Contenuto sponsorizzato

L'Alpe Cimbra: ''Fino a capodanno strutture ricettive praticamente sold out''. Intanto primo week end da tutto esaurito a Campiglio

Partenza da sold out per Campiglio questo week end. Matteo Bonapace (direttore Apt Campiglio): "Finalmente la montagna ritorna a lavorare anche durante l'inverno". Fiducia anche sull'Alpe Cimbra, Ivan Pergher: "Abbiamo riscontrato un buon interesse nel corso delle fiere e dei workshop. I segnali sono buoni, gli appartamenti e gli hotel si avviano al sold out fino a capodanno"

A destra Matteo Bonapace (direttore dell'Apt Campiglio)
Di Luca Andreazza - 19 novembre 2021 - 21:56

TRENTO. E' un week end molto atteso perché finalmente un altro pezzo di montagna ritorna a lavorare anche durante l'inverno, le località sono pronte e si avviano a tirare un sospiro di sollievo. A fronte delle enormi difficoltà a causa del blocco imposto da Covid il settore non si è mai fermato e anche questa stagione sono molte le novità, in particolare sul fronte della tecnologia e delle possibilità per vivere esperienze sulla neve.

 

Le località a marchio Skirama, il consorzio che raggruppa ben 8 tra le principali località sciistiche da Folgarida MarillevaPejo Pontedilegno-Tonale in val di Sole alle Dolomiti di Madonna di Campiglio e Pinzolo in Val Rendena; dai tracciati di Andalo Fai della Paganella al Monte Bondone che sovrasta Trento, fino all’Alpe Cimbra, con le località di Folgaria Lavarone, scalpitano per ritornare in pista e mostrare il lato migliore in termini di ospitalità e di accoglienza trentina.

 

Archiviata una buona estate, ora un settore strategico per il Pil del Trentino come quello dell'industria della neve rivede la luce in fondo al tunnel, gli impianti sono pronti a tornare in movimento da quel marzo 2020 che ha cambiato tutto. Ritornano anche gli eventi e i grandi appuntamenti. Dopo le presentazioni nella tradizionale cornice di Modena Skipass (Qui articolo), l'attesa è finita sul Presena e le stazioni sciistiche sono pronte a dare semaforo verde alla stagione: sabato 20 novembre c'è in agenda l'apertura di Campiglio con la ski area già in "tutto esaurito" (Qui articolo). Poi tra sabato 27 novembre e sabato 4 dicembre entrano in attività tutte le altre stazioni a pieno regime (Qui articolo).

 

"C'è stato un grandissimo sviluppo sulla tecnologia - dice Matteo Bonapace, direttore dell'Azienda per il turismo Madonna di Campiglio - per implementare modelli e logiche diverse rispetto al passato da parte delle società impianti della skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta. C'è l'innovativo sistema di bigliettazione che abbiamo creato è la nuova tessera Starpass-pay per use che in sostanza sostituisce il vecchio stagionale e che permette di pagare il consumato a consuntivo quanto si è effettivamente sciato. Poi i prezzi diventano dinamici, se si acquistano i ticket online e in anticipo. E' un modo per migliorare la qualità dell'esperienza in pista".

 

Un'altra novità è il settimanale "Cinque su sette" che integra sci e territorio. "Due giorni - prosegue il direttore dell'Azienda per il turismo della val Rendena - sono disponibili per partecipare alle esperienze ideate dall'Apt e accompagnare l'ospite alla scoperta dell'autenticità delle nostre località tra Madonna di Campiglio e Pinzolo: c'è, infatti, un sperimentazione in corso per integrare lo sci e le altre altre attività invernali in un sistema unico di offerta".

 

Il contagio è in crescita, ma la situazione trentina appare ancora sotto controllo e c'è fiducia di poter ripartire, si attendono i protocolli che consentirebbero l'apertura pure in zona rossa e arancione (Qui articolo). "Abbiamo riscontrato un buon interesse nel corso delle fiere e dei workshop. I segnali sono buoni, gli appartamenti e gli hotel si avviano al sold out fino a capodanno", spiega Ivan Pergher, referente della skiarea Alpe Cimbra-Folgaria Lavarone, mentre Bonapace aggiunge: "Ci sono ottime indicazioni per la montagna: questo viene percepito direttamente dagli uffici dell'Apt ma anche dagli operatori".

 

Maggiori incertezze sul fronte estero. "Le agenzie e i tour operator sono attivi ma c'è qualche perplessità, la recrudescenza dell'epidemia causa qualche incertezza in più ma vigiliamo le indicazioni e le evoluzioni dei mercati", conferma Pergher. "Intanto siamo sicuri di ospitare la nazionale di sci alpino degli Stati Uniti che trova sempre ottime condizioni sull'Alpe Cimbra per allenarsi in vista delle tappe europee di coppa del Mondo. Ma ci aspettiamo l'arrivo di altre squadre che apprezzano sempre la nostra preparazione delle piste".

 

L'introduzione di Qoda sarà un ulteriore tassello nella strategia anti-assembramenti. Poi i comprensori aderenti a Skirama prevedono, tra l'altro, anche l'incentivo all'acquisto online del proprio skipass: sull'area e-shop dei diversi comprensori o attraverso i circuiti SnowIt, MyPass e TelepassPay. "Il ritiro skipass potrà avvenire alle Casse automatiche oppure alle casse fisiche dedicate per questa necessità. Si può anche acquistare naturalmente il pacchetto hotel + skipass e il ritiro avviene direttamente nella struttura ricettiva".

 

Un balzo verso la digitalizzazione. "Sicuramente l'emergenza Covid - dice Pergher - ha rafforzato questo trend di prenotazione e abbiamo installato altre tre casse automatiche. Già nel 2015 avevamo sviluppato la parte software e le piattaforme ma nonostante le promozioni solo il 2% usufruiva di questo servizio. Ora invece questa metodologia è prevalente, un passo in avanti importante perché possiamo monitorare l'affluenza e garantire la miglior qualità della località, ma soprattutto c'è la possibilità di lavorare in serenità".

 

Non manca il programma di eventi collaterali. "Si punta molto sulle esperienze all'aperto - aggiunge il referente della skiarea Folgaria Lavarone - una parte degli ospiti della località non scia e quindi c'è tutto il palinsesto di attività esperienziali e outdoor per far vivere l'Alpe Cimbra e rendere le nostre località ancora più attrattive". Oltre 100 chilometri e 66 piste, ma anche una vasta area che raccoglie tante attività per famiglie tra sci alpino, alpinismo, snowboard, freeride, fondo, Fat-bike e Sleddog. "Noi siamo pronti, ma è fondamentale vaccinarsi per sciare in sicurezza e garantire tranquillità a turisti e residenti", conclude Pergher.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 gennaio - 20:14
Trovati 1.767 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Sono 148 i pazienti in ospedale. Sono 144 le classi scolastiche in isolamento
Cronaca
16 gennaio - 18:54
Complicata l'operazione di recupero del rottame, i vigili del fuoco e i tecnici valutano come intervenire nelle prossime ore. Il conducente [...]
Cronaca
16 gennaio - 17:01
Il pilota ed ex ambasciatore di Trentino Marketing ha spiegato che quando ha detto la frase ''ho preso il Covid apposta per poter essere in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato