Contenuto sponsorizzato

A Folgaria arriva “Il Mercato della Terra”: frutta e verdura ma anche carne e latticini dai produttori del territorio

L’iniziativa della Comunità Slow Food per lo Sviluppo Agroculturale degli Altipiani Cimbri, in collaborazione con la Condotta Slow Food Valle dell’Adige Alto Garda, è nata per creare un momento di incontro tra gli abitanti e i produttori del territorio e appena sarà possibile per far conoscere agli ospiti dell’Alpe Cimbra la bontà e genuinità dei loro prodotti

Pubblicato il - 16 aprile 2021 - 12:52

FOLGARIA. Nono solo un semplice momento di vendita ma anche e soprattutto un luogo per valorizzare l'identità agroalimentare del territorio. Prenderà il via domani sabato 17 aprile, a Folgaria, “Il Mercato della Terra” degli Altipiani Cimbri.

 

L’iniziativa della Comunità Slow Food per lo Sviluppo Agroculturale degli Altipiani Cimbri, in collaborazione con la Condotta Slow Food Valle dell’Adige Alto Garda, è nata per creare un momento di incontro tra gli abitanti e i produttori del territorio e appena sarà possibile per far conoscere agli ospiti dell’Alpe Cimbra la bontà e genuinità dei loro prodotti. L’appuntamento sarà poi fisso il terzo sabato di ogni mese a rotazione tra Lavarone, Folgaria, Luserna e la Vigolana.

 

Il Mercato offre soprattutto una bella varietà di formaggi e latticini da pascolo, miele e conserve. A seconda della stagione, i banchi ospitano nuovi prodotti, anche frutta e verdura.


Il cliente ha l’opportunità di incontrare le persone del posto che, con tanta passione e competenza, allevano e coltivano sull’Alpe. Lavoro non semplice date le complessità che l’allevamento e l’agricoltura di montagna comportano. Il loro lavoro è fondamentale per la salvaguardia dell’ecosistema alpino e per la sostenibilità. Ecco perché i produttori e il Mercato della Terra costituiscono un perno fondamentale del progetto Alpe Cimbra Ecofriendly e del più ampio riconoscimento dell’Alpe Cimbra tra le Alpine Pearls.

 

Tanti i protagonisti che si potranno trovare al Mercato della Terra. Ci sarà la Fattoria Lenzi dove la carne è allevata secondo la linea vacca vitello. “I nostri manzetti – ha spiegato Diego Lenzi un ingegnere che ha lasciato la professione per dedicarsi alla terra ed alla fattoria- rimangono con la madre, liberi nei pascoli nel periodo da maggio a fine ottobre e poi negli appositi box nei mesi invernali. Raggiunta l'età di 12/18 mesi si procede alla macellazione presso una struttura autorizzata nella quale, dopo circa 2 settimane di frollatura, si esegue la sezionatura e porzionatura. I nostri pacchi famiglia di circa 10 kg di peso comprendono: costate, fettine, scaloppe, arrosti, spezzatini, osso buchi, macinato e lesso, il tutto confezionato sottovuoto ed etichettato”.


Poi ci sarà Giulia Nicolussi Castellan, giovanissima - soli 28 anni – originaria di Luserna e che insieme alla mamma Barbara, mettendoci il cuore, scelgono e lavorano con cura la materia prima nel loro laboratorio artigianale Natura in Vasetto a Lavarone, in Trentino. Ogni giorno esplorano le ricette di famiglia creando prodotti autentici, senza compromessi, con ingredienti stagionali provenienti dal territorio. Natura in vasetto è famiglia, genuinità e gusto in purezza. Le ricette delle confetture e dei sott'oli sono legate da un filo generazionale: la fantasia e la tecnica di Giulia e Barbara hanno portato le ricette di famiglia ad un livello superiore con abbinamenti innovativi che si mescolano agli ingredienti più classici in una danza di sapori, in equilibrio tra tradizione e innovazione. Le confetture, i sott'oli, i preparati per dolci in barattolo e i sali aromatizzati sono al cento per cento vegani e non contengono prodotti di origine animale.

 

“I Mercati della Terra – spiega Tommaso Martini, fiduciario della Condotta Slow Food – sono una rete internazionale di mercati che lavorano in accordo con i principi di Slow Food, i protagonisti sono i piccoli produttori e gli artigiani del cibo. Oggi i Mercati della Terra sono una settantina presenti in oltre 24 Paesi e sono espressione dei luoghi e delle persone provenienti dalle culture più varie”. “Non arrendersi – afferma Graziella Bernardini, portavoce della Comunità Slow Food- oggi si chiama resilienza, meglio, forza di volontà nonostante tutto, esempio trainante per i più fragili; agricoltori, allevatori, produttori non mollano e se mercato è sospeso ricorreranno anche loro ai mezzi telematici per farsi conoscere e metterci la faccia”.

 

Il Mercato della Terra è un’iniziativa in cui l’Apt Alpe Cimbra crede molto e su cui l'Apt vuole intervenire sia in termini di contenuti (laboratori, esperienze a tema, momenti culturali) che di promozione e comunicazione dell’evento. Inoltre il Mercato della Terra diverrà protagonista in occasione dei molti eventi già calendarizzati per l’estate e l’autunno quali Latte in Festa, Autunno in Malga, La dispensa dell’Alpe solo per citarne alcuni.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 maggio - 08:30
Il giovane in condizioni ancora molto gravi con ustioni di secondo e terzo grado si trova al centro grandi ustionati di Murnau in Baviera. Un altro [...]
Cronaca
22 maggio - 06:01
Oltre 100 dipendenti dell'Azienda sanitaria tra tecnici, infermieri e medici assieme a 400 volontari che hanno gestito le postazioni di soccorso [...]
Cronaca
22 maggio - 07:24
A dare l'allarme i colleghi che hanno immediatamente chiamato le forze dell'ordine. Alla guida dell'auto un uomo di 36 anni che, fermato dalle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato