Contenuto sponsorizzato

Famiglia Cooperativa del Primiero, lunedì la chiusura del negozio di via Piave. A rischiare sono 42 lavoratori e tutte le filiali

Il provvedimento di revoca della licenza commerciale sarà operativo dal 9 gennaio. Francesca Broch: "La chiusura della sede, unico punto vendita che consente di sostenere economicamente anche le filiali,  era tra le possibilità ma speravamo si trovasse una soluzione". Il 4 l'incontro dei soci per tentare il tutto per tutto

Il negozio della Famiglia Cooperativa del Primiero a rischio chiusura
Pubblicato il - 02 gennaio 2017 - 18:30

PRIMIERO. Il provvedimento di revoca della licenza commerciale è arrivato e dal 9 gennaio il più grande negozio della Famiglia Cooperativa del Primiero chiuderà. La questione è annosa ma risale a quando la Famiglia Cooperativa, impegnata in un importante investimento immobiliare per la realizzazione del centro commerciale Ingros attraverso la società Primiero Sviluppo, a cui partecipa al 40%, ha iniziato l'attività in un immobile di viale Piave in forza, ovviamente, di regolare licenza commerciale e permessi urbanistici regolarmente rilasciati dall'allora comune di Transacqua. Successivamente è arrivato il ricorso di un privato contro il Comune e le società interessate, e il Tar e il Consiglio di Stato hanno annullato le delibere comunali relative, con la conseguenza che la Famiglia Cooperativa si è trovata improvvisamente senza le autorizzazioni amministrative precedentemente rilasciate.

 

Altre complicazioni nel frattempo intervenute hanno impedito di arrivare ad una soluzione, nonostante i molti tentativi effettuati e intanto il comune è passato da un periodo di commissariamento - in cui il commissario Paola Matonti aveva individuato una possibile strada da seguire (piano-guida preliminare ed un nuovo piano di lottizzazione) - a nuove elezioni comunali, a seguito della fusione dei comuni, e poi all'insediamento della nuova amministrazione comunale. Alla fine, il provvedimento tanto temuto è arrivato e da lunedì prossimo il negozio dovrà chiudere a causa del provvedimento di revoca della licenza commerciale da parte del sindaco del Comune di Primiero San Martino.

 

"Per la nostra Famiglia Cooperativa questa ordinanza potrebbe essere la fine, se non vi saranno in tempi brevi soluzioni al problema", ammette oggi la presidente Francesca Broch. "La chiusura della sede - prosegue - unico punto vendita che consente di sostenere economicamente anche le filiali, era tra le possibilità, ma allo stesso tempo il lavoro svolto da noi, dal Commissario e poi dall'amministrazione comunale, ritenevamo potesse aprire ad una soluzione, che però a tutt'oggi non è ancora stata perfezionata. La Famiglia Cooperativa è una azienda che ad oggi ha 42 dipendenti tra fissi e stagionali, quest'ultimi con contratti fino ad aprile, per i quali sarà difficile evitare il licenziamento. Abbiamo sempre fatto fronte agli impegni finanziari nei confronti dei fornitori e delle banche, pagando puntualmente tutti i dipendenti. Certo ora la preoccupazione è forte anche sul fronte finanziario, - continua la presidente - in quando abbiamo difficoltà a fornire certezze sul futuro. La Famiglia Cooperativa incontrerà i soci mercoledì 4 gennaio alle 18 al teatro di Transacqua, le nostre filiali verranno riorganizzate e sarà indispensabile la vicinanza di tutta la nostra clientela".

 

Infine ancora un appello: "Chiedo alle istituzioni di guardare con occhi responsabili la situazione e di trovare una giusta soluzione in tempi brevi. Non nascondo l'amarezza, ma guardo avanti. Faremo tutto il possibile per ripartire". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato