Contenuto sponsorizzato

Autostrada, le nuove concessioni mettono a rischio 116 lavoratori. I sindacati: "Inaccettabile, presidio e sciopero"

Lunedì 5 sono iniziate le nuove assegnazioni che interesseranno 22 aree di servizio. I lavoratori nel settore ristorazione sono tutelati da un accordo nazionale, mentre 116 addetti delle pulizie non godono di questo diritto e le nuove aziende non hanno vincoli di riassunzione

Di Luca Andreazza - 06 dicembre 2016 - 13:16

TRENTO. Campogalliano Est e Ovest, Laimburg Est e Ovest, Nogaredo Est e Ovest e Paganella Est e Ovest. Queste le 8 aree di servizio assegnate per subconcessione dall'autostrada del Brennero per il subentro di nuovi gestori, un procedimento che è iniziato lunedì 5 e che vedrà la conclusione il 20 dicembre. Le aggiudicazione per i servizi di distribuzione carburanti e ristorazione sarà invece al varo da gennaio. 

 

I lavoratori della ristorazione sono tutelati da un accordo nazionale, per il quale il nuovo gestore è obbligato alla riassunzione del personale, mentre non godono di questi diritti 116 addetti alle pulizie che a fine anno perderanno così il proprio posto di lavoro lungo la tratta da Modena al Brennero. 

 

La reazione e la presa di posizione delle parti sociali non si è fatta attendere: Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti prevedono per mercoledì 7 dicembre un presidio di protesta sotto gli uffici di A22, mentre per giovedì 8 uno sciopero nell'area di servizio Paganella Est per gli addetti che operano in regione.

 

"A determinare questa situazione - spiega Ermanno Ferrari di Fisascat Cisl - è il fatto che Autobrennero, a differenza del passato, assegnerà la gestione delle pulizie di 22 aree di servizio direttamente alle società che hanno vinto l'appalto dell'intera area di sosta. E per questi lavoratori, oggi alle dipendenze della cooperativa B&B service di Lucca, non c'è nessuna clausola di riassunzione".

 

In pratica chi gestirà le aree di servizio potrà assumere in proprio anche il servizio pulizie, decidendo di organizzarsi nelle modalità e con il personale che ritiene più opportuno "con l'effetto -spiega - che 116 lavoratori e lavoratrici, una settantina in regione e 26 in Trentino, si troveranno senza lavoro per una scelta  determinata dalla decisione del Governo nel 2014 di razionalizzare la rete autostradale".

 

"Gli stessi vertici di Autobrennero - conclude Ferrari - non hanno preso posizione, rimandando lavoratori e sindacati all'indirizzo delle società che vinceranno le gare d'appalto per le aree di servizio. Siamo in contatto anche con l'assessore Olivi per trovare una soluzione facendo leva anche sul buonsenso. I lavoratori in questione percepiscono 700 euro netti e sono difficilmente riqualificabili, quindi un loro collocamento rappresenta un duplice beneficio per le famiglie in questione e per la comunità. Siamo fiduciosi di poter intavolare una trattativa proficua, dal momento che la società aggiudicatrice Hermes gestisce tutte le aree di servizio in Trentino".

 

Un nuovo confronto con i vertici dell'autostrada è previsto domani mattina, in via Berlino a Trento. In concomitanza con l'incontro, alle 8.00, è in programma un presidio di lavoratori con delegazioni di tutti i territori interessati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato