Contenuto sponsorizzato

Doppia cittadinanza, Paolo Primon lancia la petizione: ''Non dimenticate il Tirolo italiano, un diritto che ci appartiene''

L'obiettivo è quello di raggiungere 10 mila firme entro ottobre.  In previsione gazebi e incontri sul territorio per fare centro. Paolo Primon: "Serve l'unità di tutti, oltre le appartenenze politiche: un senso di unità popolare per affermare la vera identità del nostro passato, ma anche un'opportunità in più per il futuro del nostri figli"

 

Di Luca Andreazza - 28 aprile 2018 - 15:44

TRENTO. "Chiediamo la doppia cittadinanza austriaca-italiana per i trentini tirolesi di lingua italiana, ma anche ladini, cimbri e mocheni: questo è un diritto storico, oltre che una vera unione e tutela delle minoranze nell'Euroregione tirolese", queste le parole di Paolo Primoncomandante della Schützenkompanie Trient Major Giuseppe de Betta, che lancia una petizione popolare per portare la causa in Austria.

 

Obiettivo? "E' ambizioso - aggiunge Primon - ma possibile, dobbiamo raggiungere dieci mila firme per ottobre, oltre alle 2 mila già raccolte. Serve l'unità di tutti, oltre le appartenenze politiche: un senso di unità popolare per affermare la vera identità del nostro passato, ma anche un'opportunità in più per il futuro del nostri figli". In previsione gazebi e incontri sul territorio per fare centro.

 

In questa operazione la Schützenkompanie Trient Major Giuseppe de Betta parte dalle firme già raccolte, ma anche dai dati del Servizio statistica della Provincia dei residenti appartenenti alla popolazione di lingua ladina, mochena e cimbra che supera quota 21 mila unità, 21.282 per la precisione.

A questo si aggiunge l'incontro a Vienna al Ministro degli esteri per perorare la causa della doppia cittadinanza: "L'appartenenza austriaca - spiega il comandante - non si ferma a Salorno, ma va da Kufstein a Borghetto d'Avio. Nonostante molte pressioni politiche contrarie alla nostra partecipazione nella discussione della doppia cittadinanza, abbiamo firmato un documento d'intenti".

 

Tra gli argomenti anche la toponomastica, come "Il cambio - dei cognomi dei trentini tirolesi nel dopoguerra, ma anche dei nomi dei paesi in epoca fascista, oltre a tutti i soprusi subita dalla popolazione non si è allineata alle direttive italiane".

 

 

Una doppia cittadinanza rilanciata in modo quasi ciclico, ma che subisce anche altrettante battute d'arresto. "Se si verifica una volontà popolare molto forte si può fare risultato anche per i tirolesi di lingua italiana. In questa istanza dobbiamo comprendere il Tirolo storico e guardare anche alle zone di Pedemonte, Val Vestino e Cortina d'Ampezzo".

 

E il riferimento corre all'Alto Adige. "Qui - evidenzia Primon - si guarda al Triveneto, un artifizio fascista. I risultati della politica provinciale è evidente: i nostri cugini, che mantengono un'identità è migliore sotto tutti i punti di vista, come conferma il livello del Pil. L'Austria non deve abbandonare il Trentino solo perché i nostri rappresentanti rivolge il proprio sguardo a Roma". 

 

La Schützenkompanie Trient Major Giuseppe de Betta cerca di superare le divisioni per raggiungere l'obiettivo. "Spero di convincere - commenta Primon - tutte le associazioni storiche culturali, Kaiserjäger, Standschützen e Schützen, ma anche appassionati di storia tirolese e tutti i trentini che vogliono avere un'ulteriore opportunità, libertà di scelta e mantenere la specificità del territorio. Non vogliamo dividere, ma unire: la mescolanza è bella".

 

Tante le domande che Primon pone in materia doppia cittadinanza. "A chi può dare fastidio? A chi reca danno? Non sarebbe meglio avere altre opportunità? Come mai in Europa ci sono stati con più cittadinanze? Quale problema crea all'Italia?". A breve giro arriva anche la risposta: "Dobbiamo dare un senso alla nostra vita - dice - alla nostra vita per non diventare uomini senza qualità perché una persona senza identità e cultura è senza qualità: abbiamo l'obbligo nei confronti delle generazioni future".

 

Il prossimo passo sarà verso dicembre: "Un altro incontro - conclude Primon - per conquistare un diritto che ci appartiene".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato