentre il Comune quello promotore. Un piano che vede il supporto dell'Azienda per il turismo val di Non, Comunità di ValleProlocoCharta della RegolaCassa Rurale Novella e Alta Anaunia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

27 ottobre - 18:22

Le strategie adottate dai presidenti di Provincia di Trento e Bolzano sono differenti, dopo che il Dpcm ha introdotto la misura di convertire la didattica al 75% in dad per le scuole superiori. Mentre Trento ha deciso di tirare dritto, proseguendo con la presenza (e non risolvendo affatto la questione dell'affollamento dei mezzi pubblici), Bolzano dà avvio questa settimana nelle secondarie di secondo grado al 50% delle lezioni in remoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato