Contenuto sponsorizzato

Defibrillatori nei rifugi, in arrivo 90mila euro di contributi per rendere le montagne più sicure

Le domande potranno essere presentate dal primo agosto al 15 ottobre 2021: i proprietari dei rifugi o coloro che ne hanno la disponibilità potranno richiedere di accedere ai fondi per acquistare uno strumento fondamentale per la sicurezza e la salvaguardia delle persone, il defibrillatore

Pubblicato il - 16 luglio 2021 - 13:28

TRENTO. In arrivo dalla Pat 90mila euro per permettere ai proprietari dei rifugi sia alpini che escursionistici (o a coloro che ne hanno la disponibilità) di acquistare un defibrillatore, strumento fondamentale per garantire la sicurezza delle persone anche in alta quota. Il limite massimo di spesa ammissibile è pari a mille euro e i contributi sono concessi nella misura del 100% della spesa ammissibile. Le domande vanno presentate dal primo agosto al 15 ottobre 2021 al Servizio provinciale turismo e sport, avvalendosi della modulistica presente sul sito istituzionale della Pat.

 

“La concessione dei contributi in oggetto rientra nella più ampia strategia provinciale per la diffusione extra-ospedaliera dei defibrillatori semiautomatici esterni - spiega l’assessore alla salute Stefania Segnana -. La defibrillazione precoce rappresenta infatti un'importante misura per aumentare la percentuale di sopravvivenza nel caso di arresto cardiocircolatorio provocato da fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare senza polso. Proprio per questo la presenza capillare, sul territorio provinciale, di defibrillatori semiautomatici esterni, è un obiettivo su cui siamo impegnati da tempo e che vede oggi, con l'approvazione di questi criteri, il raggiungimento di una tappa molto importante. Ma la presenza dei defibrillatori da sola non basta, è necessario anche che il personale non sanitario individuato per l'utilizzo del defibrillatore sia opportunamente formato. Proprio per questo è previsto, come requisito per l’accesso al contributo, il possesso dell’attestato di autorizzazione all’uso del defibrillatore o l'impegno ad acquisirlo entro un congruo periodo di tempo”.

 

“Le nostre montagne sono meta di un elevato flusso turistico, sia in estate che in inverno, nostro dovere è cercare di renderle il più sicure possibile, sotto tutti i punti di vista - aggiunge l’assessore al turismo Roberto Failoni -. La specificità delle zone di montagna, unita all'elevato numero di persone che vi transitano, impone un intervento, attraverso il quale garantire quella sicurezza che ognuno di noi si aspetta e che è prerogativa di un'offerta turistica di qualità. Un'offerta turistica attenta ai bisogni delle persone e orientata a creare un ambiente confortevole, in cui trascorrere le proprie vacanze o il proprio tempo libero ma attrezzato anche per affrontare situazioni di emergenza, come quelle nelle quali si rende necessario l’utilizzo dei defibrillatori”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 settembre - 19:24
Il segretario della Uil trasporti ha scritto una lettera al presidente della Provincia per estendere la gratuità dei tamponi anche agli autisti [...]
Cronaca
24 settembre - 19:51
Per quanto riguarda i nuovi contagi di oggi sono 21 i casi positivi registrati oggi nel bollettino covid dell’Azienda provinciale per i [...]
Montagna
24 settembre - 18:32
Paolo Scarian ha confermato la presenza di un branco di lupi nella zona del Latemar, una famiglia composta da diversi esemplari che è stata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato