Contenuto sponsorizzato

Bacco, Venere e la solidarietà, quattro appuntamenti di enologia al femminile

L'Associazione Le donne del vino propongono quattro appuntamenti giovedì 24 novembre per raccogliere fondi in favore del Centro Italia fra buon vino e buon cibo

Di Luca Andreazza - 16 novembre 2016 - 12:57

TRENTO. "Il vino è uno dei maggiori segni di civiltà nel mondo", scriveva Ernest Hemingway. Forse è esagerato e qualcuno potrà storcere il naso, ma in questo caso il famoso scrittore potrebbe avere ragione: nel segno del vino giovedì 24 novembre il Trentino Alto Adige raccoglierà alcuni fondi da destinare al "Consorzio per la tutela e la valorizzazione de l'amatriciano", ente fondato nel 2014 a Campotosto in provincia de L'Aquila, che accoglie i piccoli produttori di formaggio e i pastori che in questo momento sono rimasti vicino ai loro animali e quindi bloccati nelle zone terremotate.

 

Una serata impreziosita dal binomio donne e vino, che però nulla ha a che fare con la volgarità maschilista che forse qui è improprio definire "da bar": i quattro appuntamenti sono infatti organizzati dall'Associazione le donne del vino al Ristorante Kuppelrain di Castelbello, Moja Ristorante Caffetteria a Rovereto, Locanda 2 Camini a Baselga di Pinè e alla Locanda Alpina di Brez.

 

L'importanza delle donne nei settori produttivi è un dato di fatto e il settore enologo vede, in particolare, circa il 30% delle aziende vitivinicole italiane è condotto da donne, mentre circa il 59% delle imprenditrici agricole si trova alla guida di aziende famigliari. Numerose sono inoltre produttrici, enologhe, agronome, enotecarie, sommelier, giornaliste, ristoratrici, esperte di marketing e comunicazione, le quali con grande sensibilità, passione e professionalità, contribuiscono a promuovere il vino e a valorizzare i prodotti tipici del territorio.

 

L’Associazione nazionale delle donne del vino rappresenta oltre 700 professioniste che operano in modo attivo all'interno delle cantine e questi appuntamenti saranno un'occasione per incontrare le produttrici, conoscere nuovi Ristoranti e contribuire nel sostenere Aziende e progetti nelle zone terremotate del Centro Italia.

 

Appuntamento quindi a giovedì 24 novembre, quando le cantine Endrizzi, Maso Martis, Elena Walch, Rottensteiner e Schweizer intratterranno gli avventori del Ristorante Kuppelrain (Castelbello), quindi spostandosi a Rovereto, le cantine Gaierhof, VillaCorniole, Vallarom e Donati si annunciano sicure protagoniste al Moja Ristorante Caffetteria, senza dimenticare Ferrari, Maso Poli, Letrari e Balter come punti di forza alla Locanda Alpina a Brez. Una serata e tre possibilità di cenare e degustare cibi e vini di ottima qualità accompagnati dalle imprenditrici nel settore vitivinicolo guidate da Aurora Endrici al Kuppelrain, Romina Togn al Moja e Federica Schir alla Locanda Alpina.

 

Monfort, Moser e Laste Rosse alla Locanda 2 Camini chiudono il cerchio in quel di Baselga di Pinè, dove le produttrici capitanate da Francesca Negri, accompagnano gli ospiti in un corso di cucina.

 

I posti sono limitati e chi vuole passare una piacevole serata in compagnia e sostenere questa iniziativa può contattare direttamente i locali per avere informazioni precise sul programma degli eventi.

 

Qui info e prenotazione per Ristorante Kuppelrain (Castelbello)

Qui info e prenotazione per Moja Ristorante Caffetteria (Rovereto)

Qui info e prenotazione per Locanda 2 Camini (Baselga di Pinè)

Qui info e prenotazione per Locanda Alpina (Brez)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 19:14

La discussione è stata avviata nella Quinta Commissione in Provincia ma il tema era già nato lo scorso anno. Claudio Cia ha presentato un disegno di legge per fare in modo che la scelta del presidente dell'Opera Universitaria ricada in capo solo alla Provincia. Appoggio da parte dell'assessore Bisesti ma è già scontro con le opposizioni  

27 novembre - 08:10

La richiesta arrivata nel 2012 ha permesso ad una società di accedere ai contribuiti di un finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale. Dovevano essere rispettati dei vincoli ma le indagini della Finanza hanno scoperto che la società non ha mai avuto una sede sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato