Contenuto sponsorizzato

"La salute disuguale" è il tema della dodicesima edizione del Festival dell'Economia

Si terrà a Trento dall'1 al 4 giugno 2017. Già annunciato l'arrivo del  premio Nobel  Alvin Eliot Roth

Pubblicato il - 25 novembre 2016 - 21:34

TRENTO.La salute disuguale”. E’ questo il tema attorno al quale economisti, scienziati ed esperti, provenienti da ogni parte del mondo, discuteranno nel corso della 12^ edizione del Festival dell’Economia di Trento, in programma dall'1 al 4 giugno 2017.

 

Quando si parla di mobilità sociale, un tema di cui ci siamo occupati nelle precedenti edizioni del festival, ci si sofferma per lo più sulla posizione delle persone nella scala dei redditi e ci si dimentica spesso che la dimensione più importante dell’uguaglianza delle opportunità è legata alla possibilità di condurre una vita sana e di poter gioire di un invecchiamento attivo.

 

“Il tema scelto per la dodicesima edizione del Festival dell'Economia – ha affermato Tito Boeri, curatore scientifico – come sempre viene dettato anche da riflessioni che arrivano dalle precedenti edizioni. Quando abbiamo parlato di mobilità sociale, abbiamo visto le differenze che ci possono essere nelle opportunità delle persone che nascono nel posto sbagliato. Questa analisi ha messo in luce che alla nascita ci possono essere differenze forti nella speranza di vita. Chi ha la sfortuna, per esempio, di nascere nelle zone rurali negli Stati Uniti, lontane da centri urbani con forte concentrazione anche di capitale umano, rischia di vivere meno. Ci sono differenze nell'ordine di 25 – 30 anni”.

 

Disuguaglianze che non vengono ridotte quando ci si dota di un sistema sanitario che offre una copertura universale. “Si è visto – ha spiegato Boeri – che questo non è necessariamente foriero di diminuzione delle disuguaglianze. Su questi temi gli economisti possono aver molto da dire ”.

 

Come nelle precedenti edizioni. il festival si gioverà di interazioni con scienziati di altre discipline, questa volta con una maggiore attenzione alle cosiddette scienze dure, da cui dipendono, dopotutto, gli straordinari progressi della medicina negli ultimi 50 anni.

 

“Lo sforzo – ha continuato il coordinatore scientifico del Festival - sarà quello di portare a Trento persone che ci possono dare maggiori contenuti, contenuti spendibili, di grande rilevanza”.

 

Il programma dettagliato della 12^ edizione del Festival, promosso da Provincia autonoma di Trento, Comune di Trento e Università degli studi di Trento e progettato dagli Editori Laterza, sarà presentato, come di consueto, alcune settimane prima dell'inizio. Oggi, tuttavia, Tito Boeri ha già annunciato due dei relatori che saranno protagonisti a Trento ai primi di giugno del prossimo anno. Si tratta del premio Nobel per l'economia 2012 Alvin Eliot Roth e del professor

Michael Marmot fondatore dell’epidemiologia sociale.

Assieme a Tito Boeri, ad intervenire alla presentazione del tema della dodicesima edizione del Festival dell'Economia presenti anche il presidente della Provincia Ugo Rossi, il rettore dell'Università di Trento, Paolo Collini e l'assessore alla Cultura del Comune di Trento, Andrea Robol.

 

“Anche in questa edizione – ha affermato il presidente Rossi – le persone sono al centro del festival e il tema trattato ha a che fare con la vita di ciascuno di noi”. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 11:54

La struttura ricettiva lancia anche un duro affondo sulla politica per l'assenza di certezze: "Purtroppo la mancanza di direttive e di una politica razionale per la prossima apertura invernale da parte della classe politica (ahimè senza titoli universitari o esperienza lavorativa almeno nel 95% dei casi) ci porta in autonomia per necessità di coerenza e rispetto verso il buonsenso di non aprire"

24 novembre - 11:33

La guida del Gambero Rosso quest’anno non ha dato punteggi, ma ha cercato di celebrare la ristorazione che sta reggendo il colpo, che porta avanti le sue golosità, nonostante tutto e che riesce ancora a tenere botta alla devastante crisi causa Covid. Sono state confermate solo 38 Tre Forchette in tutta Italia ad altrettanti superchef mentre sono tante le Due Forchette anche per la ristorazione regionale. Da Brunel a Ghezzi da Fumagalli a Gilmozzi, Melis, Bellingeri ecco chi sono 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato