Contenuto sponsorizzato

Contratto metalmeccanici, via libera dei lavoratori trentini

Il referendum dei lavoratori ha approvato la bozza di accordo siglata unitariamente da Fiom Cgil, Fim Cils e Uilm: "E' stato un importante passaggio di democrazia". 2.131 sì, 531 no, 64 schede bianche e 21 nulle il conteggio finale

 

Pubblicato il - 24 dicembre 2016 - 21:57

TRENTO. Via libera alla bozza di accordo del contratto del settore metalmeccanico siglata unitariamente da Fiom Cgil, Fim Cils e Uilm. “Siamo soddisfatti per l'esito del referendum – ammettono i tre segretari di Fiom, Fim e Uilm del Trentino, Manuela Terragnolo, Luciano Remorini e Luciano Attanasio -. E' stato un importante passaggio di democrazia, che ha messo al centro il valore delle decisioni dei lavoratori. E' importante che si riconosca, e per la prima volta lo hanno fatto anche le imprese, il diritto dei lavoratori di esprimersi sul loro contratto”.

 

I metalmeccanici trentini hanno approvato il nuovo contratto nazionale di settore: 2.131 sì, 531 no, 64 schede bianche e 21 nulle il conteggio finale. L'intesa siglata unitariamente dalle parti sociali il 26 novembre scorso è stata approvata con oltre l'80% dei voti favorevoli anche a livello nazionale.

 

Il nuovo contratto riconosce per tutti i lavoratori il recupero dell'inflazione al 100% a consuntivo. Da marzo 2017 tutti i metalmeccanici avranno un'una tantum di 80 euro e si punta anche sul welfare aziendale, previdenza complementare e sanità integrativa.

 

Per quanto riguarda il welfare ad ogni lavoratore viene riconosciuto un aumento nel triennio di 450 euro, 100 euro a giugno 2017, 150 euro a giugno 2018, 200 euro a giugno 2019. Aumenta il contributo a carico dell'azienda per la previdenza complementare per tutti quei lavoratori e lavoratrici che sono inscritti ad un fondo pensione chiuso.

 

Da ottobre, inoltre, tutti i lavoratori verranno iscritti, a carico dei datori di lavoro, ad un fondo sanitario integrativo che coprirà anche i familiari a carico. E' stato previsto uno stanziamento per lavoratore di 156 euro l'anno.

Infine viene riconosciuto a tutti il diritto a 3 giorni di formazione nel triennio.

 

Il nuovo contratto avrà valenza fino al 31 dicembre 2019 e varrà per un milione e 100 mila tute blu in tutta Italia.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
13 June - 06:01
Secondo la legge regionale 6/2012, le indennità mensili dei consiglieri vanno “rivalutate annualmente sulla base dell'indice Istat”, [...]
Cronaca
13 June - 07:57
Sono stati attimi di paura quelli vissuti venerdì sera da una giovane coppia di Arco che aveva il figlio di 14 mesi che stava male. Ad aiutarli i [...]
Cronaca
13 June - 08:40
L'allarme è scattato nel tardo pomeriggio di ieri e ha visto l'intervento dei vigili del fuoco di Tres e Taio e l'elisoccorso con l'equipe medica [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato