Contenuto sponsorizzato

AAA, cercasi candidato presidente. La sfida Rossi-Fugatti non è certa: sia da una parte che dall'altra si cercano altri nomi

Rossi è messo in discussione e si valuteranno altre proposte. Nel centrodestra i malumori di Forza Italia e di Civica Trentina che non vorrebbero dare alla Lega la leadership della coalizione

Di Donatello Baldo - 02 maggio 2018 - 06:01

TRENTO. Mancano sei mesi alle elezioni provinciali e il toto nomi per la presidenza della Provincia autonoma di Trento inizia a circolare. Nel centrosinistra, ora che Rossi è in bilico ufficialmente, si cercano persone disponibili tra gli outsider. Ma anche nel centrodestra non è così scontato che sia Fugatti il leader designato. Non tutti lo vorrebbero.

 

Partiamo da qui, dalla parte che è uscita vittoriosa dalle elezioni del 4 marzo scorso. Che è stata premiata anche in Friuli Venezia Giulia, con la Lega che 'tira' la coalizione e che anche qui in Trentino ha fatto faville alle ultime politiche. Il capo indiscusso del Carroccio è il deputato ed ex consigliere, nonché segretario Maurizio Fugatti.

 

Su di lui puntano Claudio Cia e Fratelli d'Italia. Ma Forza Italia sembra un po' smarcarsi dall'acclamarlo senza dubbi come leader e candidato presidente. Sembra che il ragionamento si di bilancino: "Tutto il Nord Italia è in mano ai leghisti, con Lombardia, Veneto e Friuli. Il Trentino potrebbe andare a noi...". 

 

E' qui che inizia a circolare, più a Roma che a Trento a dir la verità, il nome di Donatella Conzatti come candidata presidente. Ha vinto a Rovereto contro Tiziano Mellarini e ora indossa il laticlavio, ha strappato il seggio al suo ex segretario, a poche settimane dal passaggio in Forza Italia

 

Per gli azzurri sarebbe la candidata ideale. Non la donna di rottura ma moderata, commercialista che i conti li sa fare. Un volto tutto sommato nuovo. Rassicurante per i trentini che di salti nel buio non ne vogliono sapere. 

 

Ma non è la sola che mette in dubbio l'automatica investitura del leghista. Nemmeno Rodolfo Borga si aggiunge al gruppo di chi lo vuole a tutti i costi. Anzi. Con la sua parte, Civica Trentina, sta organizzando un polo 'territoriale e civico' composto da Gios e da Kaswalder

 

Lui non lo dice ufficialmente ma i suoi sostenitori sì: è lui il nostro leader naturale, Rodolfo Borga. Con il centrodestra si andrà a trattare, e sul tavolo della discussione sarà calato anche il suo nome. Avvocato, ex sindaco, gran conoscitore del regolamento del Consiglio provinciale, del Consiglio provinciale vecchio di caserma e figura importante della destra trentina.

 

Passiamo ora al centrosinistra. Rossi è sub judice. Il suo nome sarà valutato assieme ad altri. L'hanno deciso i partiti della coalizione: non è scontato che sia lui, si valuteranno le proposte che arriveranno in questi giorni. Ed è partita la caccia al sostituto

 

Si stanno muovendo i democratici, che più di tutti, almeno alcuni, vorrebbero un cambio al vertice. Si vocifera di Monica Baggia, ex candidata alle scorse provinciali, presidente di Trentino Trasporti, avvocata molto conosciuta. Su di lei stanno puntando in molti.

 

Poi si vocifera anche di Franco Ianeselli, segretario generale della Cgil del Trentino. Apprezzato a sinistra - difensore di diritti sociali e civili - ma anche dall'Amministrazione provinciale e da Confindustria per la serietà e per l'affidabilità.

 

Rimangono anche le 'risorse' dell'Autonomia. In tanti vorrebbero un ritorno di Alberto Pacher come Deus ex Machina che risolve tutto. Ma il Cincinnato della politica trentina, che dopo aver fatto il sindaco e addirittura il presidente della provincia pro tempore quando Dellai se n'era andato a Roma, ha tutta l'intenzione di rimanere a fare suo lavoro di psicologo.

 

Il toto nomi è appena cominciato, e tra smentite e ipotesi del tutto peregrine, tra conferme e nomi buttati lì per essere bruciati, qualcuno prima o poi ci azzecca. Mancano sei mesi, i tempi stringono, e a conti fatti a metà maggio si dovrebbe sapere chi saranno gli sfidanti. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

19 novembre - 08:27

Tantissimi i "Grazie" arrivati in questi giorni sia in Trentino che in Alto Adige per il lavoro che stanno portando avanti da ormai tre giorni senza sosta i vigili del fuoco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato