Contenuto sponsorizzato

Rimesse, dal Trentino Alto Adige i lavoratori stranieri mandano in patria 63 milioni di euro

 I lavoratori stranieri in Italia che hanno trasferito in patria il maggior quantitativo di denaro sono i romeni e a seguire cinesi, bengalesi e filippini 

Pubblicato il - 12 febbraio 2017 - 12:46

TRENTO. Nel 2015 i lavoratori stranieri presenti in Trentino Alto Adige  sono riusciti a mandare in patria poco meno di 63 milioni di euro. A rilavarlo è un’analisi del Centro Studi “ImpresaLavoro” su elaborazione di dati Bankitalia che registra come negli ultimi dieci anni siano stati raggiunti in totale 64 miliardi di euro spediti dai lavoratori stranieri a casa.

 

Dal punto di vista regionale, il Trentino Alto Adige si trova tra le regioni dove i lavoratori stranieri hanno mandato meno denaro in patria. Ben diverso invece per i residenti in Lombardia che sono riusciti a mandare a casa 1 miliardo e 156,6 milioni, nel Lazio 920,2 milioni e in Toscana 564,1 milioni.

Quanto alle diverse nazionalità, nella classifica stilata dal Centro studi ImpresaLavoro (che contempla cittadini di 229 nazionalità differenti) risulta che nel 2015 i lavoratori stranieri in Italia che hanno trasferito in patria il maggior quantitativo di denaro sono quelli romeni (847,621 milioni), cinesi (557,318 milioni), bengalesi (435,333 milioni) e filippini (355,360 milioni).

 

In questi ultimi dieci anni non sono mancati i cambiamenti. Analizzando la ripartizione annuale, infatti, si osserva come la crisi economica italiana abbia comportato una significativa contrazione delle somme inviate da questi lavoratori alle loro famiglie di origine: dai 7,394 miliardi del 2011 siamo arrivati ai 5,251 miliardi del 2015 (-28,98%). 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 13:44

I fatti sono avvenuti intorno alle 11.45 come quel 7 gennaio 2015 quando morirono 20 persone. La zona è blindata e un uomo sarebbe già stato preso

24 settembre - 17:22

La mascherina è diventata dispositivo di protezione individuale indispensabile nella quotidianità di ognuno di noi. Quello che però può sembrare un semplice strumento, per altri può diventare un vero e proprio "muro". Per questa ragione è stato lanciato un modello di mascherina che permette di leggere il labiale e al tempo stesso protegge dal rischio di contagio

25 settembre - 12:26

Dal giorno della sua fuga, Denni è stata avvistata più volte, ma non si è mai riusciti a recuperarla. Si tratta di una meticcia di taglia media di 10 chili: "Si muove con destrezza e abilità: è brava, si sa gestire bene, schiva i pericoli e sceglie i posti più strategici per fermarsi a mangiare e riposare. Vuole rimanere libera, ma non può: è pericoloso per lei e per gli altri"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato