Contenuto sponsorizzato

Altoatesini ''antipatici e arroganti meglio i trentini''. L'operazione simpatia da dove deve partire?

A pochi giorni dalla pubblicazione dello studio commissionato dal consiglio provinciale di Bolzano per capire come sono visti gli altoatesini dal resto degli italiani e dai risultati emersi il quotidiano altoatesino Salto.bz si interroga. Ecco cosa emerge

Pubblicato il - 15 aprile 2018 - 19:51

BOLZANO. “Wenn mir sou weitermochen nocher werfen sie ins vi den Stoot aussi”. Come dire: "Non preoccupiamoci, facciamo tranquillamente gli stronzi, così ci buttano fuori dallo Stato". E' quanto scriveva un utente sotto il profilo di Bernhard Zimmerhofer (Süd-Tiroler Freiheit) e rappresenterebbe una logica molto in voga in Alto Adige.

 

A pochi giorni dalla pubblicazione dello studio commissionato dal consiglio provinciale di Bolzano per capire come sono visti gli altoatesini dal resto degli italiani e dal fatto che il risultato emerso non sia proprio dei più lusinghieri (sarebbero arroganti e antipatici meno accoglienti e empatici dei cugini trentini) ecco l'analisi del quotidiano nostro partner, Salto.bz sul tema. Parte da questa riflessione chiedendosi: "Se il Sudtirolo e i sudtirolesi suscitano, in Italia, diffidenza e antipatia ciò non dipende (anche) dalla diffidenza e dall'antipatia che l'Italia e gli italiani suscitano in Sudtirolo?".

 

Noi aggiungiamo che, forse, l'antipatia comincia dalla base: iniziare a chiamarsi Alto Adige e altoatesini invece che usare i termini Sudtirolo e sudtirolesi sarebbe già un primo passo di avvicinamento verso il resto del Paese ma si sa, il problema è antico e il dubbio è amletico: essere o non essere? L'operazione simpatia, però, potrebbe partire anche da queste cose.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 09:29

E' successo nella tarda serata di ieri, sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Chiusa e Bolzano oltre alle forze dell'ordine. Fortunatamente non ci sono stati feriti 

21 novembre - 18:12

Nata cinque anni fa è una delle prime biblioteche ad alta quota. All'interno si possono trovare libri di tutti i tipi anche in lingua straniera ma anche laboratori e spazi gioco per i più piccoli. Il successo è tanto che quest'anno la biblioteca all'interno dell'igloo cerca personale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato