Contenuto sponsorizzato

Caso Civettini nel centrodestra, ora tocca a Fugatti. Lega, ''La questione non è chiusa''

Civica Trentina nella riunione di coalizione avvenuta ieri ha chiesto, assieme ad altre liste, che non siano posti veti alla ricandidatura dei consiglieri provinciali uscenti. Il segretario della Lega, Mirko Bisesti, consulterà il direttivo del partito e entro domenica riferirà alla coalizione. "L'ultima decisione spetterà al candidato presidente Maurizio Fugatti" 

Di G.Fin - 14 settembre 2018 - 19:45

TRENTO. Per qualcuno è una “commedia” per altri siamo arrivati a “Beautiful” sulla possibile candidatura o meno del consigliere di Civica Trentina, Claudio Civettini.

 

Fatto sta che ieri, dopo le tensioni nelle scorse settimane e dopo alcuni veti dei partiti interni alla coalizione, Civica Trentina avrebbe in qualche modo ottenuto da altre liste interne l'appoggio per chiedere che non sia messo alcun veto sulla ricandidatura dei consiglieri provinciali uscenti.

 

Ed è proprio questo che viene riportato in un comunicato stampa con tanto di firma del candidato presidente Maurizio Fugatti, nel quale si afferma che “Nella riunione odierna dei partiti che formano la coalizione popolare autonomista per il cambiamento, che sostiene il candidato presidente Maurizio Fugatti, più partiti della stessa coalizione hanno dato indicazione allo stesso che non sussiste per i medesimi problema alcuno relativamente alla candidatura di ogni consigliere provinciale uscenti di centrodestra, ivi incluso il consigliere Claudio Civettini”.

Una decisione, questa, che se da un lato ha visto l'appoggio di diverse liste dall'altro ha fatto storcere il naso a molti. Per primi agli esponenti di Agire. Claudio Cia ha già spiegato nei giorni scorsi la propria posizione in merito Claudio Civettini. “Noi di Agire non mettiamo veti su altre liste, ma abbiamo il dovere di evidenziare il macroscopico problema di instabilità che a nostro parere alcune presenze nella futura maggioranza potrebbero facilmente provocare. Il governo del cambiamento avrà tanto bisogno di alleati affidabili e di persone positive”.

 

La stessa Lega, partito nel quale Claudio Civettini militava prima di iscriversi alla Civica, ha espresso, fin dall'inizio ha espresso la propria contrarietà alla sua candidatura attraverso il presidente Alessandro Savoi.

 

La scelta finale sarà affidata al candidato presidente Maurizio Fugatti. Per la Lega, spiega il segretario Mirko Bisesti, “la questione non è chiusa”. Proprio per questo nelle prossime ore ci sarà una sorta di consultazione interna tra i membri del direttivo tenendo conto di quello avvenuto oggi durante l'ultima riunione della coalizione. “Entro il fine settimana – ha affermato Mirko Bisesti – riporterò alla coalizione l'esito di questa consultazione”.

 

L'obiettivo è quello di arrivare tutti assieme ad una decisione definitiva. Di certo, in caso che questa fosse sfavorevole a Civettini, diventerebbe molto difficile, visto i tempi, per Civica Trentina sganciarsi dalla coalizione come aveva fatto intendere in passato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 13:20

Sorprendono positivamente i rilevamenti nelle acque venete con un solo punto inquinato. Male la Lombardia, su cinque punti monitorati due sono risultati fortemente inquinati. Promossi invece a pieni voti il lago d’Iseo e quello di Santa Croce in provincia di Belluno

16 luglio - 06:01

Ormai il caso è noto. E' un'escalation di reazioni dopo che M49 è stato catturato, ma è riuscito a fuggire. Brambilla: "Corri e salvati M49 e grazie per aver dimostrato con la tua fuga, una volta di più, l’imperizia e il dilettantismo di chi ha dichiarato guerra a te, ma anche a tutti i tuoi simili". Ciampolillo: "Un atto violento e illegittimo contro il mondo degli animali"

16 luglio - 08:50

La padrona si è vista entrare in casa il povero gatto dolorante. Il veterinario nel referto ha certificato che il ferimento dell’animale è stato causato da un colpo sparato presumibilmente da una carabina. La perquisizione domiciliare ha permesso di ritrovare l'arma 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato