Contenuto sponsorizzato

Altoatesini ''antipatici e arroganti meglio i trentini''. L'operazione simpatia da dove deve partire?

A pochi giorni dalla pubblicazione dello studio commissionato dal consiglio provinciale di Bolzano per capire come sono visti gli altoatesini dal resto degli italiani e dai risultati emersi il quotidiano altoatesino Salto.bz si interroga. Ecco cosa emerge

Pubblicato il - 15 aprile 2018 - 19:51

BOLZANO. “Wenn mir sou weitermochen nocher werfen sie ins vi den Stoot aussi”. Come dire: "Non preoccupiamoci, facciamo tranquillamente gli stronzi, così ci buttano fuori dallo Stato". E' quanto scriveva un utente sotto il profilo di Bernhard Zimmerhofer (Süd-Tiroler Freiheit) e rappresenterebbe una logica molto in voga in Alto Adige.

 

A pochi giorni dalla pubblicazione dello studio commissionato dal consiglio provinciale di Bolzano per capire come sono visti gli altoatesini dal resto degli italiani e dal fatto che il risultato emerso non sia proprio dei più lusinghieri (sarebbero arroganti e antipatici meno accoglienti e empatici dei cugini trentini) ecco l'analisi del quotidiano nostro partner, Salto.bz sul tema. Parte da questa riflessione chiedendosi: "Se il Sudtirolo e i sudtirolesi suscitano, in Italia, diffidenza e antipatia ciò non dipende (anche) dalla diffidenza e dall'antipatia che l'Italia e gli italiani suscitano in Sudtirolo?".

 

Noi aggiungiamo che, forse, l'antipatia comincia dalla base: iniziare a chiamarsi Alto Adige e altoatesini invece che usare i termini Sudtirolo e sudtirolesi sarebbe già un primo passo di avvicinamento verso il resto del Paese ma si sa, il problema è antico e il dubbio è amletico: essere o non essere? L'operazione simpatia, però, potrebbe partire anche da queste cose.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 05:01

Dallapiccola: “Il Trentino può essere un territorio all’avanguardia nella gestione dei grandi carnivori, eppure la Giunta continua ad evitare di affrontare il problema esasperando la situazione fra allevatori e ambientalisti”. Sono tante le soluzioni che possono essere adottate per la prevenzione dei danni da grandi carnivori ma tra il 2018 e il 2019 la Pat ha realizzato meno opere e investito meno soldi

15 luglio - 19:17

Il presidente Renato Villotti: " Purtroppo quando uno è debole e disperato tutto gli va bene pur di non morire. E la criminalità si presenta con soldi contanti pronti per essere usati”. Per Confesercenti tra gli interventi utili a superare questa crisi che sta sconvolgendo bar e ristoranti vi è il blocco dello smart working

15 luglio - 17:36
Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia. Sono stati analizzati 1.138 tamponi. Il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, ha firmato una nuova ordinanza che introduce alcune novità nella gestione delle misure di sicurezza per fronteggiare Covid-19
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato