Contenuto sponsorizzato

Calvin Klein, la trattativa è in corso, ma le parti sono ancora distanti

La trattativa si sviluppa su diversi canali tra i 10 posti di lavoro offerti a Milano, incentivi all'esodo, outplacement e la tempistica dei licenziamenti. I sindacati stanno approfondendo anche i percorsi per il ricollocamento tramite l'Agenzia del lavoro della Provincia

Di Luca Andreazza - 10 marzo 2017 - 18:08

TRENTO. Il tempo stringe e la strada è sempre più in salita per i 52 dipendenti della Confezione Moda Italia di Mattarello. La procedura di mobilità attivata il 13 gennaio scorso sta volgendo verso il termine e tra fine marzo e inizio aprile l'azienda è intenzionata a procedere con i licenziamenti. "Indubbiamente le distanze tra le parti sono ancora ampie - ammette Mario Cerutti, segretario di Filctem Cgil - e cercheremo di portare Calvin Klein ad assumere un atteggiamento più coerente con la situazione creatasi a seguito della loro decisione di chiudere".

 

Le parti sociali Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil hanno incontrato i dirigenti della azienda per approfondire le questioni sul tavolo, partendo dalla disponibilità dei dieci posti a Milano: "La gestione dell'offerta - continua - non sembra rappresentare un'opportunità: le condizioni proposte sono 'calmierate' rispetto al mercato del lavoro della metropoli e questa prospettiva rende ancora più difficile l'eventuale accettazione".

 

Confezione Moda Italia avrebbe inoltre manifestato una certa freddezza sulla disponibilità di diluire la tempistica dei licenziamenti: "Questa possibilità - prosegue - è inoltre legata al costi complessivi previsti per le operazioni di chiusura". I sindacati sono impegnati per predisporre un piano di 'outplacement' nella previsione di percorsi realizzati attraverso l'Agenzia del lavoro della Provincia per il ricollocamento occupazionale, ma "la disponibilità di massima esiste - dice Osvaldo Angiolini della Uiltec Uil - ma questa possibilità è vincolata alla necessità di non poter investire troppe risorse in quanto la coperta è corta. Il dialogo comunque è aperto e propositivo".

 

L'azienda ha presentato un incentivo all'esodo, ma le cifre messe sul piatto da riconoscere ai lavoratori licenziati non soddisfano le parti sociali: "Le risorse -commenta Cerutti - sono ancora insufficienti e non si avvicinano alla richiesta avanzata. Il quadro del mercato del lavoro presenta delle criticità: le preoccupazioni sono forti, rispetto anche all'incognita di ricollocamento".

 

La situazione sarà analizzata ancora più nel dettaglio durante il prossimo incontro del 22 marzo: "Abbiamo un mandato preciso dell'assemblea dei lavoratori - conclude Angelini -. Confezione Moda Italia sembra assumersi le sue responsabilità per questo cambio di strategia, ma la trattativa è ancora aperta e fluida".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 agosto - 05:01

In un Paese come la Germania sono gli stessi elettori a pretendere serietà dai loro rappresentanti e così per il numero 1 della Repubblica Federale tedesca non c'è stato altro da fare (soprattutto in questo momento difficile dove il Covid sta tornando e in Spagna e Francia si parla già di seconda ondata). In Italia, le cose, vanno diversamente

08 agosto - 18:09

Uno dei due ladri ha tentato di aggredire un carabiniere con un cacciavite. Nel furgone dei malviventi recuperate tre biciclette (una completamente smontata) dal valore complessivo di 9500 euro, ma anche sofisticate apparecchiature per inibire i Gps

09 agosto - 09:27

Il fatto è avvenuto nella notte tra sabato 8 agosto e domenica 9 a Ossana, in Val di Sole. Una discussione degenerata è stata sedata da due militari presenti sul posto in abiti civili. Identificatisi ai giovani protagonisti della zuffa, uno dei due carabinieri è stato raggiunto da un pugno di uno di questi, che successivamente ha cercato la fuga. 5 le persone identificate, tra cui dei minorenni. Rischiano fino a 5 anni di reclusione per rissa aggravata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato