Contenuto sponsorizzato

Sait, la Cgil attacca: "Manca un piano industriale e i lavoratori pagano per errori della dirigenza. La Provincia deve commissariarla"

Il sindacato traccia un bilancio dopo i primi sei mesi di cassa integrazione e l'ipotesi di tagliare 128 posti di lavoro. Caramelle: "Manca trasparenza e uso illegittimo della cassa integrazione. Le ore straordinarie aumentano e il consorzio ricorre alle esternalizzazioni per pagare meno i lavoratori"

Da sinistra Marco Monsorno, Vehbi Rizvani, Giorgio Margoni, Roland Caramelle e Ivo Berengan
Di Luca Andreazza - 13 settembre 2017 - 06:52

TRENTO. "Dopo circa sei mesi dall'inizio della cassa integrazione possiamo tracciare un primo bilancio e i dubbi sono veramente tanti: è ora di riprendere la discussione", queste le parole di Roland Caramelle, segretario di Filcams Cgil, a preannunciare un autunno caldo tra Sait e il sindacato. 

 

Circa settanta lavoratori sono infatti in cassa integrazione e la tensione sale per l'ipotesi di tagliare 128 posti di lavoro. "Gli straordinari - aggiunge il sindacalista - sono aumentati e cresce anche il ricorso agli addetti esterni per la movimentazione della merce in magazzino e negli uffici. Il tutto mentre tra fine mese e inizio ottobre potrebbe partire la procedura di licenziamento".

 

Sono soprattutto tre le domande che si pone la Cgil: quale è il piano industriale di Sait? Quali sono i dati rispetto alle esternalizzazioni e il ricorso alle ore straordinarie? Quanto intende fare la Provincia?

 

"I lavoratori si trovano in una condizione paradossale e senza certezza per il futuro. In questa situazione i vertici del consorzio sono rimasti saldi sulle loro poltrone, senza assumersi nessuna responsabilità del disastro prodotto in questi anni. Non è mai stato presentato un piano di rilancio e non sappiamo come Sait intenda restare competitiva sul mercato, mentre la concorrenza aumenta. L'azienda naviga a vista e taglia i costi sul personale", denuncia il segretario della Filcams insieme ai quattro delegati sindacali Marco Monsorno, Vehbi Rizvani, Giorgio Margoni e Ivo Berengan.

 

A novembre scorso Sait ha annunciato la decisione di tagliare 128 posti di lavoro e in aprile è stata aperta la procedura per la cassa integrazione straordinaria su tutti i dipendenti della sede di via Innsbruck.

 

"In questi mesi - aggiunge Caramelle - è cresciuto il ricorso alle esternalizzazioni tramite Movitrento per coprire il lavoro in magazzino, mentre negli uffici si ricorre alle assunzioni tramite partecipate. Il conto è presto fatto: l'azienda ha messo fuori i suoi addetti per sostituirli con personale a costi minori per Sait. Inoltre hanno richiamato a lavoro nove addetti al magazzino, per fronteggiare l'aumento di attività. Nessuna proposta di piano sociale e riqualificazione dei lavoratori da parte di Sait e della Federazione della cooperazione, che evidentemente ha riposto nel cassetto la propria responsabilità sociale, insieme ai valori fondanti proprio della cooperazione".

 

Un comportamento finito nel mirino del sindacato e oggetto di tre lettere indirizzate proprio a Sait, Movitrento e Federazione in marzo, giugno e luglio. "Non abbiamo ricevuto - evidenzia il segretario - ancora nessuna risposta. Manca trasparenza e per questo ci siamo rivolti al Servizio lavoro della Provincia per richiedere un intervento ispettivo. La situazione è grave e non escludiamo anche un possibile conflitto di interessi: la presidente di Movitrento è vice-presidente in Federazione, senza dimenticare un comportamento illegittimo e un uso improprio della cassa integrazione. Si ricorre a denaro pubblico e intanto si utilizzano lavoratori che costano meno: una guerra tra parti deboli e un affronto a chi lavora in Sait da tanti anni. Questa è una vicenda che potrebbe avere anche risvolti legali". 

 

Ma se gli straordinari aumentano, alcuni lavoratori vengono richiamati dalla cassa integrazione e il resto dell'attività viene esternalizzata, il sindacato avanza ulteriori dubbi: questo quadro lascerebbe infatti presupporre che non ci sarebbero sufficienti ragioni per ritenere che Sait abbia la necessità di tagliare i posti di lavoro. “I vertici Sait - incalza Caramelle - a cominciare dal presidente Dalpalù hanno semplicemente scelto di fare pagare ai lavoratori i costi di una riorganizzazione necessaria perché non hanno un progetto di rilancio e un vero piano industriale. Il tutto in una situazione di totale assenza di trasparenza da parte del consiglio di amministrazione, della presidenza e della direzione. I licenziamenti verranno impugnati".

 

Ragioni queste che hanno spinto la Filcams ha chiedere un nuovo incontro ai rappresenti delle forze politiche di maggioranza e opposizione. "La vicenda Sait non può finire nel silenzio - conclude Caramelle - mentre i lavoratori ci rimettono l'occupazione e chi è stato responsabile di questa situazione resta alla guida del consorzio. Le richieste del consiglio provinciale e degli assessori competenti sono rimaste lettera morta e dovrebbero valutare un commissariamento. E' ora di riaprire la discussione".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato