Contenuto sponsorizzato

Dai parcheggi ai rifiuti, dall'acqua ai cimiteri, AmAmbiente compie due anni: "Investimenti per migliorare l'acquedotto"

A due anni dalla fusione, AmAmbiente traccia un bilancio dell'attività e delinea le sfide: "Il prossimo anno altre assunzioni. Chiediamo ai cittadini di essere gentili con i nostri dipendenti". L'appello alla Provincia per chiudere il ciclo dei rifiuti

Di Luca Andreazza - 03 dicembre 2023 - 14:26

PERGINE VALSUGANA. Una raccolta differenziata all'83,78%, investimenti da circa 7 milioni per migliorare la gestione della rete idrica e la prospettiva di assumere ulteriore personale. La società AmAmbiente (nata dalla fusione tra Amnu e Stet) si prepara a entrare nel suo terzo anno di attività.

 

"Un risultato del lavoro è il riconoscimento quale miglior consorzio di un Comune sotto i 100 mila abitanti per la raccolta dei rifiuti", commenta Manuela Seraglio Forti, presidente di AmAmbiente. "L'introduzione della tariffa, una cifra simbolica, sugli imballaggi leggeri spinge la cittadinanza a conferire al Crm e questo consente di contenere le impurità".

 

Un punto agrodolce riguarda la chiusura del ciclo dei rifiuti. La gara è stata vinta da un centro del bergamasco. "Negli ultimi 12 mesi abbiamo effettuato 862 procedure di gara per un valore di 41 milioni", continua Seraglio Forti. "Un dato interessante è il risparmio di 600 mila euro in 5 anni ma resta il dispiacere di non poter rivolgersi a un impianto trentino, la cui offerta non è stata concorrenziale.

 

A due anni dalla fusione, AmAmbiente traccia comunque un bilancio positivo dell'attività e delinea anche le sfide principali dei prossimi mesi: smaltimento residuo, smaltimento ingombrante (in questo caso si è rischiata tre volte l'interruzione del servizio) e smaltimento rifiuti cimiteriali. "L'appello alla Provincia - dice Seraglio Forti - è quello di proseguire nell'impegno di completare la chiusura del ciclo dei rifiuti".

 

"La raccolta differenziata si attesta a 22.259 tonnellate, mentre il residuo a 4.309 tonnellate". Un rapporto rispettivamente dell'83,78% (escluso ghiaino) e del 16,22%, la stima del rifiuto abbandonato è dell'1,7%. "Un dato interessante è che l'impurità dell'imballaggio leggero è sceso dal 40% con il sistema delle calotte stradali al 25% con il passaggio degli addetti.

 

La produzione della centrale idroelettrica di Canezza è, invece, cresciuta nell'ultimo anno del 70%, gli altri impianti invece sono aumentati del +10%. Fronte ciclo idrico: AmAmbiente ha gestito 3.788 ordini di lavoro, realizzato 50 metri di trincee disperdenti acque bianche, razionalizzato l'acquedotto e sviluppato l'interconnessione Altopiano Vezzena-Luserna.

 

"La gestione delle risorse idriche è un tema sempre più strategico", evidenzia la presidente di AmAmbiente. "Il flusso di acqua deve essere ottimizzato. L'investimento è di 5 milioni per migliorare la rete, inoltre c'è una forte spinta sull'innovazione per quanto riguarda il monitoraggio e intercettare perdite e danni attraverso i sensori e l'analisi di pressione, portata e rumori".

 

Un intervento molto particolare è stato quello relativo alla riparazione del guasto della condotta forzata della centrale Pizzo. "Un'attività delicata e complessa, con la realizzazione di un bypass per mantenere in servizio almeno parzialmente l'impianto, portata a termine in un mese". 

 

Nell'ottobre del 2022 AmAmbiente ha preso in gestione i parcheggi del Comune di Pergine. "Un'attività complessa ma l'amministrazione ha aumentato del 40% gli introiti".

 

Oltre ai cimiteri di Pergine Valsugana, Sant'Orsola e Tenna, Civezzano, Frassilongo, Calceranica, Caldonazzo e Altopiano della Vigolana, AmAmbiente nel corso del 2023 ha acquisito la gestione del cimitero di Telve di Sopra, Samone, Fierozzo, Luserna e Torcegno mentre è stata dismessa quella di Baselga di Pinè e frazione. "La scelta dei cittadini è di cremare i defunti, il dato è del 69% e la previsione è di implementare ulteriori servizi anche per mantenere umanità, sensibilità e delicatezza".

 

Capitolo servizio al pubblico. Sono 23.500 le utenze del servizio idrico (43 mila fatture all'anno) tra Pergine Valsugana, Levico Terme, Borgo, Civezzano, Albiano, Fornace, Tenna, Novaledo e Grigno; 34.100 utenze igiene servizio ambientale (62 mila fatture annue) nei Comuni dell'Alta Valsugana; 12 mila telefonate, 3.600 mail e 5 mila persone servite agli sportelli.

 

"L'impegno e la professionalità sono molto elevate. La richiesta ai cittadini è di essere gentili con gli addetti - dice la presidente di AmAmbiente - perché purtroppo non mancano insulti e maleducazione".

 

E' cresciuto il numero di dipendenti. Al 1 gennaio 2022 la forza lavoro era di 119 dipendenti, oggi ci sono 135 persone (di cui 134 a tempo indeterminato) e sono state effettuate 13 differenti selezioni di personale. 

 

"L'azienda è dinamica e in movimento, la stima è di assumere altre 13 unità di cui 7 in sostituzione di personale che andrà in pensione. La base occupazionale dovrebbe crescere del 4,4%. Oggi applichiamo i tre contratti gas acqua, elettrico, igiene ambientale ma l'obiettivo è di aprire un dialogo con i sindacati per armonizzare gli accordi e avere una gestione più equa", conclude Seraglio Forti.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 marzo - 11:43
La polizia tedesca ha fermato una persona, l'ex marito della figlia della fisioterapista di 61 anni aggredita a febbraio. Sequestrati cellulari, [...]
Cronaca
05 marzo - 09:50
Sul posto anche i vigili del fuoco e le forze dell'ordine oltre al personale tecnico dell'Autostrada. E' successo al chilometro 183 in [...]
Cronaca
05 marzo - 09:24
A finire davanti al giudice sono padre e figlio, il primo per violenza privata e lesioni mentre il secondo per violenza sessuale
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato