Contenuto sponsorizzato

"Il Cansiglio non è in vendita. Salviamo i grandi alberi", alpinisti e ambientalisti in marcia in difesa dell'antica foresta

La manifestazione "Marcia di alpinisti ed ambientalisti in difesa dell’Antica Foresta del Cansiglio” è arrivata alla sua 34esima edizione. Appuntamento per questa domenica 14 novembre per protestare contro le privatizzazioni che snaturerebbero totalmente l'area

Foto sito "meeters"
Foto sito "meeters"
Di Lucia Brunello - 12 novembre 2021 - 11:11

CANSIGLIO. Questa domenica, 14 novembre, avrà luogo la 34esima edizione della “Marcia di alpinisti ed ambientalisti in difesa dell’Antica Foresta del Cansiglio”, nata con lo scopo di denunciare le privatizzazioni che snaturerebbero totalmente l'area e con quello di accendere i riflettori sull'importanza di salvaguardare gli alberi e la vita presente all'interno della foresta. 

 

Si tratta di una manifestazione promossa e sostenuta da Mountain Wilderness, Ecoistituto del Veneto Alex Langer, CAI Veneto e FriuliVG, Wwf, Italia Nostra, Lac Veneto e Friuli, Legambiente Veneto, Lipu, Per Altre Strade, Amica Terra, Ecohimal Itali

 

Il raduno è previsto per le 9.30 al parcheggio del rifugio S. Osvaldo, chiuso da 4 anni e la cui possibile vendita è già stata annunciata dalla Regione. Per le 10 è prevista la partenza lungo la strada che costeggia il perimetro della ex base militare Nato per poi procedere in salita verso il bosco.

 

Si procederà fino ai casoni cimbri dei Pich, per poi scendere verso la piana, prima su strada bianca, poi entrando nel bosco, costeggiando quindi il Museo e Centro di Ecologia Zanardo e seguendo il camminamento fino al Giardino Botanico Lorenzoni. Dalle 12 alle 14 circa è previsto il pranzo al sacco, durante il quale ci saranno interventi e aggiornamenti sulla situazione attuale e prospettive per il futuro. Il tutto accompagnato da degli interventi musicali, non amplificati.

 

Dalle 14.30 alle 16, lungo il sentiero nel bosco, dal Giardino Botanico si va fino all’Archeton e da là, costeggiando il campo da golf, fino alla strada del Bus de la Lum (sentieri MO), fino a raggiungere la strada centrale e il parcheggio del Rifugio S. Osvaldo, con foto finale con lo slogan "Il Cansiglio non è in vendita".

 

Il gruppo di associazioni ambientaliste ha iniziato a impegnarsi per questa causa trentacinque anni fa, e da allora non si è mai fermato tra manifestazioni, marce e convegni, lanciando messaggi d’allarme ogni volta che si profilava un nuovo pericolo per l’integrità dell’Antica Foresta. "Il Cansiglio è un bene comune. No alla vendita di qualsiasi sua parte per non dare l’avvio ad una serie di privatizzazioni che porterebbe allo snaturamento totale dell’area: salviamo e tuteliamo i grandi alberi presenti all’interno della foresta regionale", ha scritto Mountain Wilderness. 

"La selvicoltura - continua - deve diventare sempre più naturalistica, accettando che la funzione economica diventi sempre meno importante, lasciando spazio ai valori ecologici di tutela della biodiversità, della produzione di ossigeno, della cattura e conservazione nel legno della CO2 (contro il riscaldamento globale) e dell’importanza sociale della foresta come luogo di recupero psicofisico e di cura per una popolazione chi ormai al 70% vive (o sopravvive) in ambienti urbani inquinati e malsani".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 gennaio - 16:50
Sono stati trovati 1.586 positivi a fronte di 11.365 tamponi. E' stato registrato 1 decesso nelle ultime 24 ore. Cala il numero delle classi in [...]
Ricerca e università
28 gennaio - 15:43
Entro il 2050 si potrebbe non sciare più su neve naturale a Cortina e Torino, così come in altre delle 21 località che ospitano i Giochi [...]
Cronaca
28 gennaio - 16:16
L'allerta è scattata all'area di servizio Paganella Ovest lungo l'Autostrada del Brennero. Tempestivo l'arrivo della macchina dei soccorsi per [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato