Contenuto sponsorizzato

Contratto sanità, salta l'accordo? Cisl Fp: "La sede Apran non è un teatro dove cercare visibilità personale"

La prima puntata del nuovo anno ha vissuto una battuta d'arresto nella trattativa per il contratto sanità area non dirigenziale. Dalledonne: "Possedere la maggioranza non significa qualità, ma confronto"

Cisl Fp Trentino, spazio autogestito
Di Cisl Fp Trentino, spazio autogestito - 20 gennaio 2017 - 11:27

TRENTO. Dopo le tensioni e il fronte diviso, la trattativa della sanità sembrava aver trovato la quadra alla fine del 2016. Dopo otto ore di confronto e discussione tutti i sindacati avevano deciso di firmare l'accordo stralcio chiudendo la contrattazione economica.

 

Il contratto prevedeva in definitiva per la parte economica uno stanziamento di 14,1 milioni di euro per il triennio 2016-2018 e un aumento tabellare di circa il 3% per gli oltre 6.000 lavoratori del comparto.

 

La prima puntata del nuovo anno però riserva già una sorpresa e un improvviso arresto della trattativa in quanto "Nursing Up e Uil - dice Pierachille Dalledonne, segretario di Fp Cisl - hanno deciso di stare nel corridoio anziché al tavolo dopo un percorso comunque condiviso".

 

"Mercoledì 18 si è persa una grande occasione per correggere il testo - spiega Dalledonne -. Dopo quattro ore Cisl, Cgil e Fenalt hanno corretto il documento per riconoscere le fasce economiche a tutti gli aventi diritto, sanitari e non. Purtroppo il mancato senso di responsabilità delle due sigle maggioritarie che hanno scelto di stare fisicamente fuori dalla sala, argomentando motivi fantascientifici non ha permesso di concludere la trattativa".

 

"Si è scritta una brutta pagina di contrattazione - prosegue la Cisl -. La sede di Apran non è un teatro e possedere la maggioranza non significa qualità, ma confronto: evidentemente non si contratta più per il bene dei lavoratori ma per visibilità individuali". Sorrido per la paventata possibilità di mobilitazione, quando Nursing Up e Uil non hanno partecipato alla discussione e sono all'oscuro di quanto avvenuto al tavolo della trattativa".

 

"Per quanto ci riguarda - continua - come Cisl Fp del Trentino, solleciteremo il presidente della giunta provinciale Ugo Rossi e l’Apran a essere garanti del Protocollo d’Intesa del 16 novembre 2016 e delle note congiunte a verbale del 28 dicembre 2016".

 

"Auspichiamo - conclude il segretario - altri atteggiamenti nel prossimo incontro in Apran fissato per martedì 24 gennaio alle 15".  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:55

Dopo le affermazioni di papa Francesco sulle famiglie omosessuali, il mondo cattolico si interroga, tra gli attacchi dei più conservatori e le tante attestazioni di approvazione. Don Marcello Farina: "Parole bellissime. Come cristiani non abbiamo il diritto di imporre agli altri il nostro modo di vivere. La cosa che conta di più è il rispetto per le persone"

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 12:29
L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, sabato 24 ottobre, lungo la strada statale 45bis della Gardesana. In azione la macchina dei soccorsi
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato