Contenuto sponsorizzato

Cottarelli a Trento: ''Stavo per guardare Breaking Bad quando ha chiamato il Quirinale. Sono contento del nuovo governo''

Mattarella gli aveva affidato l'incarico ma alla fine è nato il governo politico a guida Conte. Mister ''spending review'' spiega cosa avrebbe fatto da premier: "Mi piace l'idea di semplificare la burocrazia e la lotta all'evasione. Non mi piace l'idea di aumentare il debito. Primo tema da affrontare? Gli sbarchi''

Di Luca Pianesi - 01 giugno 2018 - 12:45

TRENTO. "Avevo appena finito di fare lezione con i miei studenti, ero rientrato a casa e stavo per mettermi a guardare Breaking Bad quando ha suonato il telefono ed era il Quirinale, ma fin dall'inizio ho sperato riuscisse a nascere un governo politico". Niente zainetto da ricercatore, ma trolley alla mano e abito sempre impeccabile. E dire che c'assomiglia anche un po' a quel Bryan Cranston protagonista della mitica serie americana. 

 

Carlo Cottarelli è parso molto sollevato questa mattina a Trento, fuori dalla facoltà di Lettere. Intorno alle 12 era atteso per prendere parte al Festival dell'Economia ed è stato di parola. Nonostante fino a ieri fosse in ballo per la presidenza del consiglio. Sono state giornate convulse e difficili e glielo si legge in faccia. Il sorriso si allarga alla domanda ''è contento di essere a Trento'' e la risposta è sincera: "Assolutamente sì, per me è molto meglio essere qui''. 

 

 

Le domande, però, erano tante e lui non si è sottratto prima di partecipare alla conferenza dedicata al suo libro "I sette peccati dell'economia italiana". "Il nuovo governo politico - spiega - permette di evitare una nuova campagna elettorale che si sarebbe concentrata solo sul sì euro e sul no euro mentre, per fortuna, speriamo di aver messo da parte questa discussione. Ora partirà questa nuova legislatura, hanno un programma e penso lo attueranno. Personalmente non mi piace l'idea che hanno che per crescere serva aumentare il deficit pubblico. Io non sono d'accordo perché l'Italia ha già un debito pubblico molto elevato. Sono d'accordo, invece, sulla proposta di semplificazione della burocrazia, sulla lotta alla corruzione e all'evasione fiscale, anche se non ne condivido gli strumenti da loro pensati".

 

E poi c'è il grande tema delle pensioni, visto che poi alle 14.30 sarà il turno di Elsa Fornero salire sul ''palco'' di Lettere per il Festiva dell'Economia. "Sulle pensioni non possiamo avere una riforma che ci fa spendere di più - prosegue Cottarelli -. Si possono fare degli aggiustamenti alla leggi attuali anche per tutelare alcune categorie particolarmente disagiate, ma spendiamo già troppo per le pensioni". E il problema più immediato da affrontare qual è? "Per una questione stagionale ora si proporrà subito la questione degli sbarchi - conclude l'attuale direttore dell'Osservatorio sui conti pubblici dell'Università Cattolica -. Poi ci sarà da elaborare una legge di bilancio. Io l'avrei fatta per ridurre il deficit, loro la faranno con una prospettiva di aumento almeno per quanto riguarda gli accordi con l'Europa. C'è poco da fare. Flat tax e altri punti fondanti del programma se attuati, a regime, provocheranno un aumento del deficit di 110/125 miliardi. Ovviamente non faranno tutto subito ma qualcosa dovranno fare". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato