Contenuto sponsorizzato

Cortina 2026, "Gravi ritardi e vistose difformità'' le associazioni scrivono al Cio per la “poca trasparenza" nelle attività di organizzazione

Italia Nostra, Peraltrestrade Dolomiti, Comitato Civico Cortina e Gruppo Parco del Cadore hanno scritto a Thomas Bach, presidente del Cio. Una lunga lettera con la quale si esprime preoccupazione per "la mancata trasparenza e per l’approssimazione con la quale vengono portate avanti le attività di organizzazione dei Giochi Olimpici invernali 2026"

Di G.Fin - 15 maggio 2022 - 09:45

BELLUNO. Parlano di “Pessimistiche previsioni” e anche di “Gravissimi ritardi e vistose difformità da quanto indicato nel Dossier di candidatura olimpico, con le conseguenze sociali, economiche e ambientali che ne derivano”. Sono parole dure quelle contenute nella lettera sottoscritta da Italia Nostra, oltre che dagli esponenti di Peraltrestrade Dolomiti, Comitato Civico di Cortina d'Ampezzo (Belluno) e del Gruppo Parco del Cadore, che è stata inviata al presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio) e ai vertici istituzionali regonali e nazionali.

 

I firmatari parlano di forti preoccupazioni dei cittadini di Cortina d’ Ampezzo e dei paesi limitrofi per la “mancata trasparenza e  per  l’approssimazione” con la quale vengono portate avanti le attività di organizzazione dei Giochi Olimpici invernali 2026.
 

Le affermazioni arrivano dopo un incontro avvenuto nei giorni scorsi a Cortina dove è arrivata una rappresentanza della Regione Veneto per fare il punto sullo stato della programmazione degli interventi previsti nel comprensorio di Cortina per le Olimpiadi 2026.

 

“Fino a quel momento – viene spiegato nel documento - nessun documento era stato ufficialmente presentato alla cittadinanza, che era a formale conoscenza del solo Dossier di Candidatura Olimpico e di vaghe  notizie derivanti da succinti comunicati stampa”.

Sempre nel documenti si cita la progettazione preliminare del rifacimento della pista da bob per la quale, però, non sono stati resi pubblici costi, opere connesse e tanto altro. Poca trasparenza viene poi riportata anche per altre nuove strutture.

“Anche la prevista realizzazione del villaggio olimpico, in una zona compresa fra un corso d’acqua a rischio idraulico e un pendio con rischio geologico in località Fiames, non risponde ai criteri di sicurezza e tradisce la natura speculativa del progetto, evidenziando nel contempo la scarsa attendibilità del Dossier olimpico, tenuto anche conto dell’incertezza sul numero dei possibili utilizzatori della struttura: ad oggi non si conosce ancora il numero dei posti letto necessari per atleti e preparatori che si avvicenderanno nel corso delle gare” riportano i firmatari.
 

 

Qui il documento intero

 

Italia Nostra – Consiglio Regionale Veneto, Peraltrestrade Dolomiti,  Comitato Civico Cortina, Gruppo Parco del Cadore hanno inviato a Thomas Bach, presidente del CIO, Comitato Olimpico Internazionale, e per conoscenza:

 

Ai Presidenti delle Associazioni di Protezione Ambientale:
CAI nazionale, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Mountain Wilderness, Pro Natura, WWF 

Regione Veneto, Area Infrastrutture, Trasporti, Lavori Pubblici e Demanio
Direttore Ing. Elisabetta Pellegrini

Ministero Infrastrutture e Mobilità Sostenibile

Società Infrastrutture Milano Cortina 2026
Commissario ing. Luigi Valerio Sant’Andrea

Ministero della Transizione Ecologica
Direzione Generale Valutazioni Ambientali

Ministero della Cultura
Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio
Direttore Generale Arch. Federica Galloni

Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport
Sig.ra Valentina Vezzali

Fondazione Milano Cortina 2026

On.le Federico D’Incà

 

Oggetto: Olimpiadi Milano-Cortina 2026

 

Egregio Presidente,
desideriamo farla partecipe delle forti preoccupazioni dei cittadini di Cortina d’ Ampezzo e dei paesi limitrofi per la mancata TRASPARENZA e  per  l’APPROSSIMAZIONE con la quale vengono portate avanti le attività di organizzazione dei Giochi Olimpici invernali 2026. Già il sondaggio effettuato in vista dell’assegnazione dei giochi era parso inadeguato, avendo coinvolto 2.515 italiani, di cui solo 607 veneti, e nessuno di Cortina.

 

I giorni scorsi abbiamo incontrato, a Cortina, una rappresentanza della Regione Veneto venuta a seguito nostra sollecitazione per informarci sullo stato della programmazione degli interventi previsti nel comprensorio di Cortina per le Olimpiadi 2026, in quanto fino a tale giorno nessun documento era stato ufficialmente presentato alla cittadinanza, che era a formale conoscenza del solo Dossier di Candidatura Olimpico e di vaghe  notizie derivanti da succinti comunicati stampa.

L’incontro ha confermato le nostre più pessimistiche previsioni: sono stati confermati sia i gravissimi ritardi, sia le vistose difformità da quanto indicato nel Dossier di candidatura olimpico, con le conseguenze sociali, economiche e ambientali che ne derivano.

 

In concreto, la progettazione preliminare del rifacimento della pista da bob (in quanto di rifacimento si tratta e non di “riqualificazione” come sta scritto nel citato Dossier, dal momento che l’attuale struttura andrà completamente demolita), è già stata portata a termine dallo studio Planingsburo Deyle di Stoccarda, ma nulla è stato reso pubblico su costi, tracciato, opere connesse, disboscamento, volumi di scavo e movimenti di terra.

La valutazione delle alternative progettuali, già prospettate dal CIO, risulta carente in quanto non è stata sufficientemente approfondita l’utilizzazione della pista di Innsbruck, che già ora è sede di competizioni internazionali, e che avrebbe potuto essere eventualmente adeguata con una spesa di gran lunga inferiore a quella per la realizzazione di una nuova struttura e con zero consumo di suolo.
Anche la prevista realizzazione del villaggio olimpico, in una zona compresa fra un corso d’acqua a rischio idraulico e un pendio con rischio geologico in località Fiames, non risponde ai criteri di sicurezza e tradisce la natura speculativa del progetto, evidenziando nel contempo la scarsa attendibilità del Dossier olimpico, tenuto anche conto dell’incertezza sul numero dei possibili utilizzatori della struttura: ad oggi non si conosce ancora il numero dei posti letto necessari per atleti e preparatori che si avvicenderanno nel corso delle gare.

 

Analogo discorso vale per il contiguo centro stampa, soggetto a rischio geologico in modo ancora più marcato.

La medal plaza, prevista alla base del vecchio trampolino olimpico di Zuel, ove nel 1956 si svolsero le gare di salto, risulta poco funzionale in quanto ubicata in zona fuori Cortina, in località priva di parcheggi e di ogni altro servizio.

Ma le perplessità maggiori si incentrano sugli aspetti ambientali: le Valutazioni di Impatto Ambientale (VIA) e la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) nazionale (di tutto il piano delle opere e degli interventi essenziali, connessi e di contesto, funzionali alla realizzazione dei Giochi), previste dalle norme e inserite nel Dossier fra le disposizioni da attuarsi, sono in forse o saranno parcellizzate così da depotenziare la loro efficacia; in forse anche l’attuazione di uno strumento ancor più importante, indicato anch’esso nel Dossier al paragrafo 58, lo STRAIN, il bilancio del valore ecologico.

 

In compenso abbondano dichiarazioni di buona volontà, fino ad ora disattese, dichiarazioni che riguardano l’adozione di standard ambientali, il coinvolgimento degli stakeholders nelle fasi di progettazione, costruzione, realizzazione e ripristino delle opere, le relazioni ambientali con aspetti importanti da monitorare, lo sviluppo sostenibile, la tutela ambientale… tutte azioni ancora non definite e tantomeno attuate.

 

Di sicuro vi sono solo le importanti determinazioni, anche governative, che, in accompagnamento e con la scusa delle Olimpiadi (Decreto Ministero Infrastrutture e Trasporti 7/12/2020), prevedono un lungo elenco di opere, dall’alta velocità alle autostrade agli aeroporti, che andranno a interessare un vasto territorio già ampiamente compromesso e che si aggiungono al Masterplan di Cortina 2026 presentato alla popolazione solo in data 19 aprile 2022. Un concentrato di opere e modifiche al territorio che prevede cantieri aperti per diversi anni (un milione di metri cubi di scavi per la sola Cortina!) e con lavori che si protrarranno necessariamente ben oltre il 2026.
Altrettanto certo è che Cortina e la valle del Boite si presenteranno all’appuntamento delle Olimpiadi come un grande cantiere aperto, con le immaginabili conseguenze sulla viabilità, sui Giochi e sull’immagine stessa dell’Italia e del CIO.

Ci dispiace dover constatare che si ragiona ancora in termini di “business as usual”, invece di dar prova di consapevolezza e di senso del limite, abbandonando comportamenti ormai insostenibili.

 

Sicuri di una attenta considerazione di quanto sopra esposto cordialmente salutiamo

 

Italia Nostra – Consiglio Regionale Veneto
Peraltrestrade Dolomiti
Comitato Civico Cortina
Gruppo Parco del Cadore

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 1 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
02 luglio - 21:22
Il 36enne stava affrontando una highline, una apposita fettuccia assicurata e tesa tra due sostegni a una quota di circa 1.400 [...]
Cronaca
02 luglio - 19:19
Le fiamme si sono sviluppate tra i vigneti nei pressi di un bunker della Seconda guerra mondiale, l’intervento dei vigili del fuoco complicato [...]
Cronaca
02 luglio - 20:41
Confesercenti del Trentino: "Ci ha lasciato Loris Lombardini: una persona dal grande cuore e dalla grande personalità"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato